"NON VOGLIO ANDARE, PAPÀ" – IL PIANTO DISPERATO DI UNA BIMBA DI 5 ANNI SU UNA SPIAGGIA DI CALAIS PRIMA DI IMBARCARSI SU UN GOMMONE PER ATTRAVERSARE LA MANICA: I REPORTER DI "ITV" HANNO RIPRESO LE OPERAZIONI DI UN GRUPPO DI TRAFFICANTI CHE, IN PIENA NOTTE, METTE IN MARE UN GOMMONE CON DEI DISPERATI DISPOSTI A PAGARE 3500 STERLINE PER PROVARE A RAGGIUNGERE LA GRAN BRETAGNA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

DAGONEWS

 

migranti partono da calais 5 migranti partono da calais 5

«Non voglio andare, papà». La disperazione, le urla e il pianto di una bambina di 5 anni sono stati ripresi a Calais da un gruppo di reporter sotto copertura che hanno catturato i membri di una gang in Francia che aiutano i migranti a lasciare le spiagge su gommoni fatiscenti per attraversare la manica.

 

migranti partono da calais 6 migranti partono da calais 6

La scena scioccante è stata catturata di notte da un troupe di ITV che sta indagando sulle rotte dei migranti dalla spiaggia di Bleriot: la piccola urlava a piangeva mentre le veniva ordinato di salire sulla barca per affrontare la traversata. Anche i giornalisti sotto copertura del programma "Exposure" si sono trovati faccia a faccia con membri di una gang in Francia che si sono offerti di farli arrivare nel Regno Unito per 3.500 sterline ciascuno.

migranti partono da calais 1 migranti partono da calais 1

 

Le squadre operano di notte per sfuggire alla polizia. Una rete di trafficanti che ha radici anche nel Regno Unito dove hanno sede gli intermediari ai quali i migranti devono dare soldi come garanzia per affrontare il viaggio.

 

intermediario a londra 1 intermediario a londra 1 migranti partono da calais 3 migranti partono da calais 3

 

migranti partono da calais 2 migranti partono da calais 2 migranti a calais 1 migranti a calais 1 migranti a calais 3 migranti a calais 3 migranti a dunkerque migranti a dunkerque MIGRANTI CALAIS MIGRANTI CALAIS migranti a calais migranti a calais

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

CHI CONTROLLA I MALATI SE SI AMMALANO I CONTROLLORI? - A TREVISO FOCOLAIO TRA CHI FA I TAMPONI: 9 POSITIVI TRA MEDICINA LEGALE E PROGRAMMI DI SCREENING - COME HA FATTO IL COVID A ENTRARE NEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE? L'IPOTESI È CHE L'OPERATORE SIA STATO CONTAGIATO IN AMBITO FAMILIARE. E CHE POI ABBIA DIFFUSO IL VIRUS, IN MODO INCONSAPEVOLE, NEGLI SPAZI COMUNI DELLA MADONNINA, COME L'ATRIO, LA ZONA DELLE MACCHINETTE DEL CAFFÈ E COSÌ VIA. QUESTO SPIEGHEREBBE L'ANDAMENTO APPARENTEMENTE PUNTIFORME DEI CONTAGI