TRAGEDIA AD ALTA QUOTA UN ELICOTTERO SI È SCHIANTATO SUL PETIT COMBIN, NELLE ALPI SVIZZERE. TRE PERSONE SONO MORTE E ALTRE TRE SONO RIMASTE FERITE – SI TRATTA DI UN VELIVOLO PER L’ELISKI, LO SCI FUORIPISTA, CHE SI SERVE DI UN ELICOTTERO COME MEZZO DI RISALITA – ANCORA DA ACCERTARE LE CAUSE DELL’INCIDENTE...

-

Condividi questo articolo


Un elicottero sul Petit Combin Un elicottero sul Petit Combin

(ANSA) - E' di tre morti e di tre feriti il bilancio dell'incidente sulle Alpi svizzere occorso stamane a un elicottero adibito al servizio di eliski, la pratica dello sci fuoripista servendosi di un velivolo come mezzo di risalita. A bordo c'erano il pilota, una guida alpina e quattro clienti. Lo comunica la polizia del Canton Vallese.

 

L'elicottero si è schiantato stamane verso le 9.25 sul Petit Combin, dove sarebbe dovuto atterrare per far scendere guida e clienti. Arrivato nella parte alta della montagna che culmina a 3.668 metri di quota, il velivolo "è scivolato lungo la parete Nord" per "una ragione che l'inchiesta dovrà determinare".

 

schianto di Un elicottero sul Petit Combin schianto di Un elicottero sul Petit Combin

Le tre vittime sono già state trovate senza vita dalle squadre di ricerca. Due feriti sono stati soccorsi in poco tempo e portati in elicottero all'ospedale di Sion (Svizzera). Riguardo al terzo sopravvissuto, le squadre di salvataggio sono riuscite a prenderlo in carico successivamente.

 

Sono stati sette gli elicotteri - di Air Glaciers, Air Zermatt e Rega - impegnati nelle operazioni di recupero e soccorso. Il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (Sisi) ha avviato un'indagine di natura tecnica per determinare le cause dell'incidente. L'inchiesta penale invece spetta al pubblico ministero della Confederazione competente in materia di incidenti di aviazione

elicotteri sul Petit Combin elicotteri sul Petit Combin

 

elicottero sul Petit Combin elicottero sul Petit Combin

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)