DA “PRINCIPESSA PUNK” A MADRINA DEI RAZZISTI: LA PARABOLA DISCENDENTE DI GLORIA THURN UND TAXIS - LA NOBILE TEDESCA È FINITA SOTTO ACCUSA PER AVER ORGANIZZATO UNA CENA A CUI HA PARTECIPATO ANCHE L’ORGANIZZATORE DELLA CONFERENZA DI POTSDAM, NELLA QUALE SI PROPONEVA LA DEPORTAZIONE DI 2 MILIONI DI PERSONE - NEGLI ANNI È DIVENTATA FAMOSA PER LE SUE SPARATE: IN TV DISSE, A PROPOSITO DELL’AIDS IN AFRICA, CHE È DIFFUSO PERCHÉ “AI NERI PIACE SCOPARE”. L’ABORTO LO HA DEFINITO UN “MASSACRO DI MASSA” E...

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Mara Gergolet per www.corriere.it

 

GLORIA VON THURN UND TAXIS e GEORG GANSWEIN GLORIA VON THURN UND TAXIS e GEORG GANSWEIN

C’era un tempo in cui Gloria Thurn und Taxis era su tutte le copertine come la «principessa punk» della Germania. E c’è un presente in cui è diventata la principessa della destra, anche eversiva, tedesca. Lo scenario è sempre quello del castello di St. Emmeran, vicino a Ratisbona.

 

Cinquecento stanze, e alti costi di manutenzione, che la principessa copre affittando la location per eventi. Al mercatino di Natale al castello arrivano 300 mila persone. Al festival estivo (l’anno scorso sul palco c’erano Eros Ramazzotti e i Simply Red) oltre 30 mila. A margine di St. Emmeran ormai da anni si susseguono inviti al boicottaggio. Tutto questo prima che si sapesse di una cena, organizzata a luglio - e ricostruita da un’inchiesta della Süddeutsche Zeitung - con esponenti sotto osservazione dei servizi tedeschi, perché estremisti.

RATZINGER, ALESSANDRA BORGHESE E GLORIA VON THURN UND TAXIS RATZINGER, ALESSANDRA BORGHESE E GLORIA VON THURN UND TAXIS

 

Tra loro c’era anche l’organizzatore della famosa conferenza di Potsdam che proponeva la deportazione di 2 milioni di persone, tedeschi inclusi, e che ha portato per reazione la Germania a manifestare contro la Afd e per la democrazia per settimane intere. Ospite d’onore, Hans-Georg Maassen, altro esponente molto discusso (in negativo) questi mesi in Germania: è l’ex capo dei servizi segreti interni, messo sotto sorveglianza dai suoi stessi colleghi perché estremista e che nel frattempo ha fondato un partito, la Werte-Union.

 

Quella sera al castello si doveva organizzare la colletta per pagargli un grosso avvocato che impedisse la sua cacciata dalla Cdu. Una cifra, si dice, a sei zeri. L’avvocato fu ingaggiato, ma non servì a nulla, Maassen fu espulso lo stesso. Tra quelli che avevano staccato l’assegno c’era - insieme ad altri nomi della rete d’ultradestra - il dentista razzista e milionario, Gernot Mörig, l’uomo della Conferenza di Potsdam.

 

gloria thurn und taxis 1 gloria thurn und taxis 1

Intervistata dalla Süddeutsche , Gloria Thurn und Taxis che sedeva a tavola, ha risposto che non controlla mai la lista degli invitati «e che forse questa sarà l’occasione per farlo in futuro». Ma sembra veramente poco per allontanare le accuse di essere diventata la madrina dei razzisti. C’è stato, nella vita della principessa sempre poco corretta e attratta dalla trasgressione, un tempo in cui era la star assoluta delle prime pagine.

 

[…] Da quando fu eletto papa Ratzinger, nato a Ratisbona, è molto ben introdotta nelle cerchie vaticane e buona conoscente del monsignor Georg. Fu quando dovette occuparsi delle complicazioni dell’eredità dei Thurn und Taxis che, disse, scoprì la fede cattolica. In tutti questi anni a una cosa non ha mai rinunciato. A parlare, scandalizzare, ritrattare. E ripetere il ciclo da capo, di anno in anno in toni più radicali, a volte razzisti.

 

gloria thurn und taxis 2 gloria thurn und taxis 2

È rimasta nella cultura popolare la sua risposta in tv, quando a proposito dell’Aids in Africa disse che è perché «ai neri piace copulare» (uso una parola più esplicita, ndr ). Definisce l’aborto «massacro di massa», «prega molto» contro l’omosessualità, è stata all’incontro delle famiglie a Verona, ha detto che il Covid è opera del diavolo ma ha protestato per le cancellazioni delle messe. È amica di Steve Bannon, siede nel cda dell’Istituto di ricerca sul dialogo delle civiltà finanziato dalla Russia. Forse stavolta si è spinta oltre i limiti di quel che la Germania perdona. […]

gloria thurn und taxis 3 gloria thurn und taxis 3

Gloria Von Thurn und Taxis e Alessandra Borghese Gloria Von Thurn und Taxis e Alessandra Borghese

gloria thurn und taxis 4 gloria thurn und taxis 4

Gloria Thurn und Taxis autografa il libro Gloria Thurn und Taxis autografa il libro

ALESSANDRA BORGHESE E GLORIA VON THURN UND TAXIS ALESSANDRA BORGHESE E GLORIA VON THURN UND TAXIS Gloria Thurn und Taxis col figlio Albert Gloria Thurn und Taxis col figlio Albert

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?