LO HA INCASTRATO IL CANE - CATTURATO IL "CANNIBALE DI BERLINO": E' UN 41ENNE INSEGNANTE DI CHIMICA E MATEMATICA - LE OSSA DELLA SUA VITTIMA SONO STATE RITROVATE IN UN PARCO DA UN CANE DA FIUTO - E' ACCUSATO DI OMICIDIO A SFONDO SESSUALE DI UN UOMO CONOSCIUTO SU UNA CHAT GAY - IN CASA AVEVA UN ENORME FRIGORIFERO E ATTREZZI SOSPETTI COME SEGHE E GROSSI COLTELLI...

-

Condividi questo articolo

Tonia Mastrobuoni per www.repubblica.it

 

Il primo osso lo trovano due passanti per caso, l’8 novembre, mentre passeggiano in un bosco a nord di Berlino. Quando gli inquirenti lo analizzano, fanno una scoperta che li raggela: è completamente spolpato, è un osso umano, l’osso della gamba di un uomo scomparso due mesi prima: Stefan T.

cannibalismo 3 cannibalismo 3

 

Grazie ai cani da fiuto, i poliziotti rintracciano in brevissimo tempo l’assassino: Stefan R., un insegnante quarantunenne di chimica e matematica. L’accusa è omicidio a sfondo sessuale, il sospetto cannibalismo. E i dettagli che emergono man mano dall’inchiesta sulla sua vita lasciano senza fiato. Un agente ha rivelato a Bild che “in base all’osso ritrovato, spolpato, e ad altri indizi, sospettiamo fortemente che Stefan T. sia rimasto vittima di un cannibale”. La Germania è sconvolta.

 

Secondo le prime ricostruzioni, Stefan R. adesca la sua vittima su una chat gay. È poco prima di mezzanotte del 5 novembre, quando Stefan T., un montatore 44enne, lascia il suo appartamento del quartiere berlinese di Pankow per raggiungere Stefan R. a Lichtenberg. Da allora, le sue tracce si perdono. I coinquilini lanciano quasi subito l’allarme, ne denunciano la scomparsa.

 

CANNIBALI CANNIBALI

Quando la polizia rintraccia l’assassino e irrompe nel suo appartamento, trova un enorme freezer. Vuoto. E attrezzi sospetti come seghe e coltelli. Sui computer, gli inquirenti rintracciano ulteriori prove che Stefan R. potrebbe aver mangiato la sua vittima. Avrebbe fatto ricerche sul cannibalismo. E sarebbe intervenuto su una chat in cui si disquisiva sulle conseguenze di un taglio del pene. “Nella mia esperienza - scriveva - alcuni uomini desiderano la ‘perdita’ del pene, perché si vedono come donne (…) Altri lo considerano l’espressione di una pratica sadomaso”.

 

Il caso ricorda quello del “cannibale di Rotenburg”, che adescava le sue vittime su internet e si era costruito una sorta di mattatoio in casa. Nel 2001 aveva conosciuto un ingegnere 41enne che negli ambienti della prostituzione berlinese non aveva mai nascosto il desiderio macabro di essere “mutilato”. Quando il suo omicidio fu scoperto, il “cannibale di Rotenburg” continuò a sostenere che la vittima gli avesse chiesto di farsi tagliare il pene. È stato condannato all’ergastolo.

 

Condividi questo articolo

media e tv

‘’MARADONA NON È MORTO, È SOLO ANDATO A GIOCARE IN TRASFERTA” – LA MORTE DEL GENIO DEL CALCIO HA COLPITO PAOLO SORRENTINO MENTRE STA GIRANDO A NAPOLI. “E' STATA LA MANO DI DIO” - A MARADONA SONO STATI DEDICATI NUMEROSI FILM DIRETTI DA REGISTI DIVERSI TRA LORO COME EMIR KUSTURICA, MARCO RISI,  ASIF KAPADIA – NERI PARENTI HA AVUTO L'ONORE DI DIRIGERE IL PIBE DE ORO IN UN CINEPANETTONE: TIFOSI (1999), IN CUI IL CAMPIONE INTERPRETA SE STESSO E SI FA RAPINARE DA NINO D'ANGELO

politica

CONTE È DAVVERO IN BILICO? NON FINCHÉ DURA IL COVID NON SARA’ PIATTO E VACCINATO - A FEBBRAIO, INVIATI I PIANI DEL RECOVERY FUND, CONTE SI TROVERÀ DAVANTI A UN BIVIO: O SI RICORDERÀ CHE È STATO MESSO DA DI MAIO A PALAZZO CHIGI PER MEDIARE TRA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, E NON PER FARE IL MONARCA ASSOLUTO, OPPURE TORNERÀ A FARE L'AVVOCATO – MATTARELLA CHIEDE IL NOME DEL SOSTITUTO DI CONTE MA NON C’E’ ACCORDO (DI MAIO ACCETTARE UN ISCRITTO PD). CERCASI UN ESPONENTE DELLA SOCIETA’ CIVILE O DEL ''DEEP STATE'' - IL PATTO BETTINI/GIANNI LETTA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute