CHE FIGURACCIA DEL CENTRODESTRA SU CASSA DEPOSITI E PRESTITI! – IL RINNOVO DEL CDA DI CDP È BLOCCATO DA SETTIMANE PERCHÉ FDI, LEGA E FORZA ITALIA INDICANO SOLO UOMINI DA PIAZZARE NEL CONSIGLIO, MENTRE LO STATUTO PREVEDE LA PRESENZA DI ALMENO QUATTRO DONNE – L'UNICA SOLUZIONE TROVATA È MODIFICARE LO STATUTO PER RIDURRE LE “QUOTE ROSA”. IL PD HA GIOCO FACILE AD ATTACCARE LA MELONI: “I PARTITI GESTISCONO IL POTERE COME COSA TRA MASCHI. E MENO MALE CHE LA PREMIER È DONNA”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Greco per "la Repubblica"

 

CASSA DEPOSITI E PRESTITI - CDP CASSA DEPOSITI E PRESTITI - CDP

L’ipotesi che il Tesoro riduca le quote rosa nel vertice di Cdp fa infuriare l’intera opposizione. Che con decine di interventi, ma univoci, ieri ha chiesto al governo di chiarire, e ripensare, l’anticipazione di Repubblica. Dal Pd a M5s, da Iv ad Azione, da Avs a Svp e al sindacato Cgil, molte e dure critiche. […]

 

L’idea, comunicata ai nove consiglieri della Cassa in un cda lampo riunito domenica, sarebbe modificare lo statuto agli art. 15 e 27 (che riguardano la composizione del cda e del collegio sindacale). Per farlo serve un’assemblea straordinaria, da indire almeno otto giorni prima (art. 12). A ciò serviva il cda domenicale: del resto, l’assemblea ordinaria del 15 luglio per nominare il cda, rinviate ben quattro volte dal 24 maggio, era convocata dal 2 luglio.

 

giovanni gorno tempini e dario scannapieco foto di bacco 2 giovanni gorno tempini e dario scannapieco foto di bacco 2

Il Tesoro, che ha l’82,7% in Cdp, non parla, e fino all’ultimo non lo farà. La sensazione è che provi a far “planare” il dossier, nel rispetto delle norme e per un numero almeno uguale di donne negli organi (oggi sono quattro). Ma il diavolo è sempre nei dettagli: finora le quote rosa valevano per il solo cda di nove membri, la misura allo studio le estende al cda della Gestione separata Cdp, finora esente e formato da cinque membri maschi. Nel collegio dei sindaci (che però scade tra un anno) le donne invece sono già due su cinque.

 

La modifica — ammesso che ora non sia rivista — ridurrebbe il minimo del genere “meno rappresentato” dal 40 al 33%, soglia che implica almeno quattro donne, spalmate però sulle 14 poltrone dei cda di Cdp e Gestione separata. Un modo per dare più opzioni per gli 11 nomi che il Tesoro cerca […]

antonio tajani matteo salvini giorgia meloni antonio tajani matteo salvini giorgia meloni

 

 Le voci di candidature femminili finora riguardano Manuela Gelera (consigliere Inps), Alessandra Bruni (presidente di Enav) e la ad di Invimit, Giovanna Della Posta. L’opposizione intanto critica. «Si eliminano alla chetichella le donne perché la maggioranza propone tutti uomini — dice Beatrice Lorenzin, vicecapogruppo Pd al Senato, che ha fatto un’interrogazione al ministro Giorgetti — così merito e pari opportunità finiscono nel cestino di partiti che gestiscono il potere come cosa tra maschi. E meno male che la premier è donna».

 

CASSA DEPOSITI E PRESTITI - CDP CASSA DEPOSITI E PRESTITI - CDP

Su X Antonio Misiani, responsabile economico Pd, scrive: «Poiché i nomi ipotizzati dalla maggioranza per il nuovo cda Cdp sono tutti maschi, che si fa? Si cambia lo statuto. Un’autentica vergogna». L’europarlamentare M5s Carolina Morace parla di «ennesima dimostrazione di quanto la destra valorizzi le donne», e dice: «Questa modifica ha le gambe corte visto che entro fine giugno 2026 nei Paesi Ue andrà recepita la direttiva sulle donne nei cda, che prevede che il 40% dei posti. Cdp rischia una sanzione ».

 

Elena Bonetti, vicepresidente di Azione si augura «che non ci sia una decisione già presa, sarebbe un passo indietro inaccettabile. Le donne competenti ci sono, non possono pagare loro le logiche di occupazione del potere». […]

giovanni gorno tempini e dario scannapieco foto di bacco 1 giovanni gorno tempini e dario scannapieco foto di bacco 1 giovanni gorno tempini foto di bacco giovanni gorno tempini foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)