"A TERAMO NON MANCA LA GNOCCA" - NELLO SPOT GIRATO DA VITTORIO SGARBI CON IL SINDACO DI GIULIANOVA, JWAN COSTANTINI, IL CRITICO D'ARTE SI LASCIA ANDARE A BATTUTE SU GNOCCHE E FIDANZATE VARIE - INTANTO IL PRIMO CITTADINO SGHIGNAZZA - DILUVIO DI POLEMICHE PER LO SPOT DEFINITO "SESSISTA". L'ASSESSORE DI TERAMO, ILARIA DE SANTIS: "RIDURRE IL RUOLO ISTITUZIONALE DI SINDACO A QUELLO DI CINEOPERATORE COMPIACIUTO DI UNO SKETCH NEL QUALE SI PARLA DI DONNE COME PREDE..." - VIDEO

- -

 

-

Condividi questo articolo


 

Dal messaggero.it

 

Sgarbi e Costantini Sgarbi e Costantini

«Spot sessista». Sui social è ormai un caso il video-spot su Giulianova fatto da Vittorio Sgarbi con il sindaco della cittadina della riviera teramana, Jwan Costantini, passato alla Lega, che sghignazza in sottofondo quando il critico d'arte parla di fidanzate sparse un po' ovunque («Ascoli, Teramo e in piccoli paesi», dice Sgarbi)  - e questa non è una novità -  e di «gn.... che non manca a Teramo».

 

Il video è stato pubblicato ieri sulla pagina Facebook dal gruppo di opposizione del Consiglio comunale di Giulianova, Il Cittadino Governante ed ha fatto subito il giro del web, con decine di condivisioni e  commenti, per lo più negativi di donne (ma c'è anche chi elogia il sindaco di Giulianova).

 

Vittorio Sgarbi Vittorio Sgarbi

Immediata la reazione dell'assessore del Comune di Teramo, Ilaria De Santis: «Mi segnalano questo video: ridurre il ruolo istituzionale di sindaco di un'importante città della nostra provincia a cineoperatore compiaciuto e divertito di uno sketch nel quale si parla di donne come prede e del suo territorio come luogo di facili conquiste amorose, mi intristisce come donna, ma altresì mi indigna in qualità di rappresentante delle istituzioni nonché di assessore alle pari opportunità».

 

Duro l'attacco dei consiglieri del Cittadino Governante: «Sindaco Costantini, con questi tuoi atteggiamenti sessisti e per niente istituzionali metti in imbarazzo Giulianova e il mondo delle donne! Noi siamo indignati e tu dovresti vergognarti almeno un po'. Quotidianamente le donne subiscono discriminazioni che derivano anche da frasi retrograde come quelle che tanto ti fanno sghignazzare nel video». Per tutta la giornata sono stati decine e decine i commenti stizziti.

 

Ilaria De Santis Ilaria De Santis

«Che figura meschina quella dell'ex europarlamentare Vittorio Sgarbi ed oltremodo "penoso" l'atteggiamento del sindaco Costantini che ride compiaciuto dinanzi alle parole offensive e denigratorie rivolte alle donne della provincia di Teramo - scrive la Conferenza Donne Democratiche della provincia di Teramo -. Nessuna battuta e nessuna superficialità  è ammissibile a tale classe politica che invece di dare l'esempio con un comportamento integro e moralmente elevato, riesce a dare il peggio del peggio della bassezza morale condita da una volgarità crassa di quarta serie. Proprio due giorni fa a Roma si è concluso il summit Women20 all'interno del G20 con un principio di fondo condiviso: una necessaria svolta culturale e politica che cambi l'accezione della donna e il gap di genere, con l'obiettivo di mettere le donne al centro del cambiamento. Orbene, signor Sgarbi e signor Sindaco Costantini le vostre parole e i vostri comportamenti sono così lontani dall'Italia del futuro, che le donne che oggi voi offendete stanno costruendo con serietà e abnegazione e che voi sicuramente non rappresentate. Vergognatevi».

 

Jwan Costantini Jwan Costantini

Nel tardo pomeriggio di ieri il sindaco Costantini, su richiesta della Commissione pari opportunità di Giulianova, ha rimosso il filmato dai suoi profili Facebook e Instagram, ma le immagini e le risate su Giulianova tutta «gnocca e sesso» hanno continuato a girare nel rullo del web. «Sappiamo tutti com'è Sgarbi, fa dell'ironia a volte anche pesante, ma lo scopo non era sicurmamente quello di offendere le donne - dice il sindaco Costantini - Non credo siano questi i problemi da risolvere, la sinistra punta il dito solo per strumentalizzare». Poi aggiunge: «Se devo chiedere scusa, lo faccio».

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI – OGGI 6.619 CASI E 18 DECESSI, CON 247.486 TAMPONI EFFETTUATI. IL TASSO DI POSITIVITÀ RIMANE STABILE AL 2,7% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 67,5 MILIONI, CON PIÙ DI 31,7 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO RICEVUTO IL RICHIAMO (IL 58,82% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – IL PRESIDENTE DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ BRUSAFERRO SUL POSSIBILE CAMBIO COLORE DELLE REGIONI: “OGGI È DIFFICILE FARE PREVISIONI, LA PROSSIMA SETTIMANA AVREMO UN QUADRO PIÙ DEFINITO”