OGNI COSA NON È ILLUMINATA - GRAMELLINI: ''ABITO NON LONTANO DALL'AUTOSTRADA CITTADINA IN CUI GAIA E CAMILLA SONO STATE INVESTITE. È UN LUNGO RETTILINEO, QUASI AL BUIO. BASTEREBBE UN LAMPIONE. LA CLASSE DIRIGENTE DISCORRE DI MACRO-RIFORME E MAXI-SCENARI, IO MI ACCONTENTEREI DI VIVERE IN UN PAESE DOVE QUANDO UN PONTE TRABALLA, UN ARGINE VACILLA O UN INCROCIO TRAFFICATO PIOMBA NELL'OSCURITÀ, IL RESPONSABILE SE NE ACCORGE E PROVVEDE'' - BOTTURA: ''MI È VENUTO DA PIANGERE, E NON AVEVO ANCORA LETTO I SOCIAL''

-

Condividi questo articolo


 

1. OGNI COSA NON È ILLUMINATA

Massimo Gramellini per il ''Corriere della Sera''

gaia e camilla investite e uccise a corso francia gaia e camilla investite e uccise a corso francia

 

Abito non lontano dall' autostrada cittadina in cui le adolescenti Gaia e Camilla sono state investite da un ragazzo poco più grande. Ho attraversato decine di volte quell' incrocio: a piedi come loro, o in auto come lui. E mi sono sempre chiesto perché un punto tanto pericoloso, posto al fondo di un lungo rettilineo (quando si trova il semaforo verde sembra di fare il chilometro lanciato), la sera fosse così poco illuminato. Adesso ci si domanda se i riflessi del pilota fossero annebbiati dall' alcol e se le due vittime avessero attraversato fuori dalle strisce e col rosso.

 

Si scoprono echi crudeli del destino nelle storie di famiglia: il padre di una delle adolescenti vive sulla sedia a rotelle dopo un incidente in moto, e quello del ragazzo al volante è il regista del film italiano più premiato del decennio, «Perfetti sconosciuti», in cui una coppia nasconde agli amici la verità su un omicidio stradale. Ma alla fine delle chiacchiere, e delle lacrime, resta la consapevolezza che a evitare l' ennesima tragedia del sabato sera sarebbe bastato un lampione nel posto giusto.

incidente corso francia il giorno dopo incidente corso francia il giorno dopo

 

Mentre la classe dirigente discorre di macro-riforme e maxi-scenari, io mi accontenterei di vivere in un Paese dove quando un ponte traballa, un argine vacilla o un incrocio trafficato piomba nell' oscurità, il responsabile se ne accorge e provvede. Per migliorare la vita dei cittadini, o almeno per proteggerla, non sempre serve una rivoluzione parolaia al giorno, a volte basterebbe accendere una luce.

 

 

 

2. ''HO PENSATO A MIA FIGLIA E…''

Luca Bottura per ''la Repubblica''

 

la macchina di pietro genovese 1 la macchina di pietro genovese 1

Ho pensato ai due corpi che volano per aria. Ho pensato ai genitori, svegliati nel cuore della notte. Ho pensato che la morte in diretta, così esemplare, così a portata di racconto, avrebbe trasformato le vite spezzate in filone giornalistico, ed è normale, ma anche e soprattutto in detonatore dell' odio social. Ho pensato all' altra telefonata, all' altro padre, all' altra madre, che vengono a sapere di loro figlio che cancella altre vite. Ho pensato a quel padre famoso, che mentre realizza la tragedia sa già che i giornali di cui si cibava diventeranno veleno per l' anima. Ho pensato a mia figlia, se fosse successo a lei..

la macchina di pietro genovese2 la macchina di pietro genovese2

Ho pensato a mio figlio, se fosse successo a lui. Ho pensato a tutte le volte che senza alcool in corpo ho percorso quel tratto in auto, convinto a correre dalla strada che ti accoglie, ti chiede di spingere. Ho pensato che poteva capitare a me, di restare piangente al bordo della strada aspettando un' ambulanza che non serviva a niente. Ho pensato che poteva capitare a me, di dovermi fare una ragione di un' ingiustizia così palmare. Ho pensato a tutto questo e mi è venuto da piangere. E non avevo ancora letto i social.

camilla romagnoli gaia von freymann 1 camilla romagnoli gaia von freymann 1 incidente corso francia il giorno dopo 1 incidente corso francia il giorno dopo 1 Gaia Von Freymann , una delle due sedicenni morte a corso francia Gaia Von Freymann , una delle due sedicenni morte a corso francia la macchina di pietro genovese la macchina di pietro genovese

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“PUÒ RIPUDIARE IL FASCISMO IN TRE LINGUE DIVERSE, NON LE DARÀ L’ACCESSO AL MONDO DEI BUONI” – I MILITANTI DI CASAPOUND SONO DELUSI DALLA MELONI, ORMAI VISTA COME UNA TRADITRICE. I “FASCISTI DEL TERZO MILLENNIO”, CHE QUALCHE MESE FA VENIVANO DATI PER CERTI DENTRO LE LISTE DI FRATELLI D’ITALIA, ORA HANNO UN ALTRO PUNTO DI RIFERIMENTO: GIANLUIGI PARAGONE! NON CORRERANNO CON IL LORO SIMBOLO: PERCHÉ SONO ANNI CHE SENTIAMO PARLARE DELL’AVANZATA DEI FASCI, MA POI ALLE ELEZIONI PRENDONO SEMPRE LO ZERO VIRGOLA E DEVONO APPARENTARSI…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute