RUBANO L’AUTO A SPALLETTI A NAPOLI E “REPUBBLICA” UNISCE I PUNTINI: “DUE GIORNI PRIMA AVEVA SUBITO UN FURTO ANALOGO (STAVOLTA DI UNA 500) LA MOGLIE DI UN ALTRO TESSERATO DEL NAPOLI, IL CENTROCAMPISTA DEMME. SECONDO GLI INVESTIGATORI È SEMPLICEMENTE L'OPERATO DI UNA BANDA SPECIALIZZATA IN FURTI DI QUESTO TIPO DI VETTURE: 100 COLPI A SEGNO DA INIZIO ANNO. EPPURE SI INSINUA LA MALIZIA, EFFETTO DEL DÉJÀ VU: NAPOLI+FURTI A GIOCATORI+SQUADRA IN TESTA AL CAMPIONATO = SOSPETTO. NESSUNO LO DICE APERTAMENTE, MA MOLTI LO PENSANO…”

-

Condividi questo articolo


Gabriele Romagnoli per “la Repubblica"

 

LUCIANO SPALLETTI LUCIANO SPALLETTI

E dunque quale è la notizia? Che abbiano rubato un'auto a Napoli? Certo che no, né lì né in un'altra città. Che l'auto fosse una Panda e il suo proprietario Spalletti, l'allenatore del Napoli? Già di più, perché va bene il profilo basso, ma l'uomo che a Milano abitava al Bosco Verticale è difficile immaginarlo fermo al semaforo su un'utilitaria, anche se poi si scopre che di Panda ne ha quattro. Dice che ha abbandonato la Mercedes per via del traffico. E già, come più o meno sosteneva Johnny Stecchino: «Il problema di questa città è il traffico».

 

DIEGO DEMME DIEGO DEMME

Ci sarebbe poi un altro fatto: due giorni prima aveva subito un furto analogo (stavolta di una 500) la moglie di un altro tesserato del Napoli, il centrocampista Demme. Allora la notizia è forse la somma: ma che risultato dà? Secondo gli investigatori è semplicemente l'operato di una banda specializzata in furti di questo tipo di vetture: 100 colpi a segno da inizio anno. Eppure si insinua la malizia, il riflesso pavloviano, effetto del déjà vu: Napoli+furti a giocatori+squadra in testa al campionato = sospetto. Nessuno lo dice apertamente, ma molti lo pensano.

 

SPALLETTI 2 SPALLETTI 2

La questione aperta da secoli è: in cosa consiste una coincidenza? Prima ipotesi: è una pura suggestione, ti compri una Panda e improvvisamente ti accorgi di quante Panda ci sono in giro, eppure sono le stesse di quando non lo notavi perché avevi un'auto diversa. Dunque: ci sono già 98 furti ma ne diventi consapevole per il peso degli ultimi due. Seconda ipotesi: è una costruzione deliberata, come il valore delle carte a poker. Ci fa trovare straordinaria una scala e non una sfilza scombinata, ma perché abbiamo deciso che valga la prima e non la seconda sequenza.

 

AURELIO DE LAURENTIIS E LORENZO INSIGNE AURELIO DE LAURENTIIS E LORENZO INSIGNE

Quindi è l'occhio mediatico a segnalare al pubblico qualcosa e attribuirgli un significato. Non si diede risalto a 98 furti, se ne parla adesso che ci sono stati questi due. Terza ipotesi: è una casualità, ma come tale non può ripetersi, se lo fa deve esistere un collegamento, un senso riconoscibile. Napoli non è mai una regola e quindi non le viene consentito di essere, neppure, un'eccezione. Non a sé stessa.

 

È sempre incastonata nella propria montatura. Sosteneva Agatha Christie che «un indizio è un indizio, due sono una coincidenza, tre diventano una prova». Non si può quindi fare alcuna illazione sul doppio furto. Soltanto suggerire ai calciatori del Napoli di estrarre dal garage le fuoriserie e, augurare loro, se riescono, di continuare a restare imbattuti e primi in classifica. A occhio ci sono difensori centrali che Osimhen non lo prenderebbero nemmeno inseguendolo su una Panda.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MOVIMENTO “MARI-STELLI” - IL PORTAVOCE DI LUIGI DI MAIO, PEPPE MARICI, CHE DOMENICA SPOSA LA VICE-MINISTRA ALL’ECONOMIA LAURA CASTELLI, SI CONFIDA CON TELESE: “IL NOSTRO È UNA SORTA DI ‘AMORE A CINQUE STELLE’, MA NON È UN FILM DEI VANZINA” - “PER VEDERCI DI PIÙ ABBIAMO DOVUTO OCCUPARCI DI INTERNAZIONALIZZARE IL MADE IN ITALY ALLA FARNESINA. LAURA È UNA GRANDE CUOCA. È LA REGINA DELLO SVUOTAFRIGO. QUALSIASI COSA TROVI NE TRAE UN GRANDE PIATTO. HO DOVUTO FARE UN SERIO ACCORDO POLITICO CON LEI. PUÒ STARE ANCHE FINO ALLE TRE SUL DIVANO, A STUDIARE UN DOSSIER, MA IL LETTO È SACRO. QUANDO VIENE A DORMIRE…”

business

PULIZIE IN CORSO A ROCCA SALIMBENI: IL TESORO STA TRATTANDO CON LA COMMISSIONE EUROPEA PER TROVARE UN COMPROMESSO SULLA PROROGA DELL’USCITA DELLO STATO DA MPS. LA SPERANZA DEL GOVERNO È RIUSCIRE A RIMANERE NEL CAPITALE DEL “MONTE” ALMENO FINO ALL’AUTUNNO 2023. BISOGNA TAGLIARE I RAMI SECCHI E SNELLIRE GLI ATTIVI, PER POI VENDERE L’AZIENDA RISANATA E DIMAGRITA. A QUEL PUNTO UNICREDIT POTREBBE RIENTRARE IN PARTITA - L’IPOTESI MASSIAH COME AD E I 6,2 MILIARDI DI RISCHI LEGALI DA SBOLOGNARE A FINTECNA, SOCIETÀ DI CDP

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute