SOLO IN ITALIA - IL TAR DELLA PUGLIA INTERVIENE SULLA BOCCIATURA DI UNA BAMBINA DI 7 ANNI: “GRAVE DANNO PER LA SUA CRESCITA” - LA BAMBINA NON È STATA AMMESSA ALLA TERZA ELEMENTARE, ANCHE A CAUSA DELL'ELEVATO NUMERO DI ASSENZE MA I GENITORI HANNO FATTO RICORSO AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO CHE HA SOSPESO L'ESITO DELLO SCRUTINIO E CHIEDE UN RIPENSAMENTO AGLI INSEGNANTI. ALLA BASE DELLA DECISIONE, C'È LO STATO DI SALUTE DELLA PICCOLA: SOFFRE DI UNA GRAVE FORMA DI ASMA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lor.Loi. per “il Messaggero”

 

Bocciare una bambina di 7 anni può provocare un grave danno alla sua crescita. Per questo il Tar di Puglia sospende la decisione delle maestre che hanno deciso di bocciare una alunna di scuola elementare. La bambina non è stata ammessa alla classe terza, anche a causa dell'elevato numero di assenze ma i genitori […] hanno fatto ricorso al Tar che ora […] sospende l'esito dello scrutinio e chiede un ripensamento agli insegnanti.

 

voti bassi a scuola 10 voti bassi a scuola 10

Alla base della decisione dei giudici c'è […] lo stato di salute della piccola: soffre di una grave forma di asma che, durante la pandemia, l'ha obbligata a restare in dad. Un approccio non facile per iniziare la prima elementare. Poi in seconda […] ha potuto frequentare in presenza, legandosi anche ai compagni di scuola da cui ora non vuole separarsi. Ma le carenze didattiche […] non sono state recuperate […] «La perdita di un anno scolastico in così tenera età, alla luce dell'esclusivo interesse della minore, costituisce un grave danno». […]

 

Condividi questo articolo

media e tv

“A LETTO VANNO BENE LE COCCOLE, MA NON SOLO QUELLE. CONTA QUALITÀ E QUANTITÀ” – L’INTERVISTA BOMBASTICA AD ANTONELLA CLERICI CHE NELL'INTIMITA’ VUOLE “UNA CERTA DOSE DI TRASGRESSIONE" - A 58 ANNI LA CONDUTTRICE NON HA PERSO LA PASSIONE E SOTTO LE COPERTE SI VUOLE DIVERTIRE: "MAGARI NON TUTTI I GIORNI COME UN TEMPO MA COME SI DEVE” – “LA PRIMA VOLTA DAL CHIRURGO ESTETICO? A 40 ANNI, MA NON CI VADO PIÙ DI DUE VOLTE L’ANNO. NON VOGLIO TRASFORMARMI, VEDO CERTE BOCCHE IN GIRO, MAMMMA MIA…”

politica

business

cronache

sport

DAGO RETROSCENA - DA TEMPO JOHN ELKANN AVEVA PROVATO A FAR CAPIRE AL CUGINO ANDREA (E ALLA MADRE ALLEGRA) CHE IL CAPOLINEA ERA ARRIVATO CON L’INDAGINE DELLA PROCURA DI TORINO: DIMETTITI, CORRI IL RISCHIO DI ESSERE ARRESTATO. IL NIPOTE DELL’AVVOCATO NON POTEVA CREDERCI: IO SONO UN AGNELLI… - POI, VIA PROCURA, TUTTO È PRECIPITATO. NON ERA INFATTI IERI LA GIORNATA GIUSTA, LE DIMISSIONI DOVEVANO AVVENIRE DOPO I MONDIALI. LA SCELTA DI SCANAVINO NE È LA PROVA: UNA SOLUZIONE TEMPORANEA VISTO CHE L’ALTER EGO DI ELKANN È STRAIMPEGNATO CON LA GEDI

cafonal

CAFONALISSIMO! GOVERNO MELONI ALL'OPERA – L'EMOZIONANTE PRIMA DI “DIALOGHI DELLE CARMELITANE”, REGIA DI EMMA DANTE, CON IL PALCO REALE OCCUPATO DA SANGIULIANO ASSEDIATO DI LINGUE BIFORCUTE, CASELLATI, SGARBI, MOLLICONE - GUALTIERI È FILATO VIA ALLA FINE DEL PRIMO ATTO PER NON PERDERE L'AEREO PER BRUXELLES - IL SIPARIETTO TRA IL NEOSENATORE LOTITO E L’ASSESSORE ONORATO (FLAMINIO CI COVA?) – E POI LETTA, GRILLI, PADOAN, PALERMO, MASI, SEVERINO, NASTASI, AUGIAS, GOTOR, JERVOLINO, DAGO LEOPARDATO, LUCCI CHE SI BECCA DEL “BASTARDO” E DUE DIPENDENTI DEL TEATRO CHE DENUNCIANO: “QUI SI RUBANO LE PALLINE DELL’ALBERO DI NATALE!” – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute