L’ENNESIMA TRAGEDIA CHE SI POTEVA EVITARE – GIANDAVIDE DE PAU POTEVA ESSERE FERMATO: IL KILLER DI PRATI ERA STATO ARRESTATO NEL 2006 PER AVER SEQUESTRATO E STUPRATO UNA PROSTITUTA BRASILIANA. MA I GIUDICI LO LIBERARONO GRAZIE A CAVILLI E PERIZIE MEDICHE: FU PROSCIOLTO PER UN VIZIO DI MENTE E FINÌ IN UNA STRUTTURA SANITARIA. POI, NEL 2019, DOPO AVER MASSACRATO UN BARISTA, GLI FECERO PATTEGGIARE UN ANNO DI RECLUSIONE…

-

Condividi questo articolo


Luca Monaco e Andrea Ossino per “la Repubblica – ed. Roma”

 

GIANDAVIDE DE PAU IN VIA RIBOTY RIPRESO DALLE TELECAMERE DI VIDEOSORVEGLIANZA GIANDAVIDE DE PAU IN VIA RIBOTY RIPRESO DALLE TELECAMERE DI VIDEOSORVEGLIANZA

Giandavide De Pau poteva essere fermato. Già da tempo il killer di Prati aveva mostrato la sua indole violenta. Lo sanno bene i carabinieri, che nel 2006 lo hanno arrestato per aver sequestrato e stuprato una prostituta brasiliana.  Una violenza tremendamente simile a quelle accadute la scorsa settimana, quando il 51enne ha ucciso tre donne a pochi metri dal tribunale di Roma.

 

Il lavoro dei pm e delle forze dell'ordine però si è scontrato con le norme, i cavilli e le perizie mediche che non hanno arginato la furia omicida. Non è la prima volta.

 

Nel 2019 i giudici gli hanno permesso di patteggiare a un anno di reclusione una condanna per aver massacrato un barista dopo aver aggredito la figlia del boss Salvatore Nicitra. Questo nonostante gli incontri del 2013 con Massimo Carminati, la devozione al capomafia Michele Senese, i precedenti per violazione di domicilio, ricettazione, lesioni personali, violenza privata, minacce e resistenza a pubblico ufficiale. Inutili anche le accuse mosse nel 2020, quando è stato arrestato per aver gravitato intorno a una banda di narcos che si dilettava facendo estorsioni a mano armata, gambizzando le vittime e ripulendo il denaro. Il tutto con metodi mafiosi.

 

giandavide de pau giandavide de pau

Il soggiorno nell'ospedale psichiatrico di Montelupo Fiorentino, dove De Pau è stato ricoverato nel 2008 e nel 2011, è servito solo a permettere all'indagato di evitare il carcere. E anche le visite al dipartimento di salute mentale della Asl Roma 1 non hanno sortito l'effetto sperato. Nonostante la diagnosi di "disturbo di personalità borderline e disturbo di personalità antisociale correlati ad abuso di alcol e cocaina", dallo scorso aprile De Pau era un uomo libero.

 

Libero di sfogare quella violenza già emersa in passato e adesso certificata dal resoconto dell'autopsia effettuato sui corpi delle vittime. Un esame che parla di una decina di coltellate inferte alla colombiana Martha Lucia Torres Castano, di una ventina di ferite riscontrate sul corpo di Xiuli Guo, uccisa durante un rapporto sessuale, e di un " numero spropositato" di fendenti inferti contro Li Yanrong, la più grande delle due ragazze orientali, intervenuta per difendere l'amica. Circa cinquanta coltellate raccontano "un'esagerata violenza".

 

giandavide de pau in viadurazzo a roma 2 giandavide de pau in viadurazzo a roma 2

Una storia che riporta alla mente i fatti del 2006, quando venne prosciolto per un vizio di mente e finì in una struttura sanitaria. Le carte dei carabinieri, che lo avevano arrestato, parlano di una prostituta brasiliana che correva nuda e insanguinata per strada, ai Parioli, dopo che De Pau, fingendosi per un idraulico, era entrato in casa sua armato di coltello e due pistole, violentandola e costringendola a improvvisare una fuga lanciandosi dal balcone.

«Sussiste il concreto pericolo di reiterazione del reati», aveva spiegato il giudice Guglielmo Muntoni sottolineando « la particolare violenza e capacità criminale dell'indagato». Il magistrato decise per il carcere. Dopo fu concessa una misura alternativa, come sempre.

giandavide de pau in via durazzo a roma giandavide de pau in via durazzo a roma la casa di giandavide de pau in vendita 8 la casa di giandavide de pau in vendita 8 la casa di giandavide de pau in vendita 7 la casa di giandavide de pau in vendita 7 LIA - UNA DELLE DUE PROSTITUTE CINESI UCCISE DA GIANDAVIDE DE PAU LIA - UNA DELLE DUE PROSTITUTE CINESI UCCISE DA GIANDAVIDE DE PAU la casa di giandavide de pau in vendita la casa di giandavide de pau in vendita GIANDAVIDE DE PAU GIANDAVIDE DE PAU GIANDAVIDE DE PAU GIANDAVIDE DE PAU GIANDAVIDE DE PAU GIANDAVIDE DE PAU GIANDAVIDE DE PAU GIANDAVIDE DE PAU giandavide de pau in via riboty a roma 1 giandavide de pau in via riboty a roma 1 la casa di giandavide de pau in vendita 1 la casa di giandavide de pau in vendita 1 la casa di giandavide de pau in vendita 4 la casa di giandavide de pau in vendita 4 giandavide de pau in via riboty a roma giandavide de pau in via riboty a roma

 

Condividi questo articolo

media e tv

"DA ANNI LOTTO CON LA DEPRESSIONE, NON RIUSCIVO A PIEGARE LE GAMBE E AVEVO ATTACCHI DI PANICO PRIMA DEI CONCERTI" - KEKKO SILVESTRE, IL CANTANTE DEI MODA', RACCONTA IL SUO MALE OSCURO: "HO PENSATO DI SMETTERE DEL TUTTO, MIA FIGLIA MI CHIEDEVA: 'PERCHÉ NON CANTI PIÙ?'. LE DICEVO CHE ERA PER IL MAL DI GOLA. ERO COSÌ DISTRUTTO CHE ACCOLSI BENE LA NOTIZIA DELLO STOP DEI TOUR PER IL COVID. LA PANDEMIA, INVECE, MI HA DATO IL COLPO DI GRAZIA" - "NON SONO GUARITO, MA IL TOUR DELL’ANNO SCORSO MI HA FATTO CAPIRE CHE SE STAI SUL DIVANO NON GUARISCI…"

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute