“L'EUROPA SI PUÒ PERMETTERE UNO SFORZO IN PIÙ PER L’UCRAINA. ITALIA E GERMANIA POSSONO AUMENTARE LA SPESA PER LA DIFESA” – L’ECONOMISTA DANIEL GROS: “NEGLI ANNI ‘80, SENZA CONFLITTI APERTI, SPENDEVAMO MOLTO DI PIÙ PER LA DIFESA. DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO CI SAREBBE UN IMPATTO MODESTO - OCCORRE UN CAMBIAMENTO PSICOLOGICO: CI SIAMO ABITUATI ALLA PACE MA DOBBIAMO ABITUARCI AL PERICOLO - C'È BISOGNO DI UN COMPROMESSO FRA STATI PER EVITARE CHE SI DIFENDANO I ‘CAMPIONI NAZIONALI’ DELLA DIFESA CON OTTICHE PROTEZIONISTICHE”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Fabrizio Goria per “la Stampa”

 

daniel gros daniel gros

«L'Europa si può permettere uno sforzo in più. Anche Italia e Germania hanno margine per aumentare la spesa per la difesa. Mosca no. La minaccia esterna della Russia impone un'azione coordinata, che vada oltre il concetto dei nazionalismi industriali». Daniel Gros raccoglie con pragmatismo il suggerimento del Consiglio europeo, Charles Michel, secondo cui l'Ue dovrebbe prepararsi alla cosiddetta «economia di guerra». L'economista tedesco della Bocconi e del Ceps vede più ostacoli politici che finanziari […]

EUROPA E LE ARMI ALL UCRAINA EUROPA E LE ARMI ALL UCRAINA

 

Le parole di Michel sono un invito che si realizzerà?

«[…] c'è bisogno di un compromesso fra Stati per evitare che si difendano i "campioni nazionali" dell'industria della difesa e dell'aerospazio. Il tutto nella ragionevole speranza che, anche se alcune imprese nazionali perdono e altre guadagnano, al netto tutto il sistema ne tragga vantaggio».

 

Si parla di "economia di guerra". Che contraccolpo per l'Ue?

«Che l'Ue si debba preparare alla guerra mi sembra ovvio visto che un conflitto è già in corso. Non chiamerei però "economia di guerra" un aumento della spesa per la difesa verso e oltre il 2 % del Pil. Negli Anni ‘80, senza conflitti aperti, spendevamo molto di più per la difesa. Dal punto di vista economico ci sarebbe un impatto modesto. […]».

 

Sotto il profilo sociale cosa cambia?

RUSSIA E UCRAINA - GLI ARSENALI RUSSIA E UCRAINA - GLI ARSENALI

«Non credo ci sarebbero conseguenze significative. Le implicazioni sarebbero quasi nulle.

Nel senso che si tratterebbe di alzare i deficit o le tasse, ma in quantità minima».

 

[…] Cosa serve oggi?

«Ciò che occorre è un cambiamento psicologico, prima che sociale. Ci siamo abituati alla pace e al fatto che non ci fosse alcuna minaccia dal punto di vista militare. Adesso però dobbiamo abituarci al pensiero che esiste questo pericolo. È questa la parte più importante. […]».

 

[…] Per l'Italia cosa cambierebbe in caso di più risorse destinate alla difesa?

«La differenza fra Italia e Germania non è tanto sul piano psicologico, bensì su quello economico-finanziario. Per Berlino aumentare le spese per difendere l'Ucraina e i confini europei è qualcosa di fattibile senza troppi problemi. […] Per Roma, come sappiamo, materialmente sarebbe possibile agire in modo analogo».

guerra in ucraina 1 guerra in ucraina 1

 

L'Italia che margini ha?

«Avrebbe la capacità di fare molto di più per sostenere l'Ucraina e la difesa europea. Ma l'equilibrio politico, e anche mentale, è tale che gli sforzi accessori per queste due voci sarebbero in deficit. Non è una situazione congeniale. Se guardiamo i Paesi che a oggi sostengono l'Ucraina e spingono per un incremento della spesa militare europea troviamo un elemento comune a tutti. Hanno conti in ordine e un basso deficit».

 

L'industria europea della difesa sconta sempre un divario con Stati Uniti e Cina?

guerra ucraina 1 guerra ucraina 1

«Ha una notevole forza a livello globale. […] Non vedo troppi problemi a livello di tecnologia. La vera sfida è essere più uniti a livello industriale contro la minaccia odierna».

 

Quali ostacoli?

«Ogni Paese vuole mantenere il controllo sulle "sue" industrie. Vale a dire, agire con ottiche protezionistiche per motivi strategici. Non c'è nemmeno la volontà di aumentare la specializzazione tecnologica a livello di singolo Stato. Se si condividessero le tecnologie su scala europea, ci sarebbe un vantaggio diffuso. Ma non si può decidere a tavolino perché c'è di mezzo anche la concorrenza fra i singoli gruppi industriali». […]

i soldati in campo nella guerra tra russia e ucraina - dataroom i soldati in campo nella guerra tra russia e ucraina - dataroom ucraina il laboratorio dove si fabbricano armi finte ucraina il laboratorio dove si fabbricano armi finte Bakhmut guerra russia ucraina Bakhmut guerra russia ucraina ucraina il laboratorio dove si fabbricano armi finte ucraina il laboratorio dove si fabbricano armi finte i soldati uccisi nella guerra tra russia e ucraina - dataroom i soldati uccisi nella guerra tra russia e ucraina - dataroom i costi per la russia dlela guerra in ucraina - dataroom i costi per la russia dlela guerra in ucraina - dataroom

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO