ARRIVA PURE DIBBA A ROMPERE LE PALLINE (DA TENNIS) A MALAGÒ - L'EX DEPUTATO DEL M5S ALESSANDRO DI BATTISTA PRENDE POSIZIONE CONTRO IL PRESIDENTE DEL CONI, DOPO LE POLEMICHE CON IL NUMERO UNO DELLA FEDERAZIONE ITALIANA TENNIS ANGELO BINAGHI: "HA PROVATO A DANNEGGIARE GLI INTERNAZIONALI, DOVREBBE DIMETTERSI. HA UTILIZZATO LE RACCOMANDAZIONI DEL CIO IN MODO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALE PER TENTARE DI FAR ESCLUDERE RUSSI E BIELORUSSI. COME PUÒ CONTINUARE A RICOPRIRE LA SUA CARICA?"

-

Condividi questo articolo


Da www.repubblica.it

 

binaghi malagò binaghi malagò

La querelle tra il presidente della Fit Angelo Binaghi e Giovanni Malagò si arricchisce di un nuovo capitolo. A intervenire nella disputa è Alessandro Di Battista, che in un post su Facebook, attacca il numero uno del Coni: "Malagò (uomo dalle infinite relazioni di potere) ha sostanzialmente dato del bugiardo al presidente della Federazione Tennis Angelo Binaghi, il quale aveva ricordato le 'manovre mediatiche' di Malagò per proibire sia al numero 1 al mondo Novak Djokovic che ai tennisti russi di partecipare agli Internazionali di Roma. Richieste ridicole e ancor più puerili se avanzate dal Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, ovvero colui che dovrebbe difendere lo sport e i suoi valori".

 

DI BATTISTA DI BATTISTA

"Richiesta di escludere tennisti russi e bielorussi non per Cio"

"Ma il punto è un altro - prosegue l'ex deputato del Movimento 5 Stelle -  Il 25 aprile scorso, in un'intervista al Corriere, Malagò chiedeva alla Federazione tennis di non invitare i tennisti russi e bielorussi sostenendo che fosse una raccomandazione del Comitato Olimpico Internazionale.

 

giovanni malagò ed angelo binaghi foto mezzelani gmt 05 giovanni malagò ed angelo binaghi foto mezzelani gmt 05

Tuttavia, nelle raccomandazioni del Cio (per me folli, ma questo è un mio parere personale) pubblicate il 28 febbraio, al punto 2 si legge: 'Qualora non sia possibile per motivi organizzativi o legali (escludere gli atleti russi e bielorussi) il Cio esorta vivamente le Federazioni Sportive Internazionali e gli organizzatori di eventi sportivi del mondo a fare in modo che gli atleti russi e bielorussi non partecipino sotto la bandiera russa e bielorussa'.

 

giovanni malagò e angelo binaghi foto mezzelani gmt 09 giovanni malagò e angelo binaghi foto mezzelani gmt 09

Gli Internazionali d'Italia, manifestazione collegata all'Atp rientrano esattamente nel punto 2, dunque la richiesta di Malagò di escludere i tennisti russi e bielorussi nulla aveva a che vedere con le raccomandazioni del Cio".

 

MALAGO BINAGHI MALAGO BINAGHI

"Malagò ha provato a danneggiare gli Internazionali"

L'attacco frontale al numero uno del Coni prosegue: "Malagò, come ha sostenuto il Presidente della Federazione Tennis, ha provato a danneggiare gli Internazionali d'Italia. Mi domando, è accettabile che un uomo che tenti di danneggiare una delle manifestazioni sportive di maggior successo in Italia utilizzando le raccomandazioni del Cio in modo assolutamente strumentale, possa continuare a presiedere il Coni? In un Paese normale Malagò dovrebbe dimettersi all'istante.

 

 

P.S. Sembra che Malagò, dopo aver ottenuto dal governo il 45% di dipendenti in più al Coni (tanto paghiamo noi) - conclude Di Battista nel suo post - stia chiedendo al governo di creare una nuova Società pubblica sotto il Coni, forse per poter riprendersi la gestione di tutto quel che gli è stato tolto con la riforma dello sport fatta dal Conte I. Se fosse vero sarebbe una vergogna da fermare immediatamente".

 

ARTICOLI CORRELATI

 

Condividi questo articolo

politica

“TORNA IN MENTE LA FRASE DI DRAGHI SU ERDOGAN ‘DITTATORE DI CUI SI HA BISOGNO’. ORA IL PREMIER LO PROMUOVE A ‘PARTNER, AMICO E ALLEATO’” - TRAVAGLIO FA IL CONTROPELO A MARIOPIO E ALLA SUA VISITA IN TURCHIA: “DOPO LA SCENA VOMITEVOLE DELLE SUFFRAGETTE DI ERDOGAN CHE AD ANKARA STRINGONO MANI INSANGUINATE, FIRMANO AFFARI SULLA PELLE DEI CURDI E SE LA RIDONO ALLE LORO SPALLE, SI SPERA CHE LORSIGNORI NON OSERANNO MAI PIÙ TENERE LEZIONI SU AGGRESSORI E AGGREDITI, LIBERALDEMOCRAZIE E DITTATURE, INVII DI ARMI PER DIFENDERE I VALORI OCCIDENTALI. NON C'È ALCUN VALORE O PRINCIPIO: SOLO BIECHI INTERESSI GEOPOLITICI, STRATEGICI, MILITARI E AFFARISTICI”