POVERO CADORNA: GLI VOGLIONO FAR PAGARE A DISTANZA DI ANNI LA DISFATTA DI CAPORETTO? UN CASO DI "CANCEL CULTURE" A VERBANIA DOVE VOGLIONO CAMBIARE IL NOME DELLA SCUOLA MEDIA, DA LUIGI CADORNA, IL GENERALE LEGATO ALLA SCONFITTA DI CAPORETTO DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE, A GINO STRADA, IDOLO DI PACIFINTI E SINISTRELLI – PROTESTANO LE ASSOCIAZIONI: “UN FENOMENO DI EPURAZIONE DELLA MEMORIA STORICA CHE COLPISCE LA FIGURA DEL MARESCIALLO D'ITALIA”

-

Condividi questo articolo


cadorna cadorna

 (ANSA) Il Comitato 10 Febbraio, che prende il nome dal Giorno del Ricordo dei martiri delle Foibe, esprime "grande preoccupazione e parere fortemente negativo" sull'ipotesi che la scuola media 'Luigi Cadorna' di Verbania cambi denominazione in 'Gino Strada'.

 

"Non intendiamo entrare nel merito delle attività del defunto dottor Strada - si legge in una nota dell'associazione -. Tuttavia vogliamo porre l'attenzione sul fenomeno di epurazione della memoria storica che, in questo caso, colpisce la figura del maresciallo d'Italia Luigi Cadorna".

 

"La figura di Luigi Cadorna è indubbiamente emblematica nel contesto della Grande guerra e, indipendentemente dai divergenti giudizi espressi a riguardo, merita il massimo rispetto istituzionale" prosegue il Comitato 10 Febbraio. "La famiglia Cadorna, originaria di Verbania, ha acquisito dal Risorgimento alla Liberazione indubbi meriti verso la patria ed è a pieno titolo parte integrante della storia d'Italia.

 

gino strada 1 gino strada 1

Il borgo di Pallanza deve molto del proprio prestigio a questo casato ed è bene che i cittadini, e in particolare gli allievi delle scuole, abbiano contezza di ciò che i Cadorna rappresentarono per la comunità e per il supremo bene della nazione". La vicenda non è nuova: la proposta risale al 2021 e venne approvata sia dal consiglio d'istituto sia dalla giunta comunale. Ora, stando a quanto riportato dalla stampa locale, il cambio di nome sarebbe vicino.

 

gino strada 3 gino strada 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO