"TI SPARO IN FRONTE, NON HO PAURA DI NESSUNO E NEANCHE DI UCCIDERTI" - ARRESTATI A NAPOLI 4 MEMBRI DI VERTICE DEL CLAN TRONCONE, CHE AVREBBERO COMMESSO UNA SERIE DI ESTORSIONI AI DANNI DI ALCUNI COMMERCIANTI - IL BOSS VITALE TRONCONE, IL FIGLIO GIUSEPPE, IL COGNATO LUIGI E BENITO DIVANO, AVREBBERO CHIESTO E OTTENUTO DA UN AMBULANTE 500 EURO PER CONSENTIRE ALLA MOGLIE DI VENDERE I GADGET (ORIGINALI) DEL CLUB PARTENOPEO DURANTE LA FESTA SCUDETTO - NON SOLO: IL CLAN AVREBBE ANCHE OBBLIGATO L'UOMO AD ACQUISTARE ALCUNE SIGARETTE DI CONTRABBANDO, A PREZZI MAGGIORATI, CHE…

-

Condividi questo articolo


1. PIZZO PAGATO ANCHE DURANTE FESTA SCUDETTO DEL NAPOLI, 4 ARRESTI

festa scudetto napoli 11 festa scudetto napoli 11

(ANSA)  - Quattro persone, ritenute legate a un gruppo criminale del quartiere Fuorigrotta di Napoli, sono state arrestate dai carabinieri in quanto ritenute gli autori di una serie di estorsioni - continuate e aggravate dal metodo mafioso - ai danni di alcuni commercianti della zona costretti a versare il "pizzo" anche durante la festa scudetto.

 

VITALE TRONCONE VITALE TRONCONE

L'attività investigativa, svolta dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli su coordinamento della Dda di Napoli, ha permesso di acquisire elementi indiziari a carico degli indagati per delle estorsioni pluriaggravate perpetrate a carico di commercianti del quartiere di Napoli-Fuorigrotta.

 

L'indagine, nel suo complesso, attraverso il riscontro delle dichiarazioni rese dalle vittime agli inquirenti, ha permesso di accertare in particolare, le modalità d'imposizione del Tle di contrabbando, ad opera del gruppo criminale a cui gli indagati facevano riferimento, ai danni delle vittime, nonché le analoghe costrizioni di natura economica alle stesse imposte per la vendita della predetta merce; le modalità di violenta costrizione circa la prosecuzione dell'attività di venditore ambulante dei gadget della Ssc Napoli, ad opera sempre dei soggetti in questione, nei confronti delle persone offese; la disponibilità, da parte degli indagati, di armi da fuoco per l'esercizio della relativa attività criminale di natura estorsiva.

 

2. 500 EURO PER VENDERE GADGET NAPOLI: PRESI BOSS, FIGLIO E COGNATO

festa scudetto napoli 10 festa scudetto napoli 10

 (ANSA) - Nel maggio 2023, proprio durante la festa scudetto, avrebbero chiesto e ottenuto da un ambulante 500 euro per consentire alla moglie di vendere i gadget (originali) del Napoli Calcio. E' quanto emerso dall'indagine dei carabinieri del Nucleo Investigativo del comando provinciale di Napoli e della DDA che oggi hanno arrestato quattro elementi di vertice della famiglia malavitosa del quartiere Fuorigrotta.

GIUSEPPE TRONCONE GIUSEPPE TRONCONE

 

Si tratta del boss Vitale Troncone, 55 anni, chiamato "lo zio", del figlio Giuseppe, di 26 anni, di Luigi Troncone, 34 anni, cognato di Vitale, e di Benito Divano, 41 anni. Il gruppo criminale capeggiato da Vitale Troncone fu al centro di una faida con un clan rivale, tempo fa, e padre e figlio, lo scorso giugno, scamparono miracolosamente a un agguato scattato con il chiaro intento di uccidere e durante il quale vennero esploso oltre una decina di colpi tra la folla. Non solo. Minacciando di morte la stessa vittima, il clan Troncone avrebbe imposto per 6-7 mesi quantitativi di sigarette di contrabbando (150/200 stecche) che l'ambulante - venditore di sigarette di contrabbando - non aveva la capacità vendere, facendogliele anche pagare a un prezzo maggiorato, a 24 euro ciascuna.

festa scudetto napoli 5 festa scudetto napoli 5

 

Per un periodo il venditore di sigarette è riuscito a pagare l'imposizione soprattutto grazie ai proventi della vendita dei gadget del Napoli campione d'Italia. Quando ha cercato di far capire però che la situazione sarebbe diventata poi insostenibile Vitale e Luigi Troncone hanno reagito minacciandolo di morte e rispondendo: "qua stiamo noi e comandiamo noi, e ti devi fare quello che diciamo noi".

sigarette di contrabbando 3 sigarette di contrabbando 3

 

3. FIGLIO BOSS A VITTIMA RETICENTE, 'TI SPARO UN COLPO IN FRONTE'

 (ANSA) - "Ora ti sparo una botta (un colpo) in fronte, non ho paura di nessuno e neanche di ucciderti". E ancora: "devi dire a tua moglie che non deve intromettersi... non ho paura di uccidervi... per colpa tua mio figlio è armato e sta rischiano di essere arrestato". Non avevano mezze misure Giuseppe e Vitale Troncone, vertici dell'omonima famiglia malavitosa decapitata oggi con quattro arresti notificati dai carabinieri del comando provinciale di Napoli.

 

La vittima è un ambulante del quartiere Fuorigrotta costretto a pagare il pizzo affinché la moglie potesse vendere i gadget della SSC Napoli e anche ad acquistare ingenti quantità di sigarette di contrabbando - a prezzi maggiorati - che non era in grado vendere. Nel settembre 2023, secondo quanto riferito, la vittima sarebbe stata anche minacciata di morte in quanto, in quell'occasione non era riuscito a corrispondere la somma di 500 euro.

 

festa scudetto napoli 6 festa scudetto napoli 6

 A interfacciarsi con l'ambulante, armato di pistola e in sella a uno scooter, in quell'occasione, fu Luigi Troncone (cognato del boss Vitale Troncone): "per colpa tua mi fai arrestare...mi hai fatto venire armato... e ora perchè non mi hai dato tutti i soldi che devi darci, mi ha costretto a scendere anche domani che è domenica". Il giorno dopo, la vittima, per timore di ritorsioni ai danni suoi, della moglie e dei suoi figli piccoli, ha consegnato la parte mancante del denaro richiesto al boss Vitale Troncone, appositamente recatosi per il prelievo. Anche Giuseppe e Vitale Troncone hanno minacciato di morte l'ambulante. Minacce, anche rivolte al figlio della coppia, continuate anche dopo la denuncia alle forze dell'ordine.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...