NEGLI USA LA LOTTA POLITICA SI FA SUL CORPO DELLE DONNE - LA CORTE SUPREMA DELL’ARIZONA VIETA L’ABORTO FIN DAL CONCEPIMENTO, RIAFFERMANDO LA VALIDITÀ DI UNA LEGGE DEL 1864 – UNA MOSSA SBAGLIATA ANCHE PER I REPUBBLICANI CHE TEMONO UN’EMORRAGIA DI VOTI DI DONNE E GIOVANI VERSO BIDEN – LO SA BENE TRUMP CHE SI È AFFRETTATO A COMMENTARE: “I GIUDICI HANNO ESAGERATO…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Anna Lombardi per “la Repubblica”

 

proteste per il diritto all' aborto negli usa 4 proteste per il diritto all' aborto negli usa 4

Non piace più nemmeno ai repubblicani, che l’avevano sostenuta, la decisione presa della Corte Suprema dell’Arizona che, riaffermando l’assoluta validità di una legge del 1864 che vieta ogni forma d’aborto fin dal concepimento (salvo quando è in pericolo la vita della madre), rimette l’interruzione di gravidanza al centro del dibattito politico americano. Proprio mentre il Parlamento europeo vota oggi una risoluzione per introdurre l’aborto nella propria Carta dei diritti fondamentali, allarmata dalle scelte di Paesi come Ungheria e Polonia.

 

proteste per il diritto all' aborto negli usa 3 proteste per il diritto all' aborto negli usa 3

A essere rispolverata in Arizona è una norma d’altri tempi, scritta quando quello che oggi è uno degli stati essenziali a vincere le elezioni — conservatore, premiò Biden per una manciata di voti nel 2020, ma ora sembra nuovamente orientato a destra — era ancora una frontiera selvaggia, terra di conquista per pionieri e cercatori d’oro che non faceva nemmeno parte degli Stati Uniti: diventata 48esima stella solo nel 1912.

 

joe biden joe biden

Quel divieto quasi totale era caduto nel dimenticatoio nel 1973, quando l’aborto fu liberalizzato a livello federale con la sentenza Roe vs. Wade. Dopo la cancellazione due anni fa, il Grand Canyon State aveva varato una nuova legge che limitava l’interruzione di gravidanza alle prime 15 settimane. Troppe per gli attivisti pro-life che avevano chiesto alla Corte Suprema locale di ripristinare la regola antica. I giudici, tutti repubblicani, gli hanno dato ragione non essendo mai stata abolita, la 13-3603 è ancora in vigore. Imponendo però una pausa di due settimane per consentire a tribunali di rango inferiore di esaminare ricorsi di incostituzionalità già in calendario.

voto negli usa voto negli usa

[…]

 

Nelle ore successive alla sentenza, anche i repubblicani che in precedenza avevano fervidamente sostenuto le limitazioni si sono trovati in difficoltà. […]

Arrivata all’indomani delle affermazioni di Trump sull’aborto, quando a caccia di voti moderati aveva detto che la scelta «spetta ai singoli stati», convinto di ribaltare a suo favore uno degli argomenti principali dei dem, la sentenza non aiuta i repubblicani in uno stato in bilico come l’Arizona.

donald trump donald trump

 

[…] rischia di portare alle urne molte più donne e giovani, motivandoli a votare dem. […] «I giudici hanno esagerato », si è affrettato a commentare Trump. «Io non firmerei il divieto a livello nazionale».

aborto in arizona 1 aborto in arizona 1 proteste per il diritto all' aborto negli usa 1 proteste per il diritto all' aborto negli usa 1 proteste per il diritto all' aborto negli usa 2 proteste per il diritto all' aborto negli usa 2 proteste contro l aborto negli usa proteste contro l aborto negli usa aborto in arizona 2 aborto in arizona 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”