A CHI GLI ABUSI EDILIZI? A NOI! - FINISCE NEI GUAI IL VICEMINISTRO AGLI ESTERI, FEDELISSIMO DELLA MELONI, EDMONDO CIRIELLI. HA DEMOLITO UNA STRUTTURA ACQUISTATA DA LUI IN PROVINCIA DI SALERNO, NONOSTANTE FOSSE SOTTOPOSTA A UN VINCOLO PAESAGGISTICO - CIRIELLI AVEVA OTTENUTO IL PERMESSO DI COSTRUIRE UNA NUOVA STRUTTURA DAL COMUNE DI SANT'EGIDIO DI MONTALBINO, MA LA SOPRINTENDENZA SI ERA OPPOSTA E IL CONSIGLIO DI STATO (TIRATO IN BALLO DAL MINISTERO DELLA CULTURA) HA CONFERMATO L'IMPOSSIBILITA' DI COSTRUIRE - PECCATO CHE IL VICEMINISTRO AVEVA GIA' FATTO PARTIRE LE RUSPE - LA DIFESA DI CIRIELLI

-

Condividi questo articolo


C’È IL VINCOLO, LUI DEMOLISCE: VICEMINISTRO FINISCE NEI GUAI

Estratto dell’articolo di Vincenzo Iurillo per “Il Fatto Quotidiano”

 

edmondo cirielli edmondo cirielli

Aveva già demolito per iniziare a ricostruire e riammodernare una vecchia casa di campagna, e non lo poteva fare, il viceministro Fdi degli Esteri Edmondo Cirielli. Lo ha sancito una sentenza della quarta sezione del Consiglio di Stato […]

 

In buona sostanza la sentenza rivela che il viceministro, che aveva già raso al suolo tutto e messo le nuove fondamenta, in virtù di un titolo autorizzativo in quel momento valido (ma la causa era ancora pendente), dovrebbe dire addio al suo progetto edilizio di ricostruire il fabbricato acquistato a Sant’egidio di Montalbino, in provincia di Salerno.

 

GIORGIA MELONI - EDMONDO CIRIELLI GIORGIA MELONI - EDMONDO CIRIELLI

Quella provincia di cui Cirielli fu presidente una dozzina di anni fa, e che sognava di trasformare in una nuova regione, il “Principato di Salerno”. L’idea di sottoporre la casa di proprietà del generale dei carabinieri a una “ristrutturazione edilizia”, in zona vincolata paesaggisticamente, “con conseguente ricostruzione dello stesso, con diversa sagoma, in altra area di sedime del medesimo lotto”, non può essere portata a compimento senza l’autorizzazione paesaggistica.

 

È stato infatti accolto il ricorso del ministero della Cultura, in un primo momento sconfitto al Tar di Salerno: il parere negativo della Soprintendenza era vincolante, e quel tipo di intervento non era autorizzabile in una zona sottoposta alle tutele del piano urbanistico territoriale della costiera sorrentina ed amalfitana.

 

CARLO FIDANZA - CLAUDIO DESCALZI - EDMONDO CIRIELLI - MARCO MINNITI CARLO FIDANZA - CLAUDIO DESCALZI - EDMONDO CIRIELLI - MARCO MINNITI

Solo che nel frattempo il viceministro, la cui fiducia di avere ragione era evidentemente granitica, si era portato avanti coi lavori. Lo si legge nel corpo della sentenza, che dà conto della “avvenuta integrale demolizione del preesistente fabbricato e la realizzazione delle fondazioni del nuovo fabbricato”.

 

Eseguita in base a un “permesso di costruire” rilasciato dal tecnico del Comune di Sant’egidio di Montalbino, il numero 14 del 2023, sul presupposto della compatibilità del progetto con le previsioni del piano urbanistico comunale che indica quella zona come E-agricola, e “non gravata da vincoli paesaggistici di natura statale”. Opere dunque “assentite”.

MARIA ROSARIA CAMPITIELLO EDMONDO CIRIELLI MARIA ROSARIA CAMPITIELLO EDMONDO CIRIELLI

 

Sta di fatto che il Tar di Salerno aveva accolto le tesi dei legali di Cirielli, Antonio Bruno e Marcello Giuseppe Feola, ed aveva dichiarato il ricorso del ministero “improcedibile”. Il Consiglio di Stato le ha rigettate. […]

 

A nulla è servito rinunciare al piccolo ampliamento di volumi previsto nel progetto originario. Il cerino si è spento nelle mani del parlamentare FDI, e dei professionisti ai quali si era affidato per l’operazione edilizia. Al Fatto Cirielli dice: “Come un qualsiasi cittadino ho fatto una domanda al Comune.

 

La Soprintendenza ha ritenuto di non concordare con la decisione della conferenza dei servizi e del Comune. Il ministero avrebbe dovuto fare ricorso al consiglio dei ministri e non lo ha fatto.

 

ANTONIO TAJANI EDMONDO CIRIELLI ANTONIO TAJANI EDMONDO CIRIELLI

Forse perché ero io, che all’epoca non ero un uomo di governo ma un semplice politico, ha ritenuto di fare il ricorso al Tar, che mi aveva dato ragione. Il Cds, in base a un ulteriore ricorso del ministero retto da Sangiuliano, ha dato ragione a loro.

 

In base a una legge dello Stato, quando si costruisce in base a un titolo idoneo e poi non è possibile ripristinare lo stato ambientale precedente, dovrò pagare una sanzione al Comune. Ma non ho fatto un abuso, e quella casa, che non era tutelata in quanto tale, si trova in una zona molto antropizzata e ormai urbanizzata negli ultimi 40 anni”.

 

IRAN – CIRIELLI: VICINANZA E SOLIDARIETÀ ALL’IRAN

Da www.lavocedelpatriota.it

 

il messaggio in inglese di edmondo cirielli 3 il messaggio in inglese di edmondo cirielli 3

“L'incidente in elicottero che ha coinvolto il Presidente della Repubblica, Raisi, e il Ministro degli Esteri, Amirabdollahian, è davvero una brutta notizia. La mia vicinanza e solidarietà alla Repubblica dell'Iran e al suo popolo per il momento difficile che sta attraversando in attesa di notizie più certe sulle sorti del Presidente Raisi e del Ministro degli Esteri”.

 

Lo ha dichiarato il Vice Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, on. Edmondo Cirielli.

edmondo cirielli edmondo cirielli

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ