IL NUOVO ORO BIANCO? IL LITIO! LE MONDE: “LA CORSA AL METALLO CONSIDERATO IL 'PETROLIO DEL 21? SECOLO', È ORA TANTO SERRATA QUANTO GLOBALE". ESISTE IN ABBONDANZA SOPRATTUTTO IN CINA, AUSTRALIA E SUD AMERICA. LA COMPETIZIONE PER IL CONTROLLO DEI FUTURI SITI DI ESTRAZIONE DI QUESTO MINERALE CRITICO, ESSENZIALE PER LA PRODUZIONE DI BATTERIE ELETTRICHE, STA DIVENTANDO UNA QUESTIONE GEOPOLITICA SCOTTANTE- LO DIMOSTRA IL CASO DELLA GUERRA IN UCRAINA - GLI USA, L'EUROPA E "LA DIPLOMAZIA DEI METALLI"

-

Condividi questo articolo


Articolo di “Le Monde” - dalla rassegna stampa estera di “Epr Comunicazione”

 

LITIO 66 LITIO 66

Non è più un argomento per specialisti di materie prime – leggiamo su Le Monde - ma è già una questione geopolitica scottante, che interessa gli Stati tanto quanto li preoccupa: il litio è ora in cima alla lista dei "minerali critici". Questo metallo, utilizzato per la produzione di batterie elettriche, ha visto il suo prezzo salire fino a essere descritto come "oro bianco". Nel gergo dei gruppi minerari, si è anche guadagnato il soprannome di "petrolio del XXI secolo", a indicare il suo ruolo di primo piano nella definizione dell'equilibrio di potere globale, un ruolo precedentemente occupato dagli idrocarburi.

 

Basta sostituire il litio con il gas per capire la natura delle domande sul futuro di questa risorsa. Lo dimostra il caso della guerra in Ucraina, quando la Russia ha sostanzialmente chiuso i rubinetti all'Europa, procedendo a una "weaponizzazione" di questa risorsa naturale. Questo è un esempio di ciò che potrebbe accadere domani con i cosiddetti minerali critici, in particolare il litio.

 

LITIO 69 LITIO 69

Questo metallo è fondamentale per la produzione di batterie (agli ioni di litio) per i veicoli elettrici, in sostituzione dei motori a combustione (di cui l'Europa ha previsto la scomparsa entro il 2035), ma anche più in generale nell'intera economia della transizione energetica, tra gli altri minerali critici. "Il mondo passerà da chilowattora ad alta intensità di carbonio, che consumano combustibili fossili, a chilowattora molto "metallizzati". Inoltre, tutte le tecnologie avanzate e gli acciai ad alto valore aggiunto utilizzano una quantità crescente di metalli rari. Questo è particolarmente vero per l'industria aeronautica e della difesa", analizza Vincent Donnen, in una nota dell'Istituto francese per le relazioni internazionali sui metalli critici.

 

LITIO 67 LITIO 67

Il litio viene utilizzato - in modo apparentemente modesto - nella fabbricazione dei catodi, il polo negativo delle batterie elettriche. Ma chi controlla la capacità di produrre catodi controlla di fatto la produzione di batterie. In breve, non ha senso costruire megafabbriche, come quelle di Telsa, per rifornire il consumo esponenziale di veicoli elettrici, se un operatore in posizione dominante nel settore dei catodi può interrompere da un giorno all'altro la fornitura di un componente cruciale. Questo attore potrebbe essere la Cina, dove viene lavorata e raffinata una parte del litio mondiale. Ma sono in corso controffensive.

 

Confronto a bassa voce

 

Il litio non è scarso. Esiste in abbondanza in diverse parti del mondo, ma soprattutto in Cina, Australia e Sud America, tre aree da cui viene estratto circa il 90% del minerale. Una concentrazione che nemmeno il petrolio ha raggiunto con così pochi giocatori. Ora si apre la corsa al controllo dei futuri siti di estrazione.

 

LITIO 64 LITIO 64

In ritardo rispetto alla Cina, Stati Uniti e Unione Europea? Travolti dalla questione della guerra in Ucraina, giovedì 22 settembre a New York, a margine dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, si è tenuto un incontro che è stato a malapena notato. Si è trattato di un errore, perché il suo tema ha costituito la base di un confronto che si sta svolgendo, silenziosamente, su scala globale. Su iniziativa degli Stati Uniti, l'obiettivo è stato quello di costruire un Partenariato di Sicurezza Reciproca (MSP) in questo settore, con alleati quali Australia, Canada, Giappone e Francia, tra gli altri, oltre a Paesi con riserve, dall'Argentina alla Mongolia, passando per la Repubblica Democratica del Congo (RDC). Antony Blinken, Segretario di Stato americano, ha riassunto la situazione: "Riconosciamo tutti che le catene di approvvigionamento di minerali critici sono semplicemente vitali per il nostro futuro comune.”

 

La competizione è ora tanto dura quanto globale. Comporta investimenti giganteschi. L'India, spaventata dal controllo cinese sulle forniture, ha appena lanciato un grande piano del valore di 2,5 miliardi di dollari. In Argentina, che fa parte del "triangolo del litio", a cavallo tra Cile e Bolivia, sono allo studio più di cinquanta progetti di estrazione. Un operatore europeo del settore, che sperava di aggiudicarsi un contratto in loco, si dice stupito di vedere gruppi cinesi aggiudicarsi gare d'appalto "triplicando le somme offerte dai loro concorrenti".

 

Cambiamento

 

LITIO LITIO

Secondo la stessa fonte, le subdole pressioni politiche di Washington hanno permesso a un gruppo di aziende americane di aggiudicarsi il progetto Kachi in Argentina, in associazione con Ford. In questo modo, la casa automobilistica è certa di garantire le sue future consegne. "Questo è uno degli accordi a cui stiamo lavorando per aiutare Ford ad assicurarsi le materie prime necessarie per il nostro aggressivo piano di accelerazione per lo sviluppo dei veicoli elettrici", ha dichiarato Jennifer Flake, portavoce di Ford.

 

UCRAINA SOTTO ATTACCO ANCHE PER IL LITIO UCRAINA SOTTO ATTACCO ANCHE PER IL LITIO

Anche l'Europa, che per lungo tempo è stata confinata al ruolo di cliente passivo e fiducioso nei circuiti logistici della globalizzazione, ha iniziato una trasformazione. A gennaio, Philippe Varin, ex presidente di France Industrie, ha presentato un "Rapporto sulla sicurezza dell'approvvigionamento di materie prime minerali all'industria per la transizione ecologica". Commissionato dal governo francese, il testo metteva in guardia sullo stato di dipendenza della Francia da queste risorse cruciali e individuava strade urgenti per il futuro, come la creazione di uno stock strategico di metalli rari a Le Havre o la creazione di un fondo di investimento. È necessario "sviluppare una vera e propria diplomazia dei metalli", avverte Philippe Varin.

UCRAINA SOTTO ATTACCO ANCHE PER IL LITIO UCRAINA SOTTO ATTACCO ANCHE PER IL LITIO LITIO IN UCRAINA LITIO IN UCRAINA

 

Condividi questo articolo

media e tv

PILLOLE DI GOSSIP! SLITTA LO SHOW DELLA PARIETTONA. LE DRAG QUEEN DI ALBA FANNO PAURA A QUALCUNO? LO STOP E’ ARRIVATO DAI PIANI ALTI RAI. LA FURIA DELLA PARIETTI: IL MOTIVO – A "X FACTOR" BEATRICE QUINTA FUORI DI SENO MANDA IN TILT MORGAN CHE SI INCHINA:”E’ UN FIGA” – LEI SU TWITTER ROVINA TUTTO: “CHE PROBLEMA AVETE CON LE MIE TETTE? VE LO DICO IO, SI CHIAMA SESSISMO” (CHE PALLE) – GRANDE BORDELLO! ORIANA MARZOLI FA UN MASSAGGIO AD ANTONINO SPINALBESE POI AMMETTE: “HO UN RITARDO” (SPINALBESE INSEMINATOR?)

politica

“NON SI CHIEDE A UN PRIMO MINISTRO SE HA IMPARATO UNA LEZIONE” – BRUNO VESPA, OSPITE DI FORMIGLI A “PIAZZAPULITA”, DÀ UNA SCUDISCIATA AI GIORNALISTI CHE ALLA CONFERENZA STAMPA CON LA MELONI SI SONO INCAZZATI PER LE POCHE RISPOSTE DELLA PREMIER: “IO NON SO COME ALTRI AVREBBERO RISPOSTO. LA DOMANDA SI FA PER SAPERE LE COSE. IL CASO SAVIANO? QUELLO DI CUI UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NON PUÒ FARE A MENO È DENUNCIARE UNA PERSONA CHE AFFERMA CHE È CORRESPONSABILE DELLA MORTE DI UN BAMBINO IN MARE. SI CHIAMA ATTRIBUZIONE DEL FATTO DETERMINATO…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute