VENEZIA HA UNA DISCARICA SOTTO IL TAPPETO D'ACQUA - PER RIPULIRE I CANALI DI VENEZIA DAI RIFIUTI SONO ENTRATI IN AZIONE I GONDOLIERI SUB - L'INIZIATIVA È PARTITA NEL 2019: SONO STATE RIMOSSE 9 TONNELLATE DI IMMONDIZIA - LE FOTO DEI RIFIUTI RIPESCATI STANNO FACENDO IL GIRO DEL WEB, CON I VENEZIANI CHE PUNTANO IL DITO CONTRO I CONCITTADINI: "QUALCHE MASAI DELLA TANZANIA POTREBBE TROVARSI TRA LE MANI UN FRIGO MADE IN ITALY CHE NON USANO PIÙ I VENEZIANI" 

-

Condividi questo articolo


Serenella Bettin per “Libero quotidiano”

 

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 1 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 1

«Una volta si usava così». Così come? «Sì, insomma, si usava prendere e gettare i rifiuti dalla finestra. Se una cosa non ti serviva più o era rotta prendevi e la facevi volare di sotto». Ma come, a venezia? «Eh già. Tanto qui c'è l'acqua. I canali. La laguna. Non li vedi questi palazzi attorniati e baciati dall'acqua del mare. Chi vuoi che se ne accorga. Poi il mare porta via. Finiranno in alto Adriatico. O magari nel Tirreno. O chi lo sa magari nell'Oceano Indiano. Qualche masai della Tanzania potrebbe trovarsi tra le mani un frigo firmato Made in Italy che non usano più i veneziani».

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 18 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 18

 

Invece. Invece i rifiuti rimangono nel fondale e a toglierli ci pensano i sub gondolieri. Domenica scorsa questi sommozzatori con muta pinne e occhiali si sono immersi e hanno ripulito i canali di Venezia estraendo di tutto. Un ventilatore, un carretto per il trasporto valigie, un estintore, tubi, vetri, copertoni, sedie, pentole, migliaia di bottiglie.

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 17 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 17

 

Perfino un carrettino per raccogliere i rifiuti. E poi: un televisore al plasma, cellulari, scale in ferro, un basamento di calcestruzzo per gli ombrelloni. Dieci in tutto i volontari, tra sub e aiutanti, immersi dalle 8 del mattino alle due del pomeriggio nel Canale de la Misericordia. Un'iniziativa partita nel 2019 con 13 immersioni finora effettuate, che ha portato estrarre finora nove tonnellate di roba.

 

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 16 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 16

Frigoriferi, sedie da ufficio, pneumatici, cavalletti per le passerelle dell'acqua alta, lavandini, caldaie, tubazioni, fusti di birra usati, biciclette, sanitari, motori fuoribordo e materiale edile. Rifiuti pericolosi, dato che con la bassa marea, oggetti ingombranti che colano a picco, costituiscono un rischio per la navigazione.

 

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 13 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 13

L'idea è venuta a Stefano Vio a capo dei gondolieri sub e il progetto è stato approvato in Giunta comunale. La sperimentazione è partita l'8 febbraio 2019 con le prime cinque immersioni. Poi altre in ottobre e poi lo stop a causa della pandemia.

 

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 11 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 11

E dire che Venezia è una delle poche città in Italia ad avere un servizio gratuito per il ritiro di materiale ingombrante. Qualche rifiuto cade in acqua inavvertitamente, ma difficile che un televisore finisca in laguna senza rendersene conto.

 

I sub puliscono il tutto manualmente, tastando metro dopo metro, e trovando sia rifiuti vecchi che nuovi. Era usanza infatti, quando qualcosa non entrava dentro lo sportello della cucina a legna, farlo volare dalla finestra.

 

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 4 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 4

«Quando andavo all'università - scrive una signora su Fb mi capitava spesso di vedere signore e signori aprire il balcone e olè… spazzatura in canale. Penso che dovrebbero essere in primis i veneziani ad aver cura di una città così fragile».

 

Nei social infatti è montata la polemica. Le foto condivise dalla pagina "Venezia Non è Disneyland" creata per contrastare il turista cafone che fa il bagno in canale, si tutta da Rialto, bivacca sopra San Marco ed espleta i bisogni in mezzo alle gondole, hanno suscitato il malessere verso i veneziani.

 

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 8 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 8

«Abbiamo recuperato un carrello portavaligie dell'aeroporto- scrive Stefano- come è volato fino al canale de la Misericordia?». «Capisco tutto - scrive qualche altro- ma come ghe riva i copertoni? - Come ci arrivano i copertoni?». «E questi non sono turisti!». La prossima immersione dimostrativa sarà sabato 4 giugno durante il Salone Nautico. Un momento. Dicono che hanno trovato anche una bottiglia di champagne ancora da stappare. Peccato. Una volta era il tappo che finiva in canale.

gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 6 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 6 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 7 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 7 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 3 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 3 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 9 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 9 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 10 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 10 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 5 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 5 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 14 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 14 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 15 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 15 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 12 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 12 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 2 gondolieri sub ripuliscono i canali di venezia 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?