LA RICOSTRUZIONE DELLA NOTTE CHE HA PORTATO 4 ITALIANI A ESSERE ACCUSATI DI STUPRO DI GRUPPO NEI CONFRONTI DI UNA 29ENNE BRASILIANA A MAIORCA – LA VIOLENZA SAREBBE COMINCIATA DOPO UN PRIMO RAPPORTO CONSENSUALE, QUANDO SAREBBERO COMPARSI GLI ALTRI TRE. UNO DEL GRUPPO NON AVREBBE PARTECIPATO ALLO STUPRO MA LE MANETTE SONO SCATTATE PURE PER LUI PERCHÉ, SECONDO IL GIUDICE, NON SI SAREBBE OPPOSTO ALLA VIOLENZA – SI ANALIZZANO TELEFONINI E CHAT, PRELEVATO ANCHE IL DNA...

Condividi questo articolo


Alessandro Fulloni per il “Corriere della Sera” - Estratti

 

MAIORCA STUPRO DI GRUPPO COINVOLTI 4 ITALIANI MAIORCA STUPRO DI GRUPPO COINVOLTI 4 ITALIANI

Le prime due notti, da martedì, nel centro penitenziario di Palma di Maiorca trascorse nel «braccio» della delinquenza comune. Ma con la speranza che la loro permanenza in cella si riveli il più breve possibile.

 

Nei prossimi giorni l’avvocato dovrebbe presentare il ricorso contro la decisione di incarcerare, in attesa del giudizio, i quattro italiani — tutti tra i 24 e i 27 anni — arrestati domenica per la violenza sessuale ai danni della brasiliana 29enne che li ha denunciati.

 

Il gruppetto, in vacanza alle Baleari, aveva il biglietto di rientro per l’Italia proprio per domenica. Per questo, per evitare la fuga, gli accertamenti sono stati velocizzati al massimo. Decisivo nell’identificazione di Alessandro, Domenico, Paolo e Rocco — questi i nomi di battesimo — è stato il passaporto di uno dei quattro che la donna è riuscita a prelevare prima di allontanarsi, raggiungendo il commissariato in taxi. 

 

(...)

 

MAIORCA STUPRO DI GRUPPO COINVOLTI 4 ITALIANI MAIORCA STUPRO DI GRUPPO COINVOLTI 4 ITALIANI

 

La vicenda è seguita con «la massima attenzione» dal consolato generale dell’Italia a Barcellona che si è attivato tramite l’avvocato Alessio Paoletti, il console onorario a Palma di Maiorca.

 

Domani lo stesso Paoletti andrà in visita al carcere e incontrerà i connazionali qualora manifestassero il loro interesse a essere assistiti dalla rappresentanza diplomatica italiana.

 

Nel frattempo l’indagine va avanti. Gli investigatori starebbero analizzando i contenuti e le comunicazioni telefoniche, chat comprese, dei quattro, uno dei quali proveniente da Torino. La «scientifica» avrebbe anche raccolto tracce del Dna individuate nell’appartamento in cui sarebbe avvenuta la violenza.

 

Affittato per la loro vacanza, sta in un residence a Playa de Palma, non lontano dalla spiaggia e soprattutto dal centro della movida a Palma di Maiorca. Proprio qui, in una discoteca sul Paseo Marítimo, l’affollato lungomare della località turistica, uno del quartetto avrebbe incrociato, verso l’una del mattino, la brasiliana. Due chiacchiere banali.

 

MAIORCA STUPRO DI GRUPPO COINVOLTI 4 ITALIANI MAIORCA STUPRO DI GRUPPO COINVOLTI 4 ITALIANI

Lei che chiede: «Hai una sigaretta?». Lui che si affanna per trovarla. Verso le cinque i due si sono nuovamente incrociati all’uscita del locale. Altre chiacchiere. E l’appartamento raggiunto assieme, in taxi.

 

Lo stupro sarebbe cominciato dopo un primo rapporto consensuale, quando sarebbero comparsi gli altri tre, pure loro di rientro dalla discoteca e sempre in taxi. Uno del gruppo non avrebbe partecipato allo stupro, sarebbe rimasto in disparte, in un balcone.

Ma le manette sono scattate pure per lui perché, secondo il giudice, non si sarebbe opposto alla violenza.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…