PLAYBOY HORROR: "L'HO VISTO CON IL MIO CANE E GLI HO DETTO: 'COSA STAI FACENDO?'" - NELLA DOCUSERIE "SECRETS OF PLAYBOY", SONDRA THEODORE, EX CONIGLIETTA, RICORDA DI AVER SORPRESO HUGH HEFNER CHE FACEVA SESSO CON IL SUO ANIMALE - UN'ALTRA MODELLA RACCONTA DI QUANDO A LINDA LOVELACE FU CHIESTO DI FARE SESSO ORALE SU UN PASTORE TEDESCO: "ERA UBRIACA E DROGATA. VUOI PARLARE DI DEPRAVAZIONE? QUESTO E' SPREGEVOLE" - BILL COSBY, IL SODOMIZZATORE - LE DROGHE "ALLARGA GAMBE"...

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal New York Post

 

Sondra Theodore e Hugh Hefner Sondra Theodore e Hugh Hefner

Quando giocare con la biancheria sulle prosperose conigliette che lo attorniavano è diventato troppo noioso per Hugh Hefner, il fondatore di Playboy, è passato ai cani. La presunta propensione di Hefner per la bestialità è solo una delle accuse lanciate nel documentario di A&E “Secrets of Playboy”, che sarà trasmesso a breve in America.

 

La serie in 10 puntate smaschera il defunto magnate, finora venerato come un dio, e rivela la verità sull’uomo che ha costruito il suo impero sessuale sulle spalle di donne vulnerabili. «Era un predatore» ha detto al Post l’ex fidanzata di Hefner, Sondra Theodore, 65 anni. «L’ho guardato, ho guardato come giocava. E ho visto molte ragazze attraversare i cancelli (della Playboy Mansion) con l’aria fresca da fattoria e andarsene con l’aria stanca e smunta».

 

Hugh Hefner con le conigliette 2 Hugh Hefner con le conigliette 2

«Ero minorenne»

Sondra Theodore, ex insegnante di scuola diventata modella della rivista Playboy nel 1977, iniziò a frequentare Hefner dopo averlo incontrato a una delle sue tante feste. Le donne intervistate nella docuserie hanno descritto questi raduni settimanali come dissoluti, con ospiti vip abituali come Bill Cosby, Tony Curtis, Wilt Chamberlain e Arnold Schwarzenegger.

 

Nel documentario, si vede Schwarzenegger abbracciare in vita due Playmates e dare a ciascuna un bacio sulle labbra.

 

Theodore aveva solo 19 anni quando Hefner ha messo gli occhi su di lei per la prima volta. Lui ne aveva 50. «Ha distorto la mia mente facendomi pensare che la sua vita fosse normale. Mi ha fatto conoscere le droghe. Non avevo mai bevuto né mi ero mai drogata prima di andare alla Playboy Mansion. La prima notte che ho passato lì mi hanno dato dello champagne, la droga è arrivata dopo, ero minorenne».

 

Hugh Hefner con le conigliette Hugh Hefner con le conigliette

Theodore è rimasta accanto a Hefner per cinque anni tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80. La sua scorta personale di droga (cocaina e metaqualone, droghe chiamate “allarga gambe” da Hefner) l’ha aiutata a superare le orge cinque sere a settimana, a soddisfare l’ordine di Hefner di fare sesso con uomini e donne mentre lui guardava voyeuristicamente, o a digerire il fatto di aver sorpreso il fondatore di Plaboy in attività sessuali con il suo cane. «L’ho visto con il mio cane e gli ho detto: ‘Cosa stai facendo?’ Sono rimasta scioccata. Mi ha lasciato intendere che fosse solo una cosa una tantum, che stesse scherzando. Ma non l’ho mai più lasciato solo con il mio cane».

 

Alexandra Dean Alexandra Dean

Come la docuserie ha preso una svolta oscura

La rivelazione di Theodore è stata la «più scioccante» tra quelle scoperte dalla regista Alexandra Dean durante il periodo trascorso ad ascoltare le storie delle donne transitate per la Playboy Mansion.

 

«Non avrei mai pensato di sentire cose così scioccanti» ha detto Dean, che inizialmente non aveva interesse a frugare tra i panni sporchi del magnate del porno. «Pensavo sarebbe stato divertente, e un po’ leggero». «Ma quando ho iniziato ad avere queste conversazioni, il progetto si è trasformato di 180 gradi, da leggero a super critico» ha detto.

 

«Le donne mi dicevano cosa avevano passato e perché era importante riesaminare chi fosse veramente Hef» ha continuato Dean. «Le nostre idee di femminilità emancipata, sessualità e libertà sessuale sono tutte racchiuse in Playboy. Ma un uomo come Hugh Hefner è adatto a esserne la definizione?».

 

Hugh Hefner con le conigliette 3 Hugh Hefner con le conigliette 3

La Mansion era come un culto

Durante l'epidemia di COVID-19, Dean ha intervistato più di una dozzina di leali difensori di Playboy, inclusi ex dirigenti aziendali, membri del personale delle ville e compagne di gioco diventate amanti come la star di "Girls Next Door" Holly Madison, 42 anni.

 

Nel documento, Madison - che dal 2001 al 2008 è stata una delle tre mogli di Hef - ha paragonato l'harem dell'allora ottuagenario a un "culto" e ha affermato che lui non voleva usare i preservativi durante il sesso di gruppo.

 

Bill Cosby e Hugh Hefner Bill Cosby e Hugh Hefner

«È stato davvero disgustoso per me vedere come Hef non volesse usare la protezione», ha detto, citando la prima volta che è stata costretta a un'orgia. «Non mi sarei mai aspettata di essere la prima persona a fare sesso quella notte. Mi sono sentita decisamente umiliata».

 

Altre donne, come l'ex coniglietta di Playboy PJ Masten, hanno ricordato di aver assistito alla richiesta di Hefner a Linda Lovelace di eseguire un atto sessuale su un pastore tedesco. «Tutti i ragazzi stavano ridendo quando Linda è scesa dalla limousine», ha detto Masten. «Era ubriaca e drogata... L'hanno incasinata così tanto che le hanno fatto fare sesso orale a un pastore tedesco. Vuoi parlare di depravazione? Questo è spregevole».

 

Hugh Hefner 2 Hugh Hefner 2

Masten ha continuato descrivendo in dettaglio le ripetute aggressioni sessuali che ha subito personalmente mentre era alle dipendenze di Hef, incluso un presunto attacco dal suo amico Bill Cosby.

 

Il documentario ricorda che Cosby è stato accusato di aver drogato e violentato una diciottenne all'interno della villa di Playboy nel 2008 (Cosby ha fatto sapere che le forze dell'ordine hanno dimostrato che non era nella villa quando la 18enne è stata aggredita. Quando è stato contattato per un commento, un rappresentante di Cosby ha respinto le varie accuse nel film come "non provate".)

 

Masten dice che nel 1979 Cosby l'ha drogata e violentata in una stanza d'albergo dopo una cena amichevole a Chicago.  «Ho avuto sangue che mi scendeva lungo la gamba perché mi ha sodomizzato», ricorda nel documentario. «Il sangue gocciolava sul pavimento. Mi sono messa i vestiti, ma c'era molto sangue. Ho continuato ad avere perdite fino all’atrio dell'hotel».

 

Hugh Hefner 3 Hugh Hefner 3

Scoprendo la verità

Per filmare il racconto straziante di Masten e di altre donne, Dean ha utilizzato una telecamera specializzata per intervistare ogni persona a distanza al fine di garantire la sicurezza di tutti.

 

«Inizialmente, il processo di intervista è stato terrificante perché temevo che se fossi saltata su un aereo per incontrare queste persone di persona, avrei potuto ucciderle inavvertitamente», ha detto Dean, osservando che la maggior parte degli informatori di Hefner aveva più di 65 anni ed era suscettibile al coronavirus.

 

Hugh Hefner nella Playboy Mansion Hugh Hefner nella Playboy Mansion

Ma per Dean, la parte più difficile delle riprese è stata convincere le donne a confessare gli orrori che avevano subito per mano di Hef. 

 

«Una delle cose più sorprendenti nel riportare questa storia è stata quanta paura c'era da parte dei testimoni nel dire la verità e quanto lentamente sono stati in grado di aprirsi», ha detto Dean. «È stato un processo molto lento. Non volevo spingere la storia troppo oltre, volevo davvero che le persone mi dicessero quello che si sentivano a proprio agio nel dirmi, e ci è voluto molto tempo».

 

Playboy Mansion Playboy Mansion

Theodore ha detto che rivivere l'inferno dell'edonismo sfrenato di Hef per la docuserie è stata un'esperienza "attiva", ma necessaria.  Secondo la donna prima della sua morte, Hefner ha messo le cose «a posto per proteggersi», il che ha impedito a lei e agli altri suoi detrattori di svelare le loro verità.

 

E nella serie, ex membri della cerchia ristretta del magnate affermano di aver dotato la sua villa di telecamere nascoste per registrare compagni di gioco, conigliette, celebrità, forze dell'ordine e membri dei media impegnati in atti sessualmente espliciti e depravati. Presumibilmente per minacciarli se e quando qualcuno avesse tentato di denunciarlo per cattiva condotta.

 

Hugh Hefner con la sue playmate Hugh Hefner con la sue playmate

Tuttavia, Theodore e l'ex direttore di Playboy Promotions Miki Garcia hanno trascorso l'ultimo decennio a lottare instancabilmente per porre fine al ricatto di Hefner.

 

Nonostante la loro impresa vittoriosa, Theodore si sente ancora "colpevole" per non essere stata in grado di impedire a Hef di compiere atti illeciti in passato. (Un rappresentante di Playboy non ha risposto a una richiesta di commento sul documentario).

 

hugh hefner inventore di playboy 6 hugh hefner inventore di playboy 6

«Non è un eroe, ma avrebbe potuto esserlo», ha detto Theodore a The Post. «Avrebbe potuto essere un grande uomo, ma ha fatto tutte queste cose [orribili]». E la donna crede che se Hefner fosse vivo, defininerebbe «amara» questa vicenda e accuserebbe Theodore di cercare di «riscrivere la storia».

 

«Be', sto riscrivendo la storia, Hef», ha detto con orgoglio. «La sto raddrizzando».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute