“MI DEVI OBBEDIRE” – L’INCUBO DI UNA TOP MANAGER 30ENNE DI ROMA RICATTATA DA UN AVVOCATO NAPOLETANO DI 53 ANNI: L’UOMO HA FILMATO DI NASCOSTO LA LORO NOTTE BOLLENTE E HA USATO IL VIDEO PER CHIDERLE ALTRI APPUNTAMENTI HOT – QUANDO LA DONNA SPOSATA HA RIFIUTATO DI FARE ANCORA SESSO, LUI  È ANDATO DAI SUOI CAPI RIUSCENDO A FARLA LICENZIARE RACCONTANDO CHE…

Condividi questo articolo


Giuseppe Scarpa per www.repubblica.it

 

revnge porn revnge porn

Tutto inizia in un appartamento di Milano a fine maggio. Un incontro di una notte si trasforma in un ricatto. Lei è una top manager 30enne che lavora in una società in provincia di Roma. Lui un importante avvocato napoletano di 53 anni. Il legale registra il rapporto.

 

Poi la minaccia, altro sesso per evitare uno scandalo. Lei non ci sta, è sposata e quell'uomo non le interessa. Allora il professionista fa vedere il video al presidente dell'azienda dov'è impiegata la 30enne. L'avvocato la definisce una poco di buono che frequenta malavitosi. Risultato? La manager viene licenziata.

 

revenge porn 4 revenge porn 4

La 30enne reagisce. Passa al contrattacco, denuncia a Roma l'avvocato per stalking e revenge porn. Ad agosto i carabinieri a Capri bussano nell'appartamento del 53enne, proprio nel bel mezzo della sua vacanza. Avviso di garanzia e decreto di sequestro per tablet e telefonini. Inizia l'indagine degli inquirenti capitolini.

 

La storia è complessa. La vittima si accorge che qualche cosa non va proprio nell'appartamento milanese a fine maggio. Un flash li illumina mentre sono abbracciati. Intuisce che c'è un dispositivo che li registra. Chiede spiegazioni all'avvocato. Il legale ammette la volontà di riprendere il rapporto. La 30enne è categorica. Gli chiede di cancellare tutto. L'uomo, apparentemente, soddisfa la sua richiesta.

revenge porn 3 revenge porn 3

 

Quella serata, iniziata come incontro di lavoro, si conclude così. La manager torna a Roma. L'avvocato a Napoli. Poi iniziano ad arrivare i primi messaggi: le chiede insistentemente di vedersi. Fissa appuntamenti in diversi alberghi. La 30enne rifiuta. Per la manager non è facile. Il legale, infatti, sta trattando con la sua stessa azienda per concludere alcuni importanti affari.

 

revenge porn 2 revenge porn 2

Alla fine, a metà giugno, invia uno screenshoot del video. Non l'aveva cancellato, c'è lei a torso nudo. A questo punto i due si chiamano: "Obbedisci, mi devi obbedire", dice l'avvocato alla manager secondo la testimonianza offerta dalla stessa donna.

 

I primi di luglio accade l'imponderabile. La 30enne viene convocata dal presidente della società. Il numero uno dell'azienda in cui lavora è scuro in volto. Secondo la ricostruzione offerta dalla vittima lui le riferisce: "l'avvocato mi ha detto che sei una donna di basso livello, molto vicina agli ambienti dello spaccio della droga e della ricettazione, inoltre stanno circolando immagini compromettenti sul tuo conto". Immagini mostrate dallo stesso legale al presidente.

revenge porn 1 revenge porn 1

 

La manager viene accompagnata alla porta. Il suo lavoro nella società è terminato. Per la donna è un incubo. Decide, però, di reagire. Denuncia tutto. Il 10 di agosto i carabinieri a Capri danno il via ai sequestri dei "dispositivi elettronici" dell'uomo. Adesso, gli investigatori, indagano e vanno a caccia del video hot usato per ricattare la manager.

revenge porn 1 revenge porn 1

 

REVENGE PORN CHAT REVENGE PORN CHAT REVENGE PORN REVENGE PORN REVENGE PORN REVENGE PORN revenge porn 2 revenge porn 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL DIVANO DEI GIUSTI/2 - IN CHIARO STASERA VEDO UNA MAREA DI REPLICHE E POCHE NOVITÀ. IN PRIMA SERATA AVETE "MATRIMONIO ALL’ITALIANA" ULTRACLASSICO DI VITTORIO DE SICA CON SOPHIA LOREN, MARCELLO MASTROIANNI, ALDO PUGLISI, MARILÙ TOLO E TECLA SCARANO - IN SECONDA SERATA TROVATE JAVIER BARDEM E VICTORIA ABRIL COME SESSODIPENDENTI IN CURA NEL FILM “TRA LE GAMBE”: ASSOLUTAMENTE DA RECUPERARE. C'E' PURE "LA RIPETENTE FA L’OCCHIETTO AL PRESIDE” DI MARIANO LAURENTI CON LINO BANFI, ALVARO VITALI, CARLO SPOSITO… - VIDEO

politica

ALLORA E’ UN VIZIO! QUANDO MELONI ATTACCAVA BANKITALIA: “L’ORO È DEGLI ITALIANI, NON DEI BANCHIERI” - DA DONNA GIORGIA BORDATE BEN PRIMA DI FAZZOLARI: NEL 2019 L’AFFONDO SULLE RISERVE AUREE: L’ITALIA ERA GOVERNATA DALL’ALLEANZA CONTE-SALVINI, E LO SPREAD COI TITOLI TEDESCHI ERA AI LIVELLI DI GUARDIA. DITE AL DUPLEX FAZZOLARI-MELONI CHE SE BANKITALIA NON FOSSE UN ENTE PUBBLICO PARTECIPATO DALLE FAMIGERATE BANCHE PRIVATE, NON AVREBBE AVUTO LA CREDIBILITÀ CHE OGGI PERMETTE AL TERZO DEBITO MONDIALE DI MANTENERE UNO SPREAD ACCETTABILE E DI…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute