UN ATTO POLITICO. IL RITORNO IN PUBBLICO DI MARIO DRAGHI, SEDUTO COME UN PAPA DI FRONTE ALL’ALTARE DI SANT’IGNAZIO DI LOYOLA PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALDO CAZZULLO, HA SIMBOLEGGIATO UN ATTO DI DISSENSO ALL'ATTUALE REGIME. IL SUO PROGRAMMA “ELETTORALE” (“PER L’EUROPA È IL MOMENTO DI DIVENTARE STATO” - ALTRIMENTI NON C’È SALVEZZA), E’ UN’ALTERNATIVA ALLA DERIVA SOVRANISTA IN ATTO. E LA FOLLA CHE SI È SCAPICOLLATA ALLE 16.30 NELLA CHIESA DEI GESUITI ERA LÌ IN CERCA DI UN ESORCISMO CHE SPAZZI VIA QUESTO INCUBO NERO COL FEZ - COSA CHE NON AVRÀ FATTO PIACERE A MELONI E SALVINI. NÉ HA FATTO PIACERE A QUELLA PARTE DEL ‘’CORRIERE DELLA SERA’’ CHE TIFA PER LA DUCETTA, CHE HA SBATTUTO UN EVENTO MAI VISTO IN ITALIA A PAGINA 15. NEMMENO UN DRAGHI CHE ROMPE IL SILENZIO DALLA SUA USCITA DA PALAZZO CHIGI (22 OTTOBRE 2022), INTERVISTATO DAL VICE DIRETTORE E PRIMA FIRMA ALDO CAZZULLO, PRESENTE IL SUO EDITORE URBANO CAIRO, HA CONVINTO IL CORRIERONE A SPARARE L’AVVENIMENTO IN PRIMA PAGINA - FOTO + VIDEO

Condividi questo articolo


 

 

Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

DAGOREPORT

 

aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (3) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (3)

Un atto politico. Il ritorno in pubblico di Mario Draghi, seduto come un papa di fronte all’altare di Sant’Ignazio di Loyola, chiesa dei gesuiti a cento metri da Montecitorio, per la presentazione del libro di Aldo Cazzullo su “Roma, l’impero infinito”, ha simboleggiato una manifestazione politica.

 

Certo, ha parlato dell’impero che ha dominato per sei secoli il mondo fin allora conosciuto, ma su assist di Cazzullo, colui che ha salvato l’Euro e l’Italia dal contismo pentastellato, giudicato inaffidabile dall’Unione Europea, ha detto cose politiche. Critico sugli Stati Uniti esportatori di democrazia nel mondo, ha squadernato il suo programma “elettorale”: “Per l’Europa è il momento di diventare stato” - altrimenti non c’è salvezza.

 

mario draghi foto di bacco (6) mario draghi foto di bacco (6)

Dichiarazione che è un’alternativa alla deriva sovranista in atto, che non avrà fatto alcun piacere ai gerarchi di Giorgia Meloni e ai leghisti di Matteo Salvini, arroccati in Europa con l’autocrate filo-Putin Orban, i fascio-tedeschi di AFD, i fascio-spagnoli di Vox. Nella chiesa gremita in ogni ordine di posti, presenti in massa fotoreporter e giornalisti che hanno seguito il governo Draghi, ha avuto luogo la prima manifestazione di dissenso al nuovo regime meloniano che ha preso possesso di Palazzo Chigi.

 

E quella parte del ‘’Corriere della Sera’’ che tifa per la Ducetta di Colle Oppio, non ha potuto fare altro che sbattere un evento mai visto in Italia (isole comprese) a pagina 15, pur essendo presente il suo editore Urbano Cairo, scortato dal direttore de La7 Andrea Salerno.

 

Niente. Nemmeno un Draghi troneggiante sull’altare che rompe per la prima volta il silenzio dalla sua uscita da Palazzo Chigi (22 ottobre 2022), che viene intervistato dal vice direttore e prima firma del primo quotidiano italiano, vale a dire Aldo Cazzullo, ha convinto il Corrierone a sparare l'avvenimento in prima pagina.

 

eleonora daniele urbano cairo foto di bacco eleonora daniele urbano cairo foto di bacco

Del resto, se gli esponenti della maggioranza del governo si sono ben guardati dal partecipare, va sottolineato che del Partito democratico era presente solo Lorenzo Guerini, seduto accanto al centrista Calenda, essendo Follini e Zanda due pensionati della politica. In fondo, la folla che si è scapicollata alle 16.30 nella chiesa dei gesuiti al richiamo di Draghi era lì in cerca di un esorcismo che spazzi via questo incubo nero col fez.

 

dago carlo calenda renato guarini foto di bacco dago carlo calenda renato guarini foto di bacco andrea salerno urbano cairo foto di bacco andrea salerno urbano cairo foto di bacco stefano folli paolo conti foto di bacco stefano folli paolo conti foto di bacco nancy brilli enrico lucci foto di bacco nancy brilli enrico lucci foto di bacco carlo calenda renato guerini foto di bacco carlo calenda renato guerini foto di bacco carlo calenda renato guarini lorenzo guerini foto di bacco carlo calenda renato guarini lorenzo guerini foto di bacco aldo cazzullo foto di bacco aldo cazzullo foto di bacco aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (2) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (2) aldo cazzullo ludina barzini foto di bacco aldo cazzullo ludina barzini foto di bacco aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (1) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (1) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (5) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (5) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (4) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (4) paolo conti foto di bacco paolo conti foto di bacco nancy brilli mario draghi aldo cazzullo foto di bacco nancy brilli mario draghi aldo cazzullo foto di bacco renato guarini foto di bacco renato guarini foto di bacco roberto cotroneo foto di bacco roberto cotroneo foto di bacco renato guarini lorenzo guerini foto di bacco renato guarini lorenzo guerini foto di bacco roberto cotroneo carmen liera foto di bacco roberto cotroneo carmen liera foto di bacco mario draghi foto di bacco (8) mario draghi foto di bacco (8) mario draghi foto di bacco (4) mario draghi foto di bacco (4) nancy brilli foto di bacco nancy brilli foto di bacco mario draghi foto di bacco (5) mario draghi foto di bacco (5) annalisa bruchi foto di bacco annalisa bruchi foto di bacco carlo calenda foto di bacco (1) carlo calenda foto di bacco (1) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (6) aldo cazzullo mario draghi foto di bacco (6) carlo calenda foto di bacco carlo calenda foto di bacco carlo calenda foto di bacco (2) carlo calenda foto di bacco (2) marina valensise salvatore merlo foto di bacco marina valensise salvatore merlo foto di bacco carmen liera foto di bacco (1) carmen liera foto di bacco (1) lorenzo guerini foto di bacco (1) lorenzo guerini foto di bacco (1) enrico lucci intervista dago foto di bacco enrico lucci intervista dago foto di bacco fabrizio roncone alessadro de angelis foto di bacco fabrizio roncone alessadro de angelis foto di bacco franco carraro sandra carraro foto di bacco franco carraro sandra carraro foto di bacco giampiero mughini michela pandolfi foto di bacco giampiero mughini michela pandolfi foto di bacco gianluca giansante renato guarini guido d ubaldo foto di bacco gianluca giansante renato guarini guido d ubaldo foto di bacco guido d ubaldo foto di bacco guido d ubaldo foto di bacco marina valensise simona ercolani foto di bacco marina valensise simona ercolani foto di bacco lorenzo guerini foto di bacco (2) lorenzo guerini foto di bacco (2) luca josi foto di bacco luca josi foto di bacco ludina barzini foto di bacco ludina barzini foto di bacco luigi zanda foto di bacco luigi zanda foto di bacco marco follini foto di bacco marco follini foto di bacco mario draghi foto di bacco (3) mario draghi foto di bacco (3) mario draghi foto di bacco (7) mario draghi foto di bacco (7) carmen liera gianluca giansante foto di bacco carmen liera gianluca giansante foto di bacco serena bortone fabrizio roncone foto di bacco serena bortone fabrizio roncone foto di bacco stefano candiani foto di bacco stefano candiani foto di bacco mario draghi foto di bacco (2) mario draghi foto di bacco (2) mario draghi foto di bacco (1) mario draghi foto di bacco (1) carmen liera foto di bacco (2) carmen liera foto di bacco (2)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP