LA CAMERA NON È IL PAPEETE - SALVINI HA PERSO LA PRIMA BATTAGLIA. MA IL VOTO DEL 20 AGOSTO SARÀ UN VOTO SEGRETO E SENZA UN ACCORDO DI FERRO CON BERLUSCONI E ZINGARETTI, SALVINI POTREBBE RICEVERE UN’ALTRA SBERLA - PER BOCCIARE L’INFORMATIVA DI CONTE E VOLARE A OTTOBRE ALLE URNE, IL TGRUCE HA BISOGNO DEI VOTI DI FORZA ITALIA E DI ZINGARETTI - PERDENDO DUE VOLTE, SALVINI RISCHIA DI ROMPERSI L’OSSO DEL COLLO: DOVRÀ DIMETTERSI DA VICE PREMIER, SLOGGIARE DAL VIMININALE E TROVARSI IN BALIA DI QUALCHE PROCURA COL DENTE AVVELENATO

Condividi questo articolo

DAGONOTA

salvini salvini

Matteo Salvini ha perso la prima battaglia parlamentare dopo il "no" in Senato sulla proposta di votare la sfiducia a Giuseppe Conte il 14 agosto. Eppure era sufficiente un banale pallottoliere per capire che il Truce andava a sbattere, visto che il gruppo parlamentare Pd al Senato è quasi al completo sotto il tallone di Matteo Renzi, cui bastava aggiungere i 5Stelle e il gruppo misto.

 

meme sulla crisi di governo salvini berlusconi meloni meme sulla crisi di governo salvini berlusconi meloni

I tormenti per il vicepremier non finiscono qui. Il 20 agosto potrebbe ricevere un altro schiaffo, e allora sarebbe il ko definitivo. Salvini deve mettersi in testa che i numeri dei sondaggi (34/36%) non hanno nulla a che vedere col suo 17% che ha in Parlamento. Quindi, per bocciare l’informativa di Giuseppe Conte e volare a ottobre alle urne, Salvini ha bisogno dei voti di Forza Italia, che chiede un’alleanza elettorale firmata davanti a un notaio, e di un accordo con Zingaretti, che frigge dalla voglia di andare al voto per cancellare nel prossimo Parlamento i soldatini renziani.

 

di maio zingaretti salvini di maio zingaretti salvini

Non solo, sia il capitone leghista che il segretario piddino devono approfittare dei tempi brevi per non dare la possibilità a Renzi di lanciare il suo partitino di centro. Ma il voto del 20 agosto sarà un voto segreto e senza un accordo di ferro con Berlusconi e Zingaretti, Salvini rischia un secondo terribile flop. All’interno dei forzisti, la componente Gianni Letta e Mara Carfagna è apertamente anti-Salvini. Mentre il 40% del gruppo parlamentare PD alla Camera è griffato Renzi. Aggiungere che la voglia di far mangiare polvere al gradasso lombardo sta contagiando gran parte dei parlamentari che non ha nessuna voglia di mollare lo scranno e perdere il conseguente lauto stipendio. La Camera non è il Papeete.

MATTEO SALVINI IN SPIAGGIA MATTEO SALVINI IN SPIAGGIA

 

PS – Perdendo due volte, Salvini rischia di rompersi l’osso del collo: dovrà dimettersi da vice premier, sloggiare dal Vimininale e trovarsi dunque in balia di qualche Procura col dente avvelenato.

 

Condividi questo articolo

politica

LA RIFORMA-FUFFA DI BONAFEDE: ALTRO CHE DISCONTINUITÀ, IL CSM AVRÀ TRENTA CONSIGLIERI E PIÙ POTERI - LA DIVISIONE IN CORRENTI VIENE RAFFORZATA - IL CONSIGLIO CONTROLLERÀ DI FATTO LA VITA DI TUTTE LE PROCURE, TOGLIENDO LA PIENA AUTONOMIA AI PROCURATORI CAPO - QUALCHE DISPIACERE AI FUTURI CONSIGLIERI LA BOZZA BONAFEDE LO DÀ SUL PIANO SALARIALE - NON POTRÀ PIÙ ENTRARE AL CSM CHI NEI 5 ANNI PRECEDENTI SIA STATO PARLAMENTARE - NONOSTANTE LE PROMESSE DELLA VIGILIA, NULLA C’È A FAVORE DELLA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE…