“NON CI TRASFERIREMO A PALAZZO CHIGI, NON ABBIAMO INTENZIONE DI FAR CRESCERE LÌ NOSTRA FIGLIA GINEVRA” -  PARLA ANDREA GIAMBRUNO, COMPAGNO DI GIORGIA MELONI: “SAREBBE CONTROPRODUCENTE E FUORVIANTE. VOGLIAMO CHE NOSTRA FIGLIA CRESCA IN SERENITÀ, DISTANTE DA REALTÀ CHE MARCHEREBBERO LA DISTANZA CON I SUOI COETANEI - ABBIAMO FESTEGGIATO IERI, A CASA, CON LE PERSONE PIÙ INTIME E A CUI VOGLIAMO PIÙ BENE. IL BRINDISI CI STAVA, NON È CHE CAPITI TUTTI I GIORNI DI DIVENTARE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”

-

Condividi questo articolo


Da www.repubblica.it

 

andrea giambruno andrea giambruno

"La cerimonia è stata emozionante, davvero molto bello vederla giurare al Quirinale in un giorno che segna comunque un cambiamento epocale". Andrea Giambruno in serata racconta le emozioni provate nel giorno in cui la sua compagna Giorgia Meloni è diventata premier giurando sulla Costituzione davanti al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Nel Salone delle Feste al Quirinale, lui c'era insieme alla figlia Ginevra, sei anni ed elegantissima per l'occasione.

andrea giambruno e arianna meloni andrea giambruno e arianna meloni

 

"È stata bravissima - dice il papà all'Adnkronos - all'inizio era imbarazzata: è un contesto al quale non è abituata, poi c'era una gran curiosità dei giornalisti, dei fotografi, ed era anche emozionata per la sua mamma". La priorità è tutelare la loro bambina, per questo la famiglia Giambruno-Meloni non 'traslocherà' negli appartamenti di Palazzo Chigi: "Fortunatamente abbiamo una casa, non abbiamo intenzione di far crescere lì nostra figlia Ginevra: sarebbe controproducente, sarebbe fuorviante".

 

andrea giambruno e la figlia al quirinale andrea giambruno e la figlia al quirinale

"La priorità per noi è tutelare lei - spiega ancora Giambruno - farla crescere nella maniera più naturale possibile. Vogliamo che nostra figlia cresca in serenità, distante da realtà che marcherebbero la distanza con i suoi coetanei. Poi più andrà avanti con gli anni e più si renderà conto di avere una super mamma, ma anche una storia non consona a una bimba della sua età. Ora Ginevra è serena e quel che più conta, per me e Giorgia, è preservare questa sua serenità".

andrea giambruno e giovanna ianniello al quirinale andrea giambruno e giovanna ianniello al quirinale

 

Giambruno racconta come la giornata è proseguita. Il resto del pomeriggio la premier l'ha trascorso in famiglia, dopo aver preso parte al funerale di Francesco Valdiserri, il giovane 18enne investito e ucciso la notte del 20 ottobre a Roma, in via Cristoforo Colombo, figlio di una coppia di noti giornalisti. "Un momento devastante", dice Giambruno. Poi la corsa a scuola di Ginevra, "per prendere parte alla festa dei nonni. Giorgia non poteva mancare, lei è davvero una super mamma. E poi come tutte le donne ha una marcia in più, è multitasking, riesce a fare più cose contemporaneamente". Il suo arrivo a Palazzo Chigi "lo abbiamo festeggiato ieri, a casa, con le persone più intime e a cui vogliamo più bene. Gli amici di sempre. Del resto il brindisi ci stava, non è che capiti tutti i giorni di diventare presidente del Consiglio".

ANDREA GIAMBRUNO GIORGIA MELONI ANDREA GIAMBRUNO GIORGIA MELONI

 

Una premier che viaggerà, cercando di conciliare gli impegni del lavoro con quelli di famiglia. "Si, credo che inizierà a viaggiare parecchio, ma io non credo di seguirla in missione - risponde a chi gli domanda se viaggerà con lei - magari lo farò nelle occasioni in cui è più indicato, previsto dal protocollo. Io spero di poter continuare a fare il mio lavoro", rimarca Giambruno, giornalista di Mediaset.

ANDREA GIAMBRUNO GIORGIA MELONI ANDREA GIAMBRUNO GIORGIA MELONI MELONI GIAMBRUNO MELONI GIAMBRUNO IL COMPAGNO DI GIORGIA MELONI, ANDREA GIAMBRUNO, E LA FIGLIA, AL GIURAMENTO DEL GOVERNO IL COMPAGNO DI GIORGIA MELONI, ANDREA GIAMBRUNO, E LA FIGLIA, AL GIURAMENTO DEL GOVERNO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?