L’ANSA METTE IL DITO NELLA PIAGA DELLA CONSULTA: “CON LA SENTENZA IL GOVERNO NON AVREBBE LA MAGGIORANZA”

L’agenzia di stampa ha commissionato all’istituto Ipr una simulazione: che sarebbe successo se alla Camera non ci fosse stato il premio di maggioranza, dichiarato incostituzionale? - Ci sarebbero solo 4 partiti: Pd (261 deputati), M5S (167), Forza Italia (159), Nuovo Centrodestra (43) - Alfaniani e pd avrebbero solo 304 deputati, e la maggioranza è 316…

Condividi questo articolo


(ANSA) - Camera dei Deputati limitata a quattro forze politiche - Pd, M5S, Fi e Ncd - e governo Letta senza maggioranza: sarebbero questi gli effetti della applicazione della legge elettorale come modificata dalla Consulta all'ultimo sondaggio di ieri fatto da Ipr sul consenso ai partiti. La virtuale distribuzione dei seggi è stata fatta da Ipr per ANSA.

Corte costituzionaleCorte costituzionale

261 seggi al Pd, 167 a M5S, 159 a Forza Italia, 43 al Nuovo Centrodestra: sarebbe questa - limitata, dunque, a solo quattro forze politiche - la composizione della Camera, applicando la legge elettorale come definita dalla Corte Costituzionale ai risultati del sondaggio di ieri di Ipr Marketing sui consensi delle forze politiche.

Il Pd e il Nuovo Centrodestra, che attualmente sostengono il governo Letta, non avrebbero la maggioranza di 316 deputati su 630: insieme, infatti, potrebbero contare su 304 deputati. La virtuale distribuzione dei seggi è stata fatta da Ipr Marketing per ANSA applicando il sistema proporzionale, con soglia di sbarramento al 4% e senza premio di maggioranza.

 

LETTA E ALFANO FESTEGGIANO IN SENATOLETTA E ALFANO FESTEGGIANO IN SENATO

 

Condividi questo articolo

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

“IL DIRITTO ALL’ABORTO NON ESISTE. SI CHIAMA OMICIDIO” – PRENDETEVI CINQUE MINUTI E GODETEVI IL CORPO A CORPO TRA TELESE E ADINOLFI: “CI VUOI PORTARE IN UN MODERNO MEDIOEVO IN CUI GLI INTEGRALISTI DECIDONO PER ALTRI”, “NOVE VOLTE SU DIECI, GIOVANI DONNE RINUNCIANO AI LORO FIGLI PER RAGIONI FUTILISSIME, DICIAMO PURE DEL CAZZO” – “VOI LAICISTI DIFENDETE LA CULTURA DELLA MORTE, MA SIETE BUONI CARINI E LEGITTIMATI. NOI, CHE DIFENDIAMO LA VITA, INVECE, SIANO BRUTTI SPORCHI E CATTIVI. E CON LE CORNA. L’ITALIA SENZA IL DIVORZIO ERA PIÙ BELLA E PIÙ SANA DI QUESTA” (PAROLA DI UN DIVORZIATO…)

“QUESTO SPIEGA PERCHÉ SONO TORNATO A ROMA IERI NOTTE” – MARIO DRAGHI IN CONFERENZA STAMPA HA RACCONTATO IL VERO MOTIVO PER CUI HA LASCIATO IN ANTICIPO IL VERTICE NATO DI MADRID: NON C’ENTRA CONTE, MA L’AUMENTO DEI PREZZI DELL’ENERGIA! – “SONO RIENTRATO A ROMA PER L'OK AL DL BOLLETTE ENTRO OGGI. QUESTI PROVVEDIMENTI DOVEVANO NECESSARIAMENTE ESSERE ATTUATI OGGI, SENZA QUESTO CI SAREBBE STATO UN DISASTRO. LE BOLLETTE SAREBBERO ARRIVATE SENZA AGEVOLAZIONI CON RINCARI FINO AL 35 PER CENTO...”