KAZAKI AMARI - COLPO DI SCENA SUL CASO SHALABAYEVA: IL SOTTOSEGRETARIO ALL'INTERNO NICOLA MOLTENI HA DEFINITIVAMENTE NEGATO CHE IL MARITO DELLA SHALABAYEVA RISULTASSE UN “RIFUGIATO POLITICO”. IN COMPENSO RISULTAVA ESSERE “RICERCATO AI FINI DI ARRESTO DA TRE PAESI MEMBRI DELL'INTERPOL PER GRAVI REATI”, COME TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA DI GROSSE SOMME DI DENARO – ADESSO TORNANO A SPERARE I POLIZIOTTI CONDANNATI CHE…

-

Condividi questo articolo


Giacomo Amadori per “La Verità”

 

alma shalabayeva alma shalabayeva

Colpo di scena nella vicenda dell'espulsione dall'Italia, avvenuta nel 2013, della cittadina kazaka Alma Shalabayeva, moglie del presunto dissidente Mukhtar Ablyazov, che ha portato, nel 2020, a sette condanne per sequestro di persona da parte del Tribunale di Perugia, tra cui quelle dei super poliziotti Renato Cortese e Maurizio Improta.

 

NICOLA MOLTENI NICOLA MOLTENI

Nelle scorse ore il sottosegretario all'Interno Nicola Molteni, rispondendo a un'interrogazione di cinque parlamentari grillini ha messo in ordine i fatti. E ha definitivamente negato che il marito della Shalabayeva risultasse un «rifugiato politico» (precondizione per cui sono stati condannati gli imputati) e in merito ha citato una lettera del 2013 inviata dal Segretario generale dell'Interpol al capo della polizia italiana.

 

ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA

Infatti il Regno unito non aveva mai riferito all'Interpol di aver concesso quello status ad Ablyazov e quindi la consultazione delle banche dati dell'Interpol non potevano rivelarlo, in compenso lo stesso risultava essere «un soggetto ricercato ai fini di arresto da tre Paesi membri dell'Interpol per gravi reati», come la truffa e l'appropriazione indebita di grosse somme di denaro. Molteni ha sottolineato quindi che il capo dell'Interpol, dopo il presunto sequestro, aveva ribadito che «nessun Paese membro dell'Interpol sarebbe stato in grado sapere, attraverso il Segretariato generale, che al signor Ablyazov era stato concesso dal Regno unito lo status di richiedente asilo o di rifugiato».

alma shalabayeva in tribunale alma shalabayeva in tribunale

 

È questo il quadro fornito dai ministeri dell'Interno, della Giustizia e degli Esteri riguardo a Ablyazov ai parlamentari 5 stelle che adesso chiedono la «riabilitazione di tutti coloro che hanno dovuto subire un'ingiusta condanna per i compiti svolti con decoro nell'esercizio delle proprie funzioni».

 

ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA

 I giudici hanno, anche, contestato ai poliziotti una sorta di asservimento al Kazakistan che era a caccia ricerca del presunto truffatore, ma una legge del 2016 ha ratificato un accordo di cooperazione del 2009 (precedente di 4 anni al presunto sequestro) firmato a Roma tra Italia e Kazakistan per il contrasto a diverse forme di criminalità

 

NICOLA MOLTENI NICOLA MOLTENI ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA mukthar ablyazov figlia alua e alma shalabayeva mukthar ablyazov figlia alua e alma shalabayeva ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA ALMA SHALABAYEVA TORNA A ROMA

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

DIGERITO IL CASO DELLA PACCA SUL CULO A GRETA BECCAGLIA, E' IL MOMENTO DI FARSI UNA DOMANDA: MA PERCHE' LE GIORNALISTE SPORTIVE SO' TUTTE PIN UP? COSA C'ENTRANO L'AVVENENZA, LA SENSUALITA', LE TETTE RIGONFIE CON L'INFORMAZIONE? - LE BONONE VENGONO "USATE" PER ALZARE L'AUDIENCE E IL LORO CORPO E' UN'ESCA PER TELE-PIPPAROLI - VOLETE FARE UNA BATTAGLIA CONTRO IL MASCHILISMO E IL SESSISMO? IMPEDITE ALLE TV DI SFRUTTARE LA GNOCCA PER FARE ASCOLTI E VEDIAMO QUANTE DI QUESTE ACUTISSIME "GIORNALISTE" RIUSCIRANNO A FARE CARRIERA ALTROVE...

politica

business

LA TIM E’ TUTTA UN QUIZ NEL PENTOLONE BOLLE LA SCELTA DA PARTE DI TIM DEGLI ADVISOR CHE DOVRANNO ESAMINARE L’OFFERTA DI KKR. IL RUOLO DELLA CONSIGLIERA ILARIA ROMAGNOLI, EX ROTHSCHILD. MA DIRANNO LA LORO ANCHE ASSOGESTIONI E SALVATORE ROSSI, EX BANKITALIA, CHE CI TIENE ALLA SUA POLTRONA DI PRESIDENTE (CHE SARÀ SEMPRE DI NOMINA GOVERNATIVA) E SA BENE CHE IL TRIO GIORGETTI, COLAO E FRANCO È FILO AMERICANO. DOPODICHÉ I DUE PIANI INDUSTRIALI DI VIVENDI E KKR, AMBEDUE CON LO SCORPORO TIM SERVIZI E TIM RETE, ANDRANNO ALL’ATTENZIONE DEL GOVERNO – IL DUELLO BOLLORÈ-MACRON – BUM! PARE CHE ILIAD STIA TRATTANDO CON VODAFONE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute