“PURTROPPO IN ITALIA IL MANGANELLO NON SI USA PIÙ” – GIUSEPPE CRUCIANI A "LA ZANZARA" SU RADIO 24 INVOCA LE VIE BREVI PER STRONCARE I BLOCCHI DEL TRAFFICO DEI "GRETINI" DI ULTIMA GENERAZIONE – IL SURREALE DIALOGO TRA UN ATTIVISTA E UN POLIZIOTTO CHE SPIEGA: "SECONDO LORO ERA COLPA DEL 118. GLI HO DETTO CHE NON DECIDONO LORO LE TRATTE DELLE AMBULANZE" (INTRALCIANO ANCHE I MEZZI DI SOCCORSO: SIAMO A QUESTO LIVELLO DI FOLLIA!) - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto da nicolaporro.it

giuseppe cruciani a la zanzara - radio 24 giuseppe cruciani a la zanzara - radio 24

Cruciani ha criticato l’atteggiamento dei signori di ultima, come li chiamo io, degenerazione. Volevano bloccare la strada in un momento di alto traffico, di alta affluenza, di persone che andavano a lavorare e che li hanno gentilmente, ma non troppo, mandati a fare in culo”. Sull’idea degli attivisti di dirigere il traffico delle ambulanze italiane: “Perché in Italia il manganello non si usa più o si usa poco? Io non sono un fan del manganello, ma quando una strada va sgomberata, va sgomberata in qualche modo. Purtroppo il manganello non si usa più”.

 

 

 

IL POLIZIOTTO CHE HA SPIEGATO ALL'ATTIVISTA DI ULTIMA GENERAZIONE

gretini di ultima generazione bloccano viale fulvio testi 19 gretini di ultima generazione bloccano viale fulvio testi 19

Estratto da open.online

 

Alessandro Palmieri è l’agente della volante del commissariato di Cinisello Balsamo che ha spiegato agli attivisti di Ultima Generazione perché non potevano bloccare il traffico a Milano.

 

Su viale Fulvio Testi l’attivista provava a giustificare il blocco che stava frenando la corsa di un’ambulanza: «Noi abbiamo chiamato il 118 per far sì che le ambulanze non passassero di qua». L’agente risponde: «Ma non decidete voi le tratte delle ambulanze, devono passare di qua». L’attivista allora chiede al poliziotto di poter riprendere il blocco. La replica: «No non potete rimettervi. Io vi sposto prima che vi mettete, non ha senso che io sto qua a rischio che vi fate investire sotto la mia responsabilità per poi togliervi dopo. Ci stiamo prendendo in giro se facciamo così».

gretini di ultima generazione bloccano viale fulvio testi 25 gretini di ultima generazione bloccano viale fulvio testi 25

 

L’ambulanza

Palmieri oggi parla con il Corriere della Sera dell’accaduto. Partendo proprio dall’ambulanza: «Appena siamo arrivati li ho invitati ad alzarsi. Al loro “leader” ho spiegato: “Avete bloccato il traffico da qui a Lecco. Fatemi una gentilezza: lo sapete che a minuti, come sempre accade in questi casi, arriveranno le camionette con il reparto mobile che vi sposterà di peso.

 

Evitiamo il solito giochetto e alzatevi in autonomia”. Mi ha risposto che doveva confrontarsi con gli altri, ma nel frattempo s’è sentita arrivare la sirena di un’ambulanza…». E qui, dice a Pierpaolo Lio, «gli ho fatto notare l’importanza di far passare il mezzo di soccorso. E loro, va detto, si sono subito spostati. Ma come ci facessero un favore, non una cosa ovvia. Nella loro testa era quasi colpa del 118, perché loro avevano avvisato del blocco stradale. E per questo poi avevano l’idea un po’ assurda di tornare a bloccare la carreggiata. Non l’abbiamo permesso. Senza che se ne rendessero conto, ci siamo posizionati in modo da fare loro da scudo per proteggerli, ma anche per impedire di rimettersi in mezzo alla strada».

 

gretini di ultima generazione bloccano viale fulvio testi 1 gretini di ultima generazione bloccano viale fulvio testi 1

La discussione durante il viaggio in questura

Palmieri spiega anche che hanno provato a convincerlo delle loro ragioni «in auto, durante il viaggio verso la questura. Abbiamo chiacchierato serenamente, quasi come si fa al bar. Sono sicuramente persone con degli ideali. E che ci sia un problema ambientale è pacifico, siamo tutti d’accordo. Gli ho solo spiegato che magari ci potrebbero essere maniere diverse per esprimere questo giusto ideale»

 

(…)

gretini di ultima generazione bloccano viale fulvio testi 4 gretini di ultima generazione bloccano viale fulvio testi 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP