“RISCHIAMO DI TORNARE ALLA SITUAZIONE DI MARZO” - L’INFETTIVOLOGO GALLI LANCIA L’ENNESIMO ALLARME: “È EVIDENTE CHE NON SI È CAPITO COSA STIAMO ANDANDO A RISCHIARE. VOGLIAMO VANIFICARE I LUNGHI GIORNI DI LOCKDOWN E TUTTI I SACRIFICI CONNESSI PER ANDARE AD ONDEGGIARE IN UN LOCALE?” - NINO CARTABELLOTTA: “CON QUESTO TREND, A NATALE 1000 IN TERAPIA INTENSIVA E 12000 PERSONE OSPEDALIZZATE” - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

massimo galli massimo galli

COVID, L’ALLARME DI CARTABELLOTTA: «CON QUESTO TREND, A NATALE 1000 IN TERAPIA INTENSIVA E 12000 PERSONE OSPEDALIZZATE»

Da https://video.corriere.it/

 

«Con questo trend, a Natale 1000 in terapia intensiva e 12000 persone ospedalizzate» così Nino Cartabellotta, medico e presidente della Fondazione Gimbe, ha spiegato il trend in aumento dei contagi da Covid 19 nel nostro Paese che «sarebbe comunque gestibile». Cartabellotta ha posto in particolare l’accento sulla situazione dei contagi al Sud che - nella prima parte della diffusione della pandemia nel nostro Paese - era stata tenuta sotto controllo: «Le regioni del Sud erano state preservate dalla chiusura dei confini esterni del Paese ma anche inter-regionali»

 

nino cartabellotta nino cartabellotta

CORONAVIRUS, GALLI: «RISCHIAMO DI TORNARE ALLA SITUAZIONE DI MARZO»

Da https://video.corriere.it/

 

"È evidente che non si è capito cosa stiamo andando a rischiare: stiamo andando a rischiare una situazione paragonabile per certi aspetti a quella di marzo. Vogliamo questo? Vogliamo non lasciarci alle spalle quella esperienza? Vogliamo vanificare i lunghi giorni di lockdown e tutti i sacrifici connessi per andare ad ondeggiare in un locale che con quelle caratteristiche andrebbe chiuso questa sera stessa?". Così Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale Sacco e dell'università Statale di Milano, intervenuto ad Agorà su Rai 3, reagisce a un video che documenta un episodio di movida nel capoluogo lombardo.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute