UN VACCINO PER DOMARLI – LA CINA STA SFRUTTANDO LA DEBOLEZZA DELL’OCCIDENTE PER FARE “SOFT POWER” E COMPRARSI IL FAVORE DEI PAESI PIÙ POVERI: IL CAVALLO DI TROIA PER L’EUROPA È L’UNGHERIA, DOVE IL PREMIER ORBAN SI È FATTO VACCINARE CON IL SIERO DI “SINOPHARM” - NON SOLO: ARGENTINA, FILIPPINE, COLOMBIA, MESSICO STANNO FACENDO RICORSO AI VACCINI CINESI. A PANDEMIA FINITA, XI JINPING CHIEDERÀ DI RICAMBIARE IL FAVORE…

-

Condividi questo articolo


1 – LA DIPLOMAZIA DEI VACCINI SPINGE LA CINA IN AVANTI

Articolo di “El Pais” - dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

VIKTOR ORBAN SI FA VACCINARE CON IL CINESE SINOPHARM VIKTOR ORBAN SI FA VACCINARE CON IL CINESE SINOPHARM

Attraverso la fornitura di più di 500 milioni di dosi a decine di paesi, leggiamo su El Pais, Pechino sta potenziando la sua industria farmaceutica e costruendo le sue credenziali come potenza responsabile. Questa settimana, l'Ungheria ha iniziato a inoculare la sua popolazione con le prime unità di un lotto di 550.000 dosi del vaccino contro il covid della società farmaceutica cinese Sinopharm. Un aereo è atterrato a Buenos Aires con altri 900.000.

 

A Manila, 600.000 dosi di vaccino Sinovac, il primo lotto che Pechino ha donato al paese, dovevano atterrare questo fine settimana. "Devo ammetterlo. Se insistessimo nell'usare quelli occidentali, saremmo ancora in attesa del loro arrivo", ha sottolineato il portavoce presidenziale filippino Harry Roque.

 

Xi Jinping CINA Xi Jinping CINA

Davanti alla Russia con il suo Sputnik V o, su scala minore, all'India con la sua Covaxin, la Cina è diventata la grande alternativa per fornire vaccini a molti paesi in via di sviluppo, la maggior parte dei quali ha difficoltà a ottenere i farmaci per motivi economici o logistici.

ricercatori cinesi studiano il vaccino ricercatori cinesi studiano il vaccino

 

Il paese dove sono stati rilevati i primi casi della pandemia ha accettato di fornire i suoi sieri a decine di paesi del sud-est asiatico, dell'America Latina, dell'Africa e dell'Europa orientale: di questi, 27 li compreranno e 53, con scarse risorse, riceveranno donazioni, secondo le cifre del ministero degli Esteri di Pechino.

 

In totale, secondo i dati della Duke University, la Cina ha impegnato più di 500 milioni di dosi, più degli oltre 300 milioni di Mosca o dei 210 milioni del meccanismo Covax, sostenuto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e che cerca di garantire un accesso equo al vaccino per tutti i paesi (Pechino ha impegnato 10 milioni di dosi per questo strumento).

 

SINOPHARM SINOPHARM

La disponibilità di formulazioni cinesi aiuta ad alleviare una domanda acuta di vaccini in tutto il mondo. Ma è anche una potente opportunità per promuovere la capacità delle sue aziende farmaceutiche. E favorisce l'immagine di una potenza responsabile - la stessa che ha provato tra molte critiche durante la prima ondata della pandemia con la sua "diplomazia delle mascherine" - in contrasto con quella di un Occidente che incanala i suoi aiuti attraverso Covax e si concentra sull'assicurare l'accesso delle proprie popolazioni ai sieri immunizzanti.

 

vaccino cina vaccino cina

La Cina "può usare [le sue medicine] per diventare un leader globale nel garantire un accesso equo ai vaccini, colmando il divario tra paesi sviluppati e in via di sviluppo. Questo certamente migliorerebbe la sua immagine in quei paesi e proietterebbe un potere positivo", ha detto Yanzhong Huang del U.S. Council on Foreign Relations in una video conferenza organizzata dal think tank Stimson Center. La sua "diplomazia dei vaccini" gli permette anche di cercare di "riempire il vuoto lasciato dalla leadership statunitense". Il ritiro degli Stati Uniti dalla leadership globale “ha creato opportunità per la Cina di riempire quel vuoto", ha detto.

 

indiani bruciano immagini di xi jinping indiani bruciano immagini di xi jinping

Per Pechino, lo sviluppo del vaccino è diventato una priorità assoluta dall'inizio della pandemia. "Il successo nei test clinici delle formule di cui abbiamo i diritti di proprietà intellettuale incarna il progresso del nostro paese nella scienza e nella tecnologia, incarna l'immagine e la responsabilità della Cina come grande potenza e, soprattutto, il suo contributo all'umanità", ha detto il generale Chen Wei, che è responsabile dello sviluppo di un vaccino nei laboratori dell'esercito. Il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato a maggio che queste medicine cinesi sarebbero state un "bene pubblico globale".

 

vaccino cina vaccino cina

Se nel gennaio 2020 la Cina aveva già le prime tracce di un siero, in estate, con un'autorizzazione per l'uso di emergenza e una dozzina di formule in vari stadi di avanzamento, ha iniziato a inoculare quelle più avanzate ai lavoratori più a rischio, dai militari ai medici o ai dipendenti dei trasporti. Il 31 dicembre, ha approvato la prima autorizzazione per uso generale nella popolazione per una formula SinoPharm, con un'efficacia del 79%, un mese dopo Sinovac, con il 50,6%. All'inizio di febbraio, aveva iniettato 22 milioni di persone, ovvero quasi il 3% della popolazione.

 

Questa settimana ha intensificato i loro progressi. Altri due vaccini hanno avuto il via libera per l'uso generale: una seconda versione di SinoPharm (72,5% di efficacia) e il vaccino che la società farmaceutica CanSino ha sviluppato in collaborazione con l'esercito (65,28% di efficacia).

coronavirus cina coronavirus cina

 

Allo stesso tempo che la somministrazione di dosi nelle sue principali città sta prendendo piede, ha anche accelerato la consegna di spedizioni all'estero: negli ultimi sette giorni, le spedizioni sono state ricevute in Colombia, Messico, Cile e Uruguay; Senegal, Egitto e Algeria; Sierra Leone, Thailandia e Singapore, tra gli altri. Entro la fine di quest'anno, secondo la National Vaccine Manufacturers Association, saranno prodotte 2 miliardi di dosi, ed entro la fine del 2022 la capacità sarà di 4 miliardi.

 

PUTIN E XI JINPING PUTIN E XI JINPING

Per molti paesi, i vaccini cinesi - eccetto CanSino, tutti usano virus inattivati - sono più adatti alle loro esigenze. Non hanno bisogno di essere conservati alle basse temperature dei loro rivali di Pfizer o Moderna, e la versione di CanSino richiede solo una dose. Inoltre, molti degli accordi firmati con altri paesi, come gli Emirati Arabi Uniti e l'Indonesia, prevedono che queste nazioni possano concedere in licenza i propri sieri. Questo aiuterà a soddisfare la forte domanda, sostenendo allo stesso tempo le ambizioni di questi stati di diventare centri di produzione farmaceutica nelle loro rispettive regioni.

 

sinopharm sinopharm

Pechino nega qualsiasi interesse geopolitico nella sua strategia. "La Cina non trasformerà i vaccini contro il Covid in nessun tipo di arma politica o strumento diplomatico, e si oppone a qualsiasi politicizzazione dello sviluppo dei vaccini", dice l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua in un editoriale. Il governo di Xi Jinping sostiene che sta semplicemente "risolvendo una carenza di vaccini di fronte all'assenteismo occidentale", come ha titolato giovedì il giornale Global Times, di proprietà del Partito Comunista.

 

il vaccino russo il vaccino russo

Maggiore disponibilità

 

Questo punto di vista è stato ripreso nei paesi beneficiari. Oltre alle dichiarazioni del portavoce Roque nelle Filippine, il presidente del Senegal Macky Sall ha evidenziato la mancanza di disponibilità di iniezioni tramite Covax e l'impossibilità di aspettare per spiegare perché il suo paese ha optato per i vaccini cinesi, in un argomento ripetuto più e più volte dal Cono Sud al Mar Cinese Meridionale. Tanto che la scorsa settimana, il presidente francese Emmanuel Macron ha esortato l'Occidente a mettere più vaccini a disposizione dei paesi in via di sviluppo, in un'intervista al Financial Times.

JOE BIDEN E XI JINPING JOE BIDEN E XI JINPING

 

"È un'accelerazione senza precedenti della disuguaglianza globale ed è anche politicamente insostenibile, perché apre la strada a una guerra di influenza sui vaccini", ha dichiarato il capo di stato francese. "Si può vedere la strategia cinese e anche quella russa".

 

Non è in gioco solo il prestigio come potenza. Il vaccino è anche un business, e molto succoso: a un prezzo di circa 20 dollari (16,5 euro) per dose in Indonesia, che ha ordinato 125 milioni di dosi delle prime due formulazioni cinesi approvate, "questo fa 2,5 miliardi di dollari... [più di 2 miliardi di euro], le aziende cinesi faranno un sacco di soldi", nota Huang, l'esperto del Council on International Relations.

CORONAVIRUS CINA CORONAVIRUS CINA

 

Proprio come la robotica o l'intelligenza artificiale hanno fatto per promuovere la tecnologia della Cina, le formule anti-covid possono aumentare la sua industria farmaceutica, finora in ritardo rispetto a concorrenti come l'India, un rivale geopolitico e un centro di potere nel settore. Secondo l'esperto Akriti Vasudeva, dello Stimson Center, non è una coincidenza che New Delhi abbia offerto il suo siero a paesi del suo ambiente "in cui la Cina mantiene, o aspira ad avere, un'influenza importante", come Sri Lanka, Myanmar o Cambogia.

 

MEME SUL VACCINO RUSSO MEME SUL VACCINO RUSSO

L'accoglienza iniziale non è stata senza riluttanza. Secondo Robert Blake, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Indonesia, "la Cina non ha lo stesso track record [di vendite farmaceutiche] di altri paesi, è un concorrente più recente. E non è stato trasparente come altri nel pubblicare i suoi dati o nel sottoporli a una revisione tra pari."

 

L'efficacia relativamente bassa delle formulazioni cinesi è anche un fattore che lavora contro questi vaccini. Oltre al rischio individuale di non essere adeguatamente immunizzati, può rendere più difficile o richiedere più dosi - con la conseguente spesa extra - per raggiungere il sogno dell'immunità di gregge. E può rendere molto più lunghe le misure di allontanamento sociale e di protezione della salute pubblica. Questo venerdì, gli operatori sanitari hanno protestato fuori dal Manila General Hospital contro i piani per inocularli con la formula Sinovac e hanno chiesto vaccini "più sicuri".

PUTIN E XI JINPING PUTIN E XI JINPING

 

Ma nonostante gli svantaggi, la realtà è che "i paesi stanno cercando di ottenere più dosi possibili", dice Blake. “Non possono permettersi di scegliere, devono inoculare la loro popolazione il più presto possibile".

 

 

2 – CINA E RUSSIA VACCINANO IL MONDO - PER ORA

Bethany Allen-Ebrahimian per www.axios.com

 

Mentre gli Stati Uniti e l'Europa si concentrano sulla vaccinazione della propria popolazione, la Cina e la Russia stanno inviando milioni di dosi di vaccino COVID-19 a paesi di tutto il mondo.

 

CORONAVIRUS CINA CORONAVIRUS CINA

Perché è importante: Il doppio successo della Cina nel controllare l’epidemia all’interno e nel produrre diversi vaccini validi le ha permesso di concentrarsi sulla fornitura di dosi all'estero - uno sforzo che potrebbe aiutare a salvare vite in diversi continenti.

 

I vaccini di Cina e Russia sono i primi a raggiungere i paesi a basso reddito che probabilmente non avranno un ampio accesso ai vaccini fino al 2023, secondo alcune proiezioni.

 

I numeri: La Cina ha fornito vaccini a 20 paesi, inclusi alcuni in Sud America e in Africa, e ha in programma di inviare dosi ad almeno altri 40, secondo una dichiarazione del ministero degli esteri cinese inviata al Wall Street Journal.

 

JOE BIDEN RICEVE LA SECONDA DOSE DI VACCINO JOE BIDEN RICEVE LA SECONDA DOSE DI VACCINO

La Polonia è l'ultimo paese europeo a considerare i vaccini prodotti in Cina. Aziende cinesi e funzionari governativi hanno lavorato con partner locali per creare infrastrutture per la catena del freddo in Etiopia per aiutare il trasporto e la distribuzione dei vaccini.

 

Più di due dozzine di paesi hanno autorizzato l'uso del vaccino russo Sputnik. Dieci paesi dell'America Latina e del Sud hanno già ricevuto o riceveranno presto le spedizioni, così come la Slovacchia, l'Ungheria e diverse altre nazioni.

esercito cinese wuhan 2 esercito cinese wuhan 2

 

Dettagli: I vaccini cinesi non sono stati efficaci nei test clinici come alcuni di quelli prodotti negli Stati Uniti e in Europa, ma non richiedono una conservazione ultra-fredda, rendendoli più facili da trasportare e distribuire.

 

La settimana scorsa, la Cina ha approvato altri due vaccini, portando il numero totale di vaccini prodotti in Cina a quattro. Uno dei nuovi vaccini approvati richiede una sola iniezione.

 

Tra le righe: Con i casi giornalieri di COVID riportati spesso a una sola cifra, i leader cinesi

affrontano meno pressione per vaccinare rapidamente i cittadini cinesi.

 

coronavirus cinesi 3 coronavirus cinesi 3

Solo circa 40 milioni di dosi sono state somministrate a livello nazionale al 9 febbraio, al di sotto dei 100 milioni di dosi che le autorità cinesi avevano promesso a quel tempo. Il 1° marzo, il massimo esperto cinese di malattie Zhong Nanshan ha detto che le autorità stanno puntando a vaccinare il 40% della popolazione entro giugno. Nel frattempo, gli Stati Uniti e l'Europa si stanno concentrando sulla vaccinazione dei propri cittadini.

 

L'amministrazione Biden ha promesso 4 miliardi di dollari di finanziamenti per il COVAX, metà dei quali disponibili immediatamente - ma ha anche detto che gli Stati Uniti vaccineranno gli americani prima di inviare dosi all'estero.

mercato di wuhan mercato di wuhan

 

L'Unione Europea ha implementato controlli limitati sulle esportazioni di vaccini alla fine di gennaio, attirando le critiche dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per il "nazionalismo dei vaccini".

Cosa guardare: La precoce dominanza di Cina e Russia nel lancio globale dei vaccini è probabile che sia relativamente di breve durata.

 

Poiché più vaccini prodotti negli Stati Uniti e in Europa sono approvati per la produzione, dosi extra di vaccini occidentali potrebbero presto espandere notevolmente la fornitura globale.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“IL POLITICAMENTE CORRETTO? IL TUMORE MALIGNO DELLA CULTURA OCCIDENTALE” - LUCA BARBARESCHI PRONTO A FAR INCAZZARE TUTTI CON IL PROGRAMMA SU RAI 3 “IN BARBA A TUTTO”: “OLTRE AL COVID ESISTE UN ALTRO VIRUS, PER IL QUALE NON C'È ANCORA VACCINO: LA STUPIDITÀ. INTERNET? IN ALTRI PAESI VIENE CHIAMATO RUTTO LIBERO, NOI LO ABBIAMO CONFUSO CON UN LUOGO DI INFORMAZIONE" - "LE NUOVE GENERAZIONI SONO MOLTO PIÙ SERENAMENTE BISESSUALI MA BISOGNA DISTINGUERE TRA SCELTE PERSONALI E GENETICA: PUOI ANCHE METTERTI LE TETTE O RIFARTI, MA GENETICAMENTE RESTI UN UOMO…”

politica

IL CASO SALVINI - PERCHÉ LA PROCURA DI CATANIA CHIEDE L'ARCHIVIAZIONE, MENTRE QUELLA DI PALERMO LO RINVIA A PROCESSO, SU CASI CHE MAGARI NON SONO MA APPAIONO SIMILI? IL CASO OPEN ARMS NON SI PUÒ ADDEBITARE SOLO AL TRUCE, VISTO CHE È STATO DECISO ANCHE DA CONTE E TONTINELLI - PER SALVINI IL PROCESSO SARÀ UN PROBLEMA PERSONALE E INSIEME UN'OPPORTUNITÀ POLITICA PER TENERE A BADA L’EMERGEMTE MELONI: QUELLA DI ERGERSI A DIFENSORE UNICO DELL'ITALIA CONTRO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute