LA VERITA’, VI PREGO, SULL’INVESTIMENTO DI GAIA E CAMILLA – DOPO LA SUPER-PERIZIA CON IL LASER SCANNER A CORSO FRANCIA, NEI PROSSIMI GIORNI SARANNO SVOLTE ALTRE ANALISI (TRA CUI UNA SECONDA SULL'AUTO DI GENOVESE) - DOPO I RILIEVI, SUL GIGANTESCO PONTE PER UNA VOLTA SGOMBRO DAL TRAFFICO, E' PARTITA UNA FIACCOLATA IN RICORDO DELLE DUE RAGAZZE UCCISE, CON I GENITORI ALLA TESTA DELLA PROCESSIONE

-

Condividi questo articolo

C. R. per “il Messaggero”

 

 

GAIA VON FREYMANN 2 GAIA VON FREYMANN 2

Quando il gruppo compatto e coeso raggiunge il murales che raffigura Gaia e Camilla mentre si tengono per mano, in Corso Francia le voci smettono di far rumore. È il tempo della preghiera e delle lacrime che ancora oggi - a quasi tre mesi dalla tragedia - scendono dagli occhi di molti. Proprio lì davanti le due sedicenni sono state investite la notte tra il 21 e il 22 dicembre dal Suv di Pietro Genovese, figlio del regista Paolo, mentre provavano ad attraversare la strada fuori dalle strisce.

 

E ieri, dopo la super-perizia della notte precedente che è servita ai consulenti delle famiglie delle due ragazze, Romagnoli e Von Freymann, e a quella di Genovese, per ricalcolare le misure, le distanze, acquisire materiale fotografico e immortalare la scena con un laser-scanner per ricostruirla poi in 3D, molti amici, parenti, semplici cittadini e compagni di scuola, hanno preso parte alla fiaccolata che è partita da Ponte Milvio. Alla testa i genitori delle due vittime, con il papà di Gaia costretto da un'invalidità alla sedia a rotelle che teneva in mano come tutti gli altri una candela.

camilla romagnoli gaia von freymann 1 camilla romagnoli gaia von freymann 1

 

«Ci mancano tanto, troppo», ha sussurrato più di un amico mentre il corteo ha attraversato il piazzale sotto la Torretta del Valadier, percorso via Flaminia fermandosi poi nel punto dove permangono i fiori, i peluche, le dediche e le foto lasciate in ricordo delle due ragazzine. «Saremo tanti a ricordare i nostri piccoli angeli» aveva scritto su Fb la mamma di Gaia annunciando la fiaccolata di ieri che da Corso Francia è arrivata nella chiesa dove si sono celebrati i funerali delle due sedicenni.

corso francia gaia camilla corso francia gaia camilla

 

L'INCHIESTA

«Resteranno sempre con noi, nei nostri cuori», ha ripetuto più di un partecipante mentre l'inchiesta prosegue. Nei prossimi giorni saranno svolte altre perizie, tra cui una seconda sull'auto di Genovese, ferma nel deposito di Settebagni. I consulenti - guidati dal Ctu del tribunale Mario Scipione - avranno tempo fino al prossimo 7 marzo per acquisire materiale e svolgere ulteriori analisi. Poi le conclusioni a meno che il pm Roberto Felici non autorizzi un supplemento di perizie laddove vengano richieste.

paolo e pietro genovese paolo e pietro genovese

il papà di gaia il papà di gaia camilla romagnoli camilla romagnoli GAIA VON FREYMANN CON IL PADRE GAIA VON FREYMANN CON IL PADRE la macchina di pietro genovese 3 la macchina di pietro genovese 3 la macchina di pietro genovese2 la macchina di pietro genovese2 GAIA VON FREYMANN GAIA VON FREYMANN gaia von freymann gaia von freymann incidente corso francia il giorno dopo incidente corso francia il giorno dopo GAIA VON FREYMANN 1 GAIA VON FREYMANN 1 la macchina di pietro genovese 1 la macchina di pietro genovese 1 gaia von freymann gaia von freymann il video del semaforo di corso francia 4 il video del semaforo di corso francia 4 il video del semaforo di corso francia 1 il video del semaforo di corso francia 1 il papà di gaia il papà di gaia

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

“GIOCHI OLIMPICI IN QUARANTENA? INTANTO SPERIAMO CHE SI FACCIANO, LA SITUAZIONE E’ PREOCCUPANTE” – PESCANTE, EX PRESIDENTE CONI E MEMBRO ONORARIO DEL CIO, LANCIA L’ALLARME – ECCO LE UNICHE VOLTE IN CUI SI SONO FERMATE LE OLIMPIADI (MAI NELL’ANTICHITA’) – OLIMPIA GRAFFITI: “NEL ‘68 CON EDDY OTTOZ E ORIANA FALLACI A CITTA’ DEL MESSICO CI TROVAMMO COINVOLTI NEGLI SCONTRI DI PIAZZA DELLE 3 CULTURE. LA FALLACI RIMASE FERITA, DICIAMO COSI’…” – E NEL ’72 A MONACO…

cafonal

viaggi

salute