MA CHE VI PASSA PER LA TETTA? LA ADIDAS SCODELLA UNA PUBBLICITÀ CON 43 ZINNE DI FORMA E MISURA DIVERSE PER SPONSORIZZARE I SUOI REGGISENI E FA INCAZZARE LA "ADVERTISING STANDARDS AGENCY" DEL REGNO UNITO CHE HA CENSURATO LO SPOT SCATENANDO UN’ONDATA DI POLEMICHE – LA PUBBLICITA' È OVVIAMENTE UN AMO PER GLI ALLOCCONI CHE CREDONO CHE AI MARCHI FREGHI QUALCOSA DELLA BODY POSITIVITY, MA CHI HA PAURA DELLE TETTE?

-

Condividi questo articolo


Claudia De Lillo per “la Repubblica”

 

La pubblicita di Adidas La pubblicita di Adidas

Grandi, piccoli, all'ingiù, all'insù, acerbi, maturi, chiari, scuri, simmetrici, asimmetrici, dritti e storti. Sono 43 seni, in primo piano.

Le donne a cui appartengono sono volontarie che hanno aderito a una campagna squisitamente commerciale, sposando la causa della diversità e della body positivity. Si tratta dell'astuta pubblicità della Adidas, postata su Twitter e Instagram lo scorso febbraio. «Crediamo che i seni delle donne di tutte le forme e misure meritino sostegno e comodità », recitava lo spot. «Ecco perché la nostra gamma di reggiseni sportivi contiene 43 modelli, in modo che ognuna possa trovare quello giusto».

 

Le strade del marketing sono infinite. E la nudità, seppur ostentata e originale nella sua serialità, fa un rumore flebile. La notizia non risiede nel dispiegamento di seni (anche se, nella loro anatomica intensità, evocano più il termine medico "mammella" usato durante le visite senologiche) ma nelle reazioni.

Collezione Adidas reggiseni sportivi Collezione Adidas reggiseni sportivi

La Advertising Standards Agency, la commissione nazionale che monitora la pubblicità nel Regno Unito, dopo alcune proteste, ha censurato la pubblicità. Malgrado alcuni abbiano tacciato la multinazionale tedesca di sessismo poiché lo spot ridurrebbe la donna a una sua parte, le motivazioni risiedono «nella nudità esplicita» che potrebbe risultare «in alcuni casi offensiva » e «inappropriata» soprattutto per i minori.

 

Torno a quella fotografia. Seni, tette, mammelle, tutti in fila, tutti diversi, organi ancor prima che corpi nudi. Innocui e potenti nella loro ostensione impudica, disarmata.

Al cospetto di quella carrellata, prima di tutto, istintivamente, mi sono cercata. Ebbene sì. Non mi sono interrogata, né indignata né offesa. Ho scorso i riquadri per trovare quello che mi somigliasse di più. Un punto per il marketing Adidas. Tra i commenti sotto il tweet incriminato, un padre ringrazia a nome delle proprie figlie sportive.

Collezione Adidas reggiseni sportivi 2 Collezione Adidas reggiseni sportivi 2

Qualcuno apprezza la promozione di una nudità non sessualizzata, altri si preoccupano per la sensibilità dei bambini, dimenticandosi che il primo sguardo della vita i più lo posano proprio lì, su un seno.

 

Abbiamo veramente paura di tante tette in fila? O ci disturba la possibilità di dissezionare il corpo femminile, di privarlo (finalmente!) delle sue implicazioni sessuali riducendolo a organo, carne, pezzo da contenere quando si corre, si salta, si gioca a palla? Chi ha ragione? L'agenzia inglese per gli standard pubblicitari in preda a uno slancio vittoriano o l'azienda che, nel nome di una buona causa, utilizza donne volontarie, e promuove, ben prima della loro diversità, i suoi reggiseni? La censura per definizione elimina il libero arbitrio e reprime la soggettività. Taglia corto, interviene per tutti quanti e sottrae al singolo la possibilità di indignarsi, di inorridire o di esultare con la propria testa.

 

Quell'immagine non è offensiva né minacciosa. Non umilia né ammicca. Ma non lascia indifferenti e induce alla riflessione sui corpi femminili. Può essere persino rassicurante, come lo è riconoscersi nello sguardo o nel corpo altrui. Fa uno sforzo sulla diversità e questo è quasi sempre apprezzabile.

Tweet su Adidas Tweet su Adidas

Tuttavia il marketing, che regna incontrastato su qualsiasi messaggio promozionale, è nella sua spietata efficacia, uno strumento manipolatorio e nell'innocuità di quei seni ostentati, resta la sensazione disturbante di un tradimento.

 

L'uso di una parte del corpo che non è neutra, ma fortemente simbolica e intrisa di rimandi sessuali, vanifica il presunto tentativo di promuovere la body positivity. E si fa certezza il sospetto che, se avessero pubblicizzato i 43 modelli di slip contenitivi per l'uomo sportivo, non avremmo visto altrettanti peni, nella loro variegata virilità, ma solo tante diverse mutande.

Tweet di Adidas Tweet di Adidas Tweet su Adidas 4 Tweet su Adidas 4 Tweet su Adidas 2 Tweet su Adidas 2 Tweet su Adidas 5 Tweet su Adidas 5 Tweet su Adidas 6 Tweet su Adidas 6 Tweet su Adidas 3 Tweet su Adidas 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute