PUTIN VUOLE CELEBRARE UN ANNO DI GUERRA DISASTROSA CON UNA SECONDA INVASIONE – L’INTELLIGENCE UCRAINA HA AVVISTATO TRENI RUSSI CORAZZATI E CARICHI DI MUNIZIONI ED È CONVINTA CHE IL CREMLINO ABBIA GIÀ 300MILA SOLDATI PRONTI A PARTIRE PER IL FRONTE ENTRO IL 24 FEBBRAIO – KIEV CERCA DI TENERE ALTO LO SPIRITO DEI CITTADINI NASCONDENDO IL NUMERO DI MILITARI UCCISI O PARLANDO DI UN UCRAINO MORTO OGNI 7 RUSSI. E LO STESSO FA MOSCA, MA CON PROPORZIONI INVERTITE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Andrea Nicastro per il “Corriere della Sera”

 

vladimir putin vladimir putin

[…] Kiev tiene alto lo spirito del Paese nascondendo il numero dei militari uccisi oppure, di tanto in tanto, parlando di un ucraino ucciso ogni 7 russi (Consiglio nazionale per la sicurezza, 1 febbraio 2023). Mosca fa lo stesso esercizio, ma con proporzioni invertite: una vittima russa ogni 8 ucraine (presidente Putin, 27 ottobre 2022). In comune, nelle due comunicazioni, c’è la parola miasorubka, tritacarne.

 

In conversazioni tra i russi sulla prima linea registrate dall’intelligence ucraina, torna spesso quell’espressione. Per loro l’avanzata è un miasorubka e il fuoco che cade sui nemici ucraini fa da miasorubka. […]

 

vladimir putin visita un centro di addestramento vladimir putin visita un centro di addestramento

Quando l’anno scorso Putin ha ordinato l’invasione aveva schierato sul campo 160 mila soldati. Sembravano un’infinità. Oggi, nei territori occupati dell’Ucraina ne ha 300 mila e altri 200 mila sono pronti appena al di là della frontiera.

 

Nel primo gruppo d’attacco c’erano decine di ferri vecchi, persino carri armati T34 della seconda Guerra Mondiale. Oggi i russi sembrano disporre di T80 modernizzati, T90 e altri corrazzati ben più efficienti dei T72 a disposizione degli ucraini. Anche per questo servono i Leopard tedeschi.

 

GUERRA IN UCRAINA - CARRI ARMATI RUSSI GUERRA IN UCRAINA - CARRI ARMATI RUSSI

Sono stati filmati treni carichi di munizioni e corrazzati, l’intelligence di Kiev ormai parla senza remore di «una nuova grande offensiva russa in preparazione». Per Zelensky «sta già cominciando». Per i think tank occidentali scatterà nelle prossime settimane o mesi.

 

Per il ministro della Difesa Oleksii Reznikov, è possibile che «dal momento che vive di simbolismo, Putin cercherà di fare qualcosa intorno al 24 febbraio», anniversario dell’invasione. Dopo la «guerra lampo» (fallita) e la «guerra di attrito», la Russia proverà per l’offensiva dell’anniversario una «guerra di movimento», fatta di manovre campali, battaglioni corrazzati, artiglieria, aviazione. […]

 

vladimir putin anniversario vittoria di stalingrado vladimir putin anniversario vittoria di stalingrado

Sarà decisivo l’addestramento e il coraggio dei tanti Alexey sul campo. Niente di simile si è visto nel mondo dalla guerra Iraq-Iran degli anni 80. Allora i morti furono almeno un milione. Centomila l’anno. Ucraina e Russia sono in media.

ALEXANDER LAPIN VLADIMIR PUTIN ALEXANDER LAPIN VLADIMIR PUTIN vladimir putin in fabbrica a san pietroburgo 2 vladimir putin in fabbrica a san pietroburgo 2 vladimir putin in fabbrica a san pietroburgo vladimir putin in fabbrica a san pietroburgo GUERRA IN UCRAINA - LANCIAMISSILI IN DOTAZIONE AGLI UCRAINI GUERRA IN UCRAINA - LANCIAMISSILI IN DOTAZIONE AGLI UCRAINI guerra in ucraina guerra in ucraina attacco con i droni a kiev attacco con i droni a kiev

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VIA CRUCIS DI GIORGIA MELONI: SI COMINCIA IL 15 OTTOBRE, CON LE ELEZIONI POLACCHE E IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI BILANCIO DA PRESENTARE A BRUXELLES – POI C’È L’INFILATA DI GIUDIZI DELLE AGENZIE DI RATING: IL 20 OTTOBRE TOCCA A S&P, POI C’È FITCH (10 NOVEMBRE) E INFINE MOODY’S IL 17 NOVEMBRE. IN CASO DI DECLASSAMENTO, CI SAREBBERO EFFETTI DEVASTANTI SUI TITOLI DI STATO – LAST BUT NOT LEAST, IL 30 NOVEMBRE: È LA DATA ULTIMA PER RATIFICARE IL MES. AUGURI! - VIDEO

DAGOREPORT! - L'IRRITAZIONE (EUFEMISMO) DI MATTARELLA PER I DUE SCHIAFFONI RIFILATEGLI DALLA DUCETTA - IL PRIMO È NOTO: QUANDO HA MINACCIATO CHE L'UNICA ALTERNATIVA ALL'ATTUALE GOVERNO È IL VOTO, DIMENTICANDO CHE È IL CAPO DELLO STATO A SCIOGLIERE LE CAMERE, NON LEI - IL SECONDO, INVECE, È STATO POCO SOTTOLINEATO: È QUANDO CIANCIA DI "UN GOVERNO DEMOCRATICAMENTE ELETTO", COME SE FOSSERO I CITTADINI, E NON IL PARLAMENTO, A DARE LA FIDUCIA A UN ESECUTIVO (VOGLIA DI PREMIERATO CI COVA)

DAGOREPORT– MELONI AVVERTE TREMONTI: IL "NEMICO" NON E' DRAGHI MA CONTE – IL CALCIONE RIFILATO DALL'EX MINISTRO DELL'ECONOMIA A MARIOPIO, ACCUSATO DI NON AVER STOPPATO IL SUPERBONUS GRILLINO (“SE NON CI FOSSE STATO UN TIZIO CHE VOLEVA ANDARE AL QUIRINALE I CONTI ITALIANI STAREBBERO MEGLIO”), METTE IN DIFFICOLTÀ LA SORA GIORGIA – LA DUCETTA HA SCELTO COME NEMICO NUMERO UNO CONTE E IL POPULISMO GRILLINO. E GLI ATTACCHI A DRAGHI SPOSTANO L'ATTENZIONE DAL VERO BERSAGLIO DA COLPIRE, SOPRATTUTTO IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE…