L'AMERICA SUPERA I TREMILA MORTI E LA SOGLIA PSICOLOGICA DELL'11/9, TRUMP CAMBIA STRATEGIA E NON RIAPRE PIÙ A PASQUA: IL PAESE RESTERÀ CHIUSO PER UN MESE - A LOS ANGELES DECINE DI POLIZIOTTI (TUTTI SENZA PROTEZIONI) INTERROMPONO LA FESTA DI UNA BIMBA DI UN ANNO TRA LE PROTESTE DEI PARENTI - STASERA LA CASA BIANCA SVELERÀ I MODELLI MATEMATICI SUL VIRUS: SARANNO PIÙ O MENO DEI 100MILA MORTI, OVVERO LO SCENARIO PIÙ OTTIMISTICO?

-

Condividi questo articolo

 

CORONAVIRUS NEW YORK USA CORONAVIRUS NEW YORK USA

Dagonota - Oggi decine di poliziotti a Los Angeles (tutti senza protezioni) hanno impedito a 40 persone di partecipare alla festa di una bimba di un anno, tra le proteste di amici e parenti. La città ha adottato un lockdown generale mentre lo stato della California arriva a 6300 contagi e 132 morti registrati.

 

 

1.CORONAVIRUS: OLTRE 3.000 MORTI IN USA, 500 IN 24 ORE

 (ANSA) - Nel lunedì nero degli Usa il numero dei decessi per coronavirus supera le 3.000 unità, con le ultime 500 vittime in sole 24 ore. I casi accertati, come emerge dai dati elaborati dalla John Hopkins University, sono oltre 161.000.

 

2.CORONAVIRUS: OGGI CASA BIANCA SVELA MODELLI PROIEZIONI

 (ANSA) - La tracciatura del coronavirus come le previsioni del tempo. Per la prima volta oggi, nel consueto briefing della Casa Bianca alle 17 (le 23 in Italia), gli americani potranno dare un'occhiata ai modelli statistici e alle proiezioni della task force americana sulla diffusione del coronavirus nel Paese. Modelli aggiornati quotidianamente e dove, a seconda dei fattori, i risultati possono variare di molto. Nei giorni scorsi i due massimi esperti della task force, Anthony Fauci e Deborah Birx, avevano detto che, anche se verranno rispettate le linee guida sul distanziamento sociale, in Usa si rischiano dai 100 mila ai 200 mila morti.

 

CORONAVIRUS CASI USA CORONAVIRUS CASI USA

3.CORONAVIRUS: TRUMP, PRONTI A EVENTUALE SECONDA ONDATA

 (ANSA) - L'America è pronta ad affrontare una eventuale nuova ondata di casi di Covid-19 dopo l'estate: lo ha detto Donald Trump dopo che il virologo Anthony Fauci ha prospettato l'ipotesi di un ritorno del virus in autunno. "Potrebbe davvero accadere, ma sarebbe tutta un'altra cosa" grazie alla maggiore capacità di fare i test e alla possibilità di arrivare a un vaccino", ha spiegato il superesperto della task force della Casa Bianca. "Speriamo non accada", ha quindi affermato Trump, "ma siamo pronti".

 

 

4.TRUMP USA CHIUSI PER UN MESE "ALL'ITALIA 100 MILIONI IN AIUTI"

Anna Lombardi per “la Repubblica”

 

Indietro tutta. Donald Trump ci ripensa, l' America non riapre più a Pasqua. La "distanza sociale" e le altre misure messe in atto per il contenimento del virus sono prorogate fino al 30 aprile: e oltre se sarà necessario. A fargli cambiare idea sono stati i medici della task-force anti-Covid- 19 della Casa Bianca. Gli hanno mostrato i modelli con lo scenario peggiore: 2,2 milioni di morti se non si mantengono le cautele. E lui ha capito. Tanto da trasformare quei drammatici numeri in potenziale vittoria: «Se riusciremo ad avere meno di 100mila morti avremo fatto un ottimo lavoro». Dimenticandosi di aver sostenuto, solo un mese fa: «Ne ammazza di più una normale influenza ».

 

donald trump e anthony fauci donald trump e anthony fauci

D' altronde, il presidente ha minimizzato pure le cifre che, con oltre 150mila contagi, fanno degli Stati Uniti il Paese con più malati al mondo: «Abbiamo fatto più test», ha mentito. Per poi scatenare la proteste sui social, alludendo a una presunta malafede degli operatori sanitari newyorchesi: «Che fine fanno le mascherine mandate in città? Ne hanno avute troppe per esserne sempre a corto». Ma a New York la situazione è gravissima: i casi sono già 37.500, la metà dei 66mila in tutto lo Stato. Le strutture sanitarie, dove manca tutto, sono al limite. Oggi aprirà un ospedale da campo con 68 letti a Central Park, dono di un' associazione evangelica, la Samaritan' s Purse. Si aggiunge ai mille posti letto della nave-ospedale Usns Comfort attraccata ieri.

 

E ai 3mila ricavati all' interno del Javits Center, il centro congressi di Manhattan. All' aeroporto Jfk ieri sono arrivate 22 casse di forniture mediche cinesi, parte La nave-ospedale a New York La nave della Marina militare, Usns Comfort, nella baia di New York dell' offensiva diplomatica di Xi Jinping che dopo l' Europa si estende pure all' America. Intanto ieri sera il premier Conte ha sentito al telefono il presidente Usa, che gli ha annunciato gli aiuti in arrivo: 100 milioni di dollari in strumenti sanitari.

coronavirus new york 10 coronavirus new york 10

 

Trump ha precisato che Conte è stato "molto contento", mentre il Presidente del consiglio ha riferito su Twitter del colloquio "lungo ed amichevole" con Trump ed espresso "gratitudine per la solidarietà Usa".

Trump, ieri al telefono con Putin per parlare della pandemia non riconosce però la fragilità del suo paese.

 

Ieri ha anzi difeso l' impegno della sua amministrazione nel contrastare il virus, sottolineando l' impegno internazionale degli Stati Uniti nei confronti dei Paesi europei più colpiti. Ansioso di cavalcare il gradimento degli americani, salito in questi giorni al 47 per cento, e incapace di resistere al fare promesse, Trump ha d' altronde fissato pure l' ennesima data. L' America non riapre a Pasqua: «Ma il primo giugno saremo già sulla via della ripresa ».

coronavirus new york 12 coronavirus new york 12 coronavirus new york 4 coronavirus new york 4 coronavirus new york 3 coronavirus new york 3 coronavirus new york 5 coronavirus new york 5

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGONOTA - MATTARELLA SBAGLIA DELEGANDO AL PARLAMENTO LA RIFORMA DI UN CSM PIOMBATO IN UNA FOGNA A CIELO APERTO CON LE INTERCETTAZIONI DI PALAMARA - SE LO SCIOGLIMENTO DEL CSM SAREBBE UN ATTO AUTORITARIO, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PUÒ PERMETTERSI INVECE DI ESSERE AUTOREVOLE USANDO LA SUA “MORAL SUASION” PER FAR DIMETTERE INTANTO IL VICEPRESIDENTE DEL CSM DAVID ERMINI. GLI ALTRI CONSIGLIERI SEGUIRANNO E, UNA VOLTA VENUTO A MENO IL NUMERO LEGALE DEI COMPONENTI, AVRÀ CAMPO LIBERO PER UNA RIFORMA CHE “CONTRIBUISCA A RESTITUIRE APPIENO ALL'ORDINE GIUDIZIARIO IL PRESTIGIO E LA CREDIBILITÀ INCRINATI”