L’INVIATA DELL’ONU, FRANCESCA ALBANESE, NON POTRÀ ENTRARE IN ISRAELE – TEL AVIV HA DECISO DI NEGARLE L’INGRESSO NEL PAESE. MOTIVO: “LE SUE OLTRAGGIOSE AFFERMAZIONI CHE ‘LE VITTIME DEL MASSACRO DEL 7 OTTOBRE NON SONO STATE UCCISE PER LA LORO EBRAICITÀ MA IN RISPOSTA ALL’OPPRESSIONE ISRAELIANA’” – PER IL MINISTRO DEGLI ESTERI DI TEL AVIV, ISRAEL KATZ, “IL TEMPO DEL SILENZIO EBRAICO È PASSATO” – LA REPLICA DELLA FUNZIONARIA ITALIANA: “SONO DUE ANNI CHE ISRAELE MI NEGA DI FARE IL MIO LAVORO COME CHIESTO DALL'ONU”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di www.rainews.it

 

FRANCESCA ALBANESE FRANCESCA ALBANESE

Israele ha negato l'ingresso nel Paese a Francesca Albanese, inviata del Consiglio dei diritti umani dell'Onu. La decisione, hanno fatto sapere i ministeri degli Esteri e degli Interni, è dovuta a un suo tweet. Dopo che il presidente francese Emmanuel Macron aveva definito gli attacchi di Hamas del 7 ottobre il "più grande massacro antisemita del nostro secolo", Albanese su X aveva replicato:

 

“Il più grande massacro antisemita del nostro secolo? No, Emmanuel Macron. Le vittime del 7/10 non sono state uccise a causa del loro ebraismo, ma in reazione all'oppressione di Israele. La Francia e la comunità internazionale non hanno fatto nulla per impedirlo. I miei omaggi alle vittime”.

 

israel katz benjamin netanyahu israel katz benjamin netanyahu

Il ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, appena diffusa la notizia del diniego, ha definito queste parole "profondamente preoccupanti" e chiesto “al Segretario generale Onu Antonio Guterres di destituire immediatamente Albanese”. Ha aggiunto Katz: Il tempo del silenzio ebraico di fronte a tali travisamenti è finito. Dobbiamo opporci con forza e voce a queste narrazioni", ha scritto su X.

 

La posizione di Katz è stata condivisa e rilanciata dal presidente della commissione Politiche Ue del Senato italiano, Giuliomaria Terzi di Sant'Agata, che ha affermato che si tratta di “commenti inaccettabili, soprattutto se pronunciati da chi rappresenta una istituzione come l'Onu, che da sempre pone al centro la lotta contro l'antisemitismo e tutte le forme di razzismo. L'attacco genocidario di Hamas non è certo un fatto che può essere soggetto a revisioni o reinterpretazioni”.

 

FRANCESCA ALBANESE FRANCESCA ALBANESE

"Sono due anni che Israele mi nega di fare il mio lavoro come chiesto dall'Onu non facilitando il mio ingresso nel Territori palestinesi occupati. E sono 17 anni che lo fa nei confronti di tutti i relatori speciali che hanno ricoperto questo mandato". Francesca Albanese, relatrice speciale delle Nazioni Unite per le violazioni dei diritti umani commessi nei Territori palestinesi occupati, reagisce così, parlando con l'agenzia Adnkronos, alla decisione di Israele di negarle l'ingresso del paese.

 

"Le affermazioni tra virgolette oltraggiose consistono nel fatto che ho risposto a quello che il presidente francese definiva essere stato il più grande attentato antisemita dalla seconda guerra mondiale", chiarisce Albanese, rivendicando di aver "condannato fin dal primo momento i crimini di Hamas nei confronti dei civili israeliani". Ma, sottolinea la relatrice dell'Onu esperta di diritto internazionale, "contesto fermamente che l'origine/causa principale dei crimini commessi contro civili israeliani sia l'antisemitismo: questa l'affermazione che Israele ritiene 'oltraggiosa'". [...]

FRANCESCA ALBANESE FRANCESCA ALBANESE FRANCESCA ALBANESE FRANCESCA ALBANESE israel katz israel katz

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…