“QUEST’ANNO IO VUOLE IMPARARE ITALIANO BENE” - IN UN MANUALE DI LETTURE PER LA SECONDA ELEMENTARE SPUNTA UN BAMBINO NERO CHE PARLA MALE L’ITALIANO E OVVIAMENTE ARRIVA UNA BUFERA DI ACCUSE: “È RAZZISMO, SEMBRA PRESO DA UN PESSIMO FILM DEGLI ANNI TRENTA” - ALCUNI INSEGNANTI HANNO CHIESTO DI RITIRARE IL LIBRO, EDITO DAL GRUPPO EDITORIALE RAFFAELLO - BISOGNEREBBE CONSIGLIARLO A SUAREZ CHE PARLA ITALIANO CON I VERBI ALL'INFINITO...

-

Condividi questo articolo

 

 

Ilaria Venturi per www.repubblica.it

 

il bambino nero che parla male italiano nel manuale per la seconda elementare il bambino nero che parla male italiano nel manuale per la seconda elementare

E' la pagina del "bentornati a scuola", con i desideri dei bambini: quest'anno vorrei..."fare tanti disegni coi pennarelli", "andare sempre in giardino per la ricreazione" dicono gli alunni nel disegno della pagina.

 

Ma c'è un terzo bambino nero che dice: "Quest'anno io vuole imparare italiano bene". Una frase che indigna e scatena la polemica sui social: "E' razzismo". E poi, a parte il razzismo, "c'è sempre questa ottica vetusta di rimarcare le carenze e non le potenzialità". Gli insegnanti chiedono di ritirare il manuale.

 

manuale per seconda elementare con bambino nero che parla male italiano manuale per seconda elementare con bambino nero che parla male italiano

Il testo è nel manuale di letture "Le avventure di Leo" per la classe di seconda elementare edito dal Gruppo Editoriale Raffaello. "Ancora una segnalazione sui libri di testo - s'indigna l'organizzazione no profit Educare alle differenze nella sua pagina Facebook postando la foto della pagina - Un libro che entra in classi interculturali in cui bambine e bambini nati e cresciuti in Italia hanno colori diversi, famiglie miste, adottive, genitori che provengono da altri paesi ma vivono qui da anni o che sono a loro volta nati e cresciuti qui.

 

gruppo editoriale raffaello 1 gruppo editoriale raffaello 1

Ma anche bambini arrivati da poco che portano con sé le loro culture d'origine. Bambini che continuiamo attraverso rappresentazioni come questa ad additare come stranieri, come altro rispetto a una presunta normalità italica e a scimmiottare con un linguaggio imbarazzante che sembra preso da un pessimo film degli anni Trenta".

 

il bambino nero che parla male italiano nel libro per la seconda elementare il bambino nero che parla male italiano nel libro per la seconda elementare

Sfogliando il manuale si trovano letture per portare i bambini a ragionare sulla diversità. Nelle pagine successive si legge un testo intitolato "Un amico venuto da lontano" che comincia così: "Questa mattina la maestra ci ha presentato Emmanuel, un amico con la pelle scura venuto da tanto lontano. Quando Emmanuel ha parlato ha sbagliato tutte le parole, allora noi bambini ci siamo messi a ridere, ma la maestra ha detto: Provate voi ad andare in un Paese dove tutti parlano un'altra lingua!".

 

gruppo editoriale raffaello gruppo editoriale raffaello

Ma è la rappresentazione grafica del bambino straniero con evidenti difficoltà comunicative a scatenare lo sdegno. Scrive in Facebook Francesca Sempio, insegnante di scuola primaria a Milano: "Mi mancano le parole per dire quanto razzisti, beceri, lontani dalla realtà delle classi, siano gli autori e gli editori di questa cosa che non riesco a chiamare libro. Insegnanti, riprendiamoci la libertà di insegnamento. Effettuiamo la scelta alternativa al libro di testo unico. Per fortuna, i nostri alunni non sono bidimensionali né stupidi come li dipinge questa pagina".

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute