SI FA PRESTO A DIRE “CONDONO” – IL DECRETO SALVA CASA, VOLUTO DA SALVINI E APPROVATO DAL GOVERNO, SULLA CARTA CONSENTIRÀ DI REGOLARIZZARE FINESTRE, BALCONI, NICCHIE, VERANDE, SOPPALCHI, ADDIRITTURA INTERE STANZE. MA NEI FATTI LA SANATORIA NON SARÀ COSI FACILE: PESERANNO MOLTO LE REGOLE DELLE REGIONI E I PALETTI POSTI DAI DIVERSI COMUNI – E BISOGNERÀ PAGARE UNA SANZIONE TRA MILLE E 31MILA EURO – TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giuseppe Latour per “Il Sole 24 Ore”

 

DECRETO SALVA CASA DECRETO SALVA CASA

Finestre, balconi, nicchie, verande, soppalchi. E anche porte, pareti o, addirittura, intere stanze. Tutti elementi sanabili, a determinate condizioni. Che – va sottolineato da subito – non sarà sempre facile ottenere. Peseranno molto le regole delle Regioni e i paletti posti dai diversi Comuni.

 

Il decreto Salva casa, approvato venerdì dal Consiglio dei ministri su proposta del ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, e adesso atteso alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dopo mesi di discussioni, è soprattutto una manovra pensata per agevolare la regolarizzazione di tutti quegli elementi che oggi rappresentano un problema quando è necessario andare a verificare la piena legittimità delle nostre case, ad esempio durante una vendita o nelle ristrutturazioni, quando venga presentato un titolo edilizio in Comune o venga richiesto un bonus fiscale.

MATTEO SALVINI PRESENTA IL DECRETO SALVA CASA MATTEO SALVINI PRESENTA IL DECRETO SALVA CASA

 

Il provvedimento funzionerà per livelli di difformità crescenti e metterà a disposizione strumenti pensati per regolarizzare varie tipologie di lavori.

 

La prima norma da considerare è quella sulle tolleranze costruttive, che agisce per gli interventi effettuati entro il 24 maggio e tollera alcune divergenze (per una percentuale fino al 5%) tra quello che è presente negli immobili e quanto dichiarato in Comune. Grazie a questo meccanismo alcuni elementi saranno automaticamente considerati regolari, come una stanza o un balcone leggermente più grande.

 

DECRETO SALVA CASA DECRETO SALVA CASA

Quanto agli elementi interni, fa una precisazione Fabrizio Pistolesi, architetto e relatore della proposta di revisione del Testo unico per l’edilizia in discussione presso il Consiglio superiore di lavori pubblici (l’organo tecnico consultivo del Mit): «Molte opere sono sanabili già oggi, come i tramezzi spostati di cui si parla molto e per i quali è sufficiente presentare una Cila in sanatoria. Una novità importante è, invece, che alcuni elementi saranno considerati regolari se, sin dalla loro origine, erano già presenti e difformi rispetto ai titoli presenti in Comune».

 

[…]

 

DECRETO SALVA CASA - IL SOLE 24 ORE DECRETO SALVA CASA - IL SOLE 24 ORE

Ma la sanatoria dei lavori più importanti ci sarà con l’accertamento di conformità, la nuova norma che consente di mettere a posto le difformità parziali da quanto autorizzato, pagando una sanzione compresa tra mille e 31mila euro. Non potrà toccare gli abusi completi, cioè quegli immobili che non sono stati autorizzati dal Comune.

 

Qui pesano due paletti importanti: bisognerà rispettare le norme edilizie (ad esempio, per la progettazione di impianti e strutture) del tempo di realizzazione dei lavori e quelle urbanistiche del tempo di presentazione della domanda. «Soprattutto il secondo paletto sarà difficile da superare – dice Pistolesi –, perché significa avere cubatura disponibile in un determinato immobile in base ai piani del Comune». Inoltre – aggiunge Di Leo – «il concetto di difformità parziale cambia molto da Regione a Regione. Nel Lazio si tratta di scostamenti piccolissimi, mentre ad esempio in Emilia-Romagna si considerano parzialmente difformi anche interventi molti rilevanti».

 

DECRETO SALVA CASA - IL SOLE 24 ORE DECRETO SALVA CASA - IL SOLE 24 ORE

Per chi potrà superare questi paletti, però, si apre la possibilità di sanare elementi come verande, balconi e finestre non presenti sui titoli originari, soppalchi o, addirittura, intere stanze. Bisognerà pagare una sanzione compresa tra mille e 31mila euro, proporzionata all’aumento di valore dell’immobile. Andrà ottenuto un parere in caso di immobili vincolati. […]

DECRETO SALVA CASA - IL SOLE 24 ORE DECRETO SALVA CASA - IL SOLE 24 ORE DECRETO SALVA CASA - IL SOLE 24 ORE DECRETO SALVA CASA - IL SOLE 24 ORE DECRETO SALVA CASA DECRETO SALVA CASA MATTEO SALVINI PRESENTA IL DECRETO SALVA CASA MATTEO SALVINI PRESENTA IL DECRETO SALVA CASA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE