PUTIN È A METÀ STRADA – DIMENTICATA LA DENAZIFICAZIONE E LA DESTITUZIONE DI ZELENSKY, “MAD VLAD” SI CONCENTRA SULLA LIBERAZIONE DEL DONBASS: LA PROVINCIA DEL LUGANSK È PRESA, DOPO LA CONQUISTA DELL’ULTIMA ROCCAFORTE DI RESISTENZA, LYSYCHANSK. E ORA? SI CONCENTRERÀ NEL DONETSK – LA DOMANDA È: QUANTO CI METTERÀ? L’OFFENSIVA È GIÀ PARTITA…

-

Condividi questo articolo


<iframe allowfullscreen frameborder="0" width="698" height="573" scrolling="no" id="molvideoplayer" title="MailOnline Embed Player" src="https://www.dailymail.co.uk/embed/video/2722077.html"></iframe>

 

guerra in ucraina lysychansk guerra in ucraina lysychansk

1 - FILORUSSI, AVANZATA SU SEVERSK NEL DONETSK

(ANSA) - Le forze russe avanzano sulla città di Seversk, nell'oblast di Donetsk, "da due direzioni". Lo ha annunciato il ministero dell'interno della autoproclamata Repubblica del Lugansk, secondo quanto riporta l'agenzia russa Tass.

 

2 - GB, DOPO LYSYCHANSK RUSSI SI CONCENTRERANNO IN CONQUISTA DONETSK

(ANSA) - Le truppe russe, dopo aver catturato la città di Lysychansk nella regione di Lugansk, probabilmente lanceranno le loro forze per prendere il controllo della regione di Donetsk.

putin zelensky putin zelensky

 

Lo afferma il rapporto quotidiano dell'intelligence britannica, come riporta Ukrainska Pravda. "La città - scrive l'intelligence britannica - era l'ultimo grande centro abitato della regione di Lugansk che è rimasto sotto il controllo dell'Ucraina.

 

Ora l'attenzione della Russia si volgerà quasi sicuramente alla conquista della regione di Donetsk, la maggior parte della quale rimane sotto il controllo delle forze ucraine", afferma il rapporto. Si sottolinea inoltre che l'invasione della Russia continua ad avere un effetto devastante sul settore agricolo dell'Ucraina. La guerra ha portato a gravi interruzioni nelle catene di approvvigionamento di sementi e fertilizzanti da cui dipendono gli agricoltori ucraini.

guerra in ucraina severodonetsk guerra in ucraina severodonetsk

 

Il blocco russo di Odessa, scrive l'intelligence Gb, continua a limitare seriamente le esportazioni di grano dall'Ucraina. Per questo motivo, è improbabile che l'esportazione di prodotti agricoli dell'Ucraina nel 2022 superi il 35% del volume totale del 2021. "Dopo essersi ritirata da Snake Island, un avamposto sul Mar Nero, la Russia ha erroneamente dichiarato che 'la palla è ora nel campo dell'Ucraina' in termini di miglioramento delle esportazioni di grano. In effetti, è l'interferenza della Russia nel settore agricolo ucraino che continua ad esacerbare il crisi alimentare globale", si legge nel rapporto.

 

3 - KIEV, 10 MILA CIVILI RIMASTI A LYSYCHANSK

guerra in ucraina lysychansk 2 guerra in ucraina lysychansk 2

(ANSA) - Circa 8.000 civili sono rimasti a Severodonetsk e circa 10.000 a Lysychansk, occupata ieri definitivamente dai russi. Lo afferma su Telegram il governatore ucraino del Lugansk Sergei Gaidai. "Manteniamo la difesa di una piccola parte della regione di Lugansk in modo che i nostri militari abbiano il tempo di costruire le difese", ha affermato Gaidai

 

4 - LA RUSSIA RIVENDICA IL PIENO CONTROLLO DELLA REGIONE DI LUHANSK DOPO AVER CONQUISTATO L'ULTIMA ROCCAFORTE

Articolo del “Financial Times” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

I CECENI FESTEGGIANO LA PRESA DI LYSYCHANSK I CECENI FESTEGGIANO LA PRESA DI LYSYCHANSK

La Russia ha dichiarato di aver conquistato l'intera regione ucraina di Luhansk dopo settimane di brutali combattimenti. Se ciò fosse confermato, il Presidente Vladimir Putin avrebbe ottenuto un importante risultato militare a più di quattro mesi dall'inizio della sua invasione. Scrive il Financial Times.

 

Sergei Shoigu, ministro della Difesa russo, ha riferito a Putin domenica che le forze russe hanno "liberato" l'intera regione dopo aver catturato Lysychansk, l'ultima roccaforte ucraina a Luhansk, ha dichiarato il ministero.

 

PUTIN ZELENSKY PUTIN ZELENSKY

Lo stato maggiore ucraino domenica sera ha confermato la perdita di Lysychansk, affermando che le sue truppe "sono state costrette a ritirarsi dalle posizioni e dalle linee occupate" dopo pesanti combattimenti. La caduta della città lascia al massimo solo alcuni insediamenti minori di Luhansk sotto il controllo di Kyiv.

 

"Torneremo e vinceremo di sicuro!", ha dichiarato lo stato maggiore in un post su Facebook. I funzionari ucraini avevano avvertito ripetutamente negli ultimi giorni che Lysychansk poteva cadere dopo che le truppe si erano ritirate attraverso un fiume dalla vicina Severodonetsk.

 

Vladimir Putin con Sergei Shoigu Vladimir Putin con Sergei Shoigu

"C'è il rischio che l'intera regione di Luhansk venga occupata, è comprensibile", ha detto domenica il presidente Volodymyr Zelenskyy in una conferenza stampa. "Dovete capire che la situazione può cambiare ogni giorno".

 

Serhiy Haidai, governatore ucraino di Luhansk, ha scritto in un post sul social media Telegram che Lysychansk era una città "in fiamme".

 

"Gli occupanti hanno probabilmente gettato tutte le loro forze su Lysychansk. Hanno attaccato la città con tattiche incomprensibilmente crudeli".

 

guerra in ucraina lysychansk guerra in ucraina lysychansk

Haidai ha detto che la distruzione di Lysychansk è ancora peggiore di quella di Severodonetsk, che è stata in gran parte rasa al suolo dai bombardamenti dell'artiglieria.

 

"Se alcune case ed edifici governativi sono sopravvissuti a un mese di battaglie di strada, allora quegli stessi edifici governativi sono stati rasi al suolo dopo un breve periodo", ha scritto Haidai. Ha detto che le truppe russe "stanno subendo perdite significative, ma avanzano ostinatamente".

 

Gli account dei social media filorussi hanno pubblicato video che mostrano truppe cecene in posa nel centro di Lysychansk e una bandiera sovietica che sventola dal municipio. I post sono stati geolocalizzati dall'intelligence open source e dagli analisti occidentali.

Piano della Russia su Donbass Piano della Russia su Donbass

 

L'avanzata su Luhansk segnerebbe la prima volta che la Russia ha stabilito il pieno controllo su una regione ucraina dalle prime settimane di guerra a marzo.

 

Inoltre, avvicinerebbe la Russia alla conquista della regione di confine del Donbas, nell'Ucraina orientale, che comprende Luhansk e la vicina Donetsk.

 

È probabile che ora Mosca si concentri su Slovyansk e Kramatorsk, le più grandi città di Donetsk ancora sotto il controllo ucraino.

 

Domenica, le forze russe hanno bombardato Slovyansk, uccidendo sei persone e ferendone altre 15, secondo i funzionari ucraini. Hanno anche lanciato tre razzi su Kramatorsk e hanno "completamente distrutto" un hotel.

 

guerra in ucraina lysychansk 1 guerra in ucraina lysychansk 1

Putin ha affermato che l'obiettivo principale della guerra era quello di "liberare" il Donbas, dove la Russia ha iniziato ad alimentare una guerra per procura separatista nel 2014 che ha ucciso più di 15.000 persone dopo una rivoluzione filo-occidentale a Kiev.

 

Gli account pro-Mosca sui social media hanno postato filmati di quelli che, secondo loro, erano abitanti del luogo felicissimi di salutare i loro "liberatori". L'Ucraina ha già evacuato la maggior parte della popolazione più a ovest.

 

battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 1 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 1

La regione industriale è per lo più controllata da gruppi separatisti gestiti da Mosca, la cui indipendenza è riconosciuta solo da Russia e Siria.

 

Ma i funzionari hanno regolarmente indicato che gli obiettivi della Russia si estendono molto più in là, fino a porre sostanzialmente fine alla statualità dell'Ucraina.

 

Dmitry Peskov, portavoce di Putin, ha dichiarato domenica alla televisione di Stato che l'Ucraina dovrà accettare "tutte le nostre condizioni" per porre fine alla guerra.

 

guerra in ucraina lysychansk guerra in ucraina lysychansk

La Russia ha riorganizzato il suo comando e si è concentrata su un'estenuante offensiva nel Donbas a fine marzo, dopo che il suo tentativo iniziale di catturare Kiev e la maggior parte del resto dell'Ucraina a est del fiume Dnipro è fallito. L'Ucraina controlla anche Kherson e parte della vicina Zaporizhia nel sud, oltre a parti di Kharkiv a nord del Donbas.

 

Domenica la Russia ha affermato che l'Ucraina ha lanciato attacchi con missili e droni contro le città di confine di Kursk e Belgorod. Il ministero della Difesa ha dichiarato di aver abbattuto tutti i missili, ma che le schegge hanno colpito edifici residenziali a Belgorod, che si trova appena oltre il confine con Kharkiv.

 

carro armato distrutto nella strada tra severodonetsk e lysychansk carro armato distrutto nella strada tra severodonetsk e lysychansk

Viacheslav Gladkov, governatore di Belgorod, ha dichiarato che quattro persone sono morte nell'apparente attacco e che decine di edifici sono stati danneggiati. Ha dichiarato che tre delle vittime erano cittadini ucraini, che secondo i media statali erano rifugiati da Kharkiv.

 

Dall'inizio della guerra, la Russia ha incolpato l'Ucraina di aver compiuto diversi attacchi contro città di confine e infrastrutture vicine per le vie di rifornimento. Sebbene l'Ucraina non abbia ammesso nessuno degli attacchi, li ha derisi in post sui social media, suggerendo che la Russia stava ricevendo la sua giusta ricompensa per l'invasione.

 

battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 3 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 3

La vicina Bielorussia, che lascia che la Russia usi il suo territorio per attaccare l'Ucraina ma ha resistito ai tentativi di Putin di trascinarla nella guerra, ha dichiarato sabato di aver intercettato anche missili ucraini lanciati verso obiettivi militari.

 

L'Ucraina non ha confermato queste affermazioni, ma ha detto di aver distrutto una base russa a Melitopol, una città di Zaporizhia, con un attacco missilistico.

battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 6 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 6 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 4 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 4 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 5 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 5 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 7 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 7 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 2 battaglia tra russi e ucraini a lysychansk 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?