IN ITALIA UN RAGAZZO SU QUATTRO FA SESSO NON PROTETTO – PER QUANTO RIGUARDA L’EDUCAZIONE SESSUALE A SCUOLA L’ITALIA È FERMA AGLI ANNI ’70. DA ALLORA TUTTE LE PROPOSTE DI LEGGE CHE PROVAVANO A INTRODURRE LA MATERIA DURANTE IL PERCORSO DI STUDIO SONO STATE LASCIATE STAGIONARE NEI CASSETTI, COME FOSSERO DELLE FORME DI PARMIGIANO – I PISCHELLI, SOPRATTUTTO DA GIOVANISSIMI, NON HANNO GLI STRUMENTI PER APPROCCIARSI ALLA SESSUALITÀ E RISCHIANO DI COMMETTERE ERRORI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Elisabetta Reguitti per www.ilfattoquotidiano.it

 

adolescenti e sesso 1 adolescenti e sesso 1

Era il 13 marzo 1975. Sono passati quasi cinquant’anni e siamo ancora a quel giorno in cui il deputato del Partito comunista italiano Giorgio Bini presenta la proposta di legge numero 3584: “Iniziative per l’informazione sui problemi della sessualità nella scuola statale”. L’Italia è imbalsamata a quel 13 marzo, compreso l’utilizzo di una definizione fuorviante come “problemi della sessualità”.

 

L’unico vero problema è che dopo mezzo secolo siamo tra i pochi in Europa a non avere alcun programma scolastico in materia; insieme a Cipro, Bulgaria, Polonia, Romania e Lituania. A ricordarlo – durante un’edizione del convegno nazionale dell’Associazione italiana per l’educazione demografica (Aied) – anche il presidente Mario Puiatti sottolineando come un’educazione sessuale a scuola possa agevolare uno sviluppo più consapevole delle emozioni di ogni relazione, soprattutto se si tratta della prima. […]

sesso generazione z sesso generazione z

 

Eppure non sono mancate le proposte di legge passate, tuttavia, direttamente dagli scranni parlamentari al dimenticatoio. L’ultima – in ordine temporale – è la numero 3100 del 7 maggio 2021 e fa riferimento, tra l’altro, all’indagine nazionale effettuata dal ministero della Salute nel 2019, nella quale è emerso come la famiglia rappresenti un contesto in cui difficilmente si affrontano argomenti come sessualità, infezioni sessualmente trasmissibili o contraccezione. […]

 

Il testo della proposta di legge presentato da Ascari è scritto senza usare il tipico, incomprensibile, burocratese della politica. E’ essenziale, chiaro e condivisibile: due soli articoli scritti con cognizione di causa ma anche partecipazione “umana” in cui si considera, peraltro prioritario “la divulgazione di informazioni anche di carattere sanitario e scientifico per la promozione della salute sessuale intesa come benessere psicologico della persona”. Per inciso: un ragazzo su quattro dichiara di avere rapporti sessuali non protetti. Educazione affettiva e sessuale nella scuola italiana, questa sconosciuta.

adolescenti e sesso 3 adolescenti e sesso 3 adolescenti e sesso 2 adolescenti e sesso 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?