LA REGIONE BASILICATA SCRIVE A DAGOSPIA: “L’ARTICOLO DI SELVAGGIA LUCARELLI HA DESTATO PARTICOLARE ALLARME IN BASILICATA PERCHÉ LA FAMIGLIA DELLA PERSONA SCOMPARSA LAMENTA RITARDI, LUNGHE ATTESE E DISFUNZIONI CHE SI SAREBBERO VERIFICATI QUANDO SI È RIVOLTA AL SERVIZIO SANITARIO. IL PRESIDENTE VITO BARDI HA DISPOSTO UNA INDAGINE AMMINISTRATIVA PER CAPIRE SE QUALCOSA NON HA FUNZIONATO NELLE PROCEDURE. MA E’ BENE RICORDARE CHE…”

-

Condividi questo articolo


Riceviamo e pubblichiamo:

 

Cara Selvaggia Lucarelli, caro Dago,

ogni morte, anche una sola, è una immane tragedia. Ed ogni famiglia che sta vivendo in questi giorni questo dramma ha tutta la nostra solidarietà. Fra questi anche le famiglie degli 11 lucani che purtroppo ci hanno lasciato dopo aver contratto il virus del Covid-19.

 

antonio nicastro antonio nicastro

Il caso riportato nell’articolo pubblicato ieri (FURIA SELVAGGIA SULLA BASILICATA - GENTE CHE MUORE ASPETTANDO I TAMPONI, ASSESSORI CHE MINIMIZZANO: IL DISASTRO DELLA REGIONE - L’ULTIMO CASO, QUELLO CHE RIGUARDA LA MORTE DEL GIORNALISTA ANTONIO NICASTRO, GRIDA VENDETTA. PER DUE SETTIMANE AVEVA IMPLORATO UN TAMPONE, SUPPORTATO DALLA MOGLIE E DAL FIGLIO VALERIO. “STIAMO IMPAZZENDO”....) ha destato particolare allarme in Basilicata perché la famiglia della persona scomparsa lamenta ritardi, lunghe attese e disfunzioni che si sarebbero verificati quando si è rivolta al Servizio sanitario. Per questo motivo, anche sulla base di altre segnalazioni, prima ancora che la magistratura (come leggo sui giornali di oggi) decidesse di aprire una inchiesta giudiziaria, il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi ha disposto una indagine amministrativa per capire se qualcosa non ha funzionato nelle procedure.

 

selvaggia lucarelli selvaggia lucarelli

Alla conclusione delle indagini, che in un caso e nell’altro seguiranno il loro corso, ognuno formulerà i suoi giudizi sul caso e adotterà le scelte più opportune, ma non credo sinceramente che basti questo per sentenziare che la sanità lucana sia allo sfascio. Voglio soltanto far notare che fino a questo momento il servizio sanitario regionale lucano, pur gravato da molti problemi in gran parte ereditati dal passato (ma questa è un’altra storia), ha risposto con efficacia pari o addirittura superiore a quanto si è verificato in altre realtà italiane.

 

Fare la storia con mezze frasi estrapolate dal contesto è uno sport molto diffuso in Italia, e francamente non credo sia giusto. Anche perché, in una vicenda così dirompente e nuova come la pandemia in atto, verrebbe da dire “Chi è senza peccato scagli la prima pietra”. Per carità di patria eviterò di richiamare le frasi ed i comportamenti rassicuranti che fino a un mese fa, molti politici e qualche tecnico, hanno tenuto e che si sono rivelati drammaticamente irresponsabili.

 

vito bardi 20120310 5072189 vito bardi 20120310 5072189

A tutti vorrei ricordare che la sera del 23 febbraio, dopo che in Lombardia era stata annunciata la chiusura delle scuole e delle università, il presidente Bardi firmò un’ordinanza che disponeva l’obbligo di quarantena per gli studenti che stavano tornando in massa dal Nord Italia. Un provvedimento che ha solo anticipato, in realtà, misure ben più restrittive attuate su tutto il territorio nazionale, ma che fu accolto con ilarità, se non con fastidio. Ma non è il caso di recriminare. Oggi è il tempo delle scelte. E le scelte del governo regionale lucano, oggi come allora, sono improntate al principio che la salute viene prima di ogni altra cosa.

 

Cordialmente

Massimo Calenda

Capo Ufficio Stampa Giunta regionale Basilicata

 

antonio nicastro antonio nicastro

2 - FURIA SELVAGGIA SULLA BASILICATA - GENTE CHE MUORE ASPETTANDO I TAMPONI, ASSESSORI CHE MINIMIZZANO: IL DISASTRO DELLA REGIONE - L’ULTIMO CASO, QUELLO CHE RIGUARDA LA MORTE DEL GIORNALISTA ANTONIO NICASTRO, GRIDA VENDETTA. PER DUE SETTIMANE AVEVA IMPLORATO UN TAMPONE, SUPPORTATO DALLA MOGLIE E DAL FIGLIO VALERIO. “STIAMO IMPAZZENDO”....

https://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/furia-selvaggia-basilicata-gente-che-muore-aspettando-tamponi-232258.htm

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

È UN CONTROSCALA O UN SOTTOSCALA? CONTINUA LA FAIDA DEI RICCARDI: MUTI VS CHAILLY – ALLA FONDAZIONE PRADA DI MILANO RICCARDO MUTI PORTA A DICEMBRE LA SUA OPERA ACADEMY. CHE QUESTO AVVENGA NELLA SETTIMANA DELLA PRIMA DELLA SCALA (CON IL MACBETH DIRETTO DA RICCARDO CHAILLY) VIENE DERUBRICATO A SEMPLICE COINCIDENZA - “FIGURIAMOCI SE IO, A 80 ANNI E CON LA MIA CARRIERA, MI PREOCCUPO DI VENIRE QUI SOLO PER DARE FASTIDIO. SE DALL'ALTRA PARTE QUALCUNO SI RISENTIRÀ SARÀ UN PROBLEMA SUO…" - IL GRANDE SCAZZO TRA I DUE ALLA SCALA

politica

business

UN BEL BOTIN PER ORCEL - L’EX PRESIDENTE DI UBS AXEL WEBER E IL CAPO DELLA BANCA SVIZZERA, MARK SHELTON, HANNO TESTIMONIATO DAVANTI AI GIUDICI DI MADRID SUL CASO DEI BONUS NON PAGATI DAL BANCO SANTANDER AD ANDREA ORCEL. I DUE NON HANNO POTUTO CHE CONFERMARE CIÒ CHE AVEVANO GIÀ DETTO PIÙ VOLTE, CIOÈ CHE UBS AVEVA AVVISATO IL SANTANDER CHE NON AVREBBERO PAGATO LORO QUEI BONUS - ORCEL ORA INCASSERÀ IL DOVUTO, SI PARLA DI 76 MILIONI DI EURO. E ANA BOTIN? GLI AZIONISTI POTRANNO CONFERMARE UN PRESIDENTE SMENTITO DI FRONTE A TUTTO IL MONDO?

cronache

SE LA DAI PER FARE CARRIERA POI NON FARE LA VITTIMA – È FINITO ALLA FORCA JULIAN REICHELT, IL DIRETTORE DELLA “BILD”, LICENZIATO DOPO ESSERE STATO ACCUSATO DI ESSERSI PORTATO A LETTO DELLE COLLEGHE IN CAMBIO DI PROMOZIONI E BONUS IN DENARO CHE AVREBBERO DOVUTO COMPRARE IL LORO SILENZIO – A FAR PRECIPITARE LA DECISIONE DI MATHIAS DÖPFNER, PRESIDENTE E AD DI SPRINGER CHE DIFENDEVA REICHELT, È STATA L'INCHIESTA DEL “NEW YORK TIMES”: E ORA PURE LUI FINISCE NEL TRITACARNE DOPO CHE…

sport

cafonal

viaggi

salute