"STAVAMO TUTTI IMPAZZENDO! CORREVAMO COME POLLI CON LA TESTA MOZZATA" - IL REGISTA DANIEL ROHER HA PRESENTATO AL SUNDANCE FILM FESTIVAL IL FILM "NAVALNY", IN CUI IL DISSIDENTE RUSSO, DAL NASCONDIGLIO IN CUI RECUPERO' LE FORZE NELLA FORESTA NERA, TELEFONA A UNO DEI SICARI SOSPETTATI DI AVERLO AVVELENATO E LO INDUCE A RIVELARE I DETTAGLI DEL COLPO - IL FILM E' STATO GIRATO IN SEGRETO E INSERITO ALL'ULTIMO NEL PROGRAMMA DEL FESTIVAL PERCHE'...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Guardian

 

Navalny Navalny

Un film documentario su Alexei Navalny, sopravvissuto per un pelo a un apparente tentativo di avvelenamento con novichok, è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival.

 

Il film di 90 minuti, intitolato semplicemente “Navalny”, presenta filmati del leader dell'opposizione russa, girati durante i diversi mesi trascorsi in Germania alla fine del 2020 mentre si riprendeva dall'avvelenamento. Ci sono interviste con Navalny, sua moglie, Yulia e la sua squadra più vicina.

 

La sequenza più straordinaria del film è quando, dal nascondiglio di recupero nella Foresta Nera di Navalny, ha fatto una telefonata a uno dei sicari che crede abbia eseguito l'avvelenamento e gli ha fatto rivelare i dettagli del colpo fingendo di essere un arrabbiato capo dei servizi di sicurezza.

 

Navalny 2 Navalny 2

«Ricordo di aver detto tipo, “OK, assicurati che stiamo girando, tienilo a fuoco. Questa è la cosa più importante che filmerai in tutta la tua vita”», ha detto il regista Daniel Roher in un'intervista a Hollywood Reporter sul momento della confessione telefonica.

 

«In seguito tutti stavano impazzendo. Correvamo come polli con la testa mozzata. Ero tipo, “Scarichiamo il filmato in questo momento. Dovremmo chiamare la polizia? Abbiamo bisogno di protezione a casa?”».

 

Navalny 3 Navalny 3

Inizialmente Roher aveva in programma di girare un film su un argomento diverso con Christo Grozev, un investigatore bulgaro che lavora per Bellingcat, la squadra di investigatori online e giornalisti investigativi.

 

Tuttavia, dopo l'avvelenamento di Navalny, Grozev ha iniziato a cercare indizi su chi ci sarebbe potuto essere dietro il colpo. Dopo aver acquistato dati telefonici e di volo sul dark web russo, ha trovato un gruppo di otto uomini dei servizi di sicurezza dell'FSB che sembravano aver seguito Navalny nei viaggi attraverso la Russia per diversi anni.

 

Navalny 4 Navalny 4

Grozev ha contatto Navalny e si è recato in Germania per incontrarlo e condividere le informazioni che aveva trovato. Roher è andato con lui e ha continuato a filmare. Si è scoperto che Navalny e il suo team stavano già pensando di fare un film ed è iniziata una collaborazione.

 

«Quando Alexei si è svegliato dal coma a Berlino, ha avuto due visioni. Uno era di fare questo gigantesco video investigativo sul palazzo di Vladimir Putin e la sua ricchezza illecita. E l'altro era fare questo grande film documentario hollywoodiano, nella sua mente», ha detto Roher.

 

Navalny 5 Navalny 5

Navalny si è ammalato nell'agosto 2020 mentre prendeva un aereo da Tomsk in Siberia a Mosca. Grazie alle rapide azioni del pilota, che ha effettuato un atterraggio di emergenza a Omsk, non è morto e in seguito è stato trasportato a Berlino, dove ha fatto un lungo e lento recupero.

 

Il Cremlino ha negato il coinvolgimento nell'avvelenamento e il presidente Vladimir Putin si è rifiutato di pronunciare il nome di Navalny in pubblico, riferendosi a lui obliquamente come «quel gentiluomo», «un certo personaggio» o «il paziente di Berlino».

 

MANIFESTAZIONE PER Alexei Navalny MANIFESTAZIONE PER Alexei Navalny

Il film si chiude con il ritorno di Navalny in Russia nel gennaio 2021. È stato arrestato all'arrivo in aeroporto e successivamente condannato a due anni e otto mesi di carcere, per aver presumibilmente violato i termini di una precedente condanna per frode. Sta scontando la pena in una colonia a 60 miglia a est di Mosca.

 

Dopo l'avvelenamento di Navalny, la sua Fondazione Anticorruzione è stata dichiarata un'organizzazione estremista e molti dei suoi leader e coordinatori regionali sono stati costretti a fuggire dal paese.

 

Vladimir Putin Vladimir Putin

La realizzazione del film è stata tenuta nascosta fino all'inizio di questo mese e la sua presenza nel programma Sundance è stata pubblicizzata solo all'ultimo minuto. La premiere si è svolta online martedì sera, poiché il Sundance di quest'anno è virtuale a causa del Covid. Maria Pevchikh, una stretta collaboratrice di Navalny che era con lui a Tomsk quando è stato avvelenato, è stata la produttrice esecutiva del film.

 

Alla fine del film, Navalny risponde alla richiesta del regista di registrare un messaggio per l'eventualità che fosse ucciso al suo ritorno. «Ho una cosa molto ovvia da dirti: non mollare, non ti è permesso. Se hanno deciso di uccidermi, significa che siamo incredibilmente forti e dobbiamo usare questo potere», ha detto.

 

Alexei Navalny Alexei Navalny

In un post di Instagram che annunciava il film, Navalny si è lamentato con il suo solito tono irriverente che la biblioteca della prigione dove sta scontando il tempo non ha un abbonamento a HBO Max, quindi non potrà guardarlo.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute