CHI L’AVREBBE MAI DETTO: AI VERTICI DI HAMAS NON CI SONO DEI SINCERI DEMOCRATICI - YAHYA SINWAR, CAPO DELL’ORGANIZZAZIONE TERRORISTICA PALESTINESE, HA TENUTO SOTTO CONTROLLO GLI OPPOSITORI POLITICI. NEGLI ANNI HA PUNITO CHI SGARRAVA, PERFINO IN VICENDE “MORALI” COME UNA RELAZIONE FUORI DAL MATRIMONIO – SINWAR AVEVA UN CONTROLLO FERREO SU GAZA, CON OCCHI E ORECCHIE IN OGNI DOVE: ERANO PIÙ DI 10MILA LE PERSONE "ATTENZIONATE"...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Guido Olimpio per il "Corriere della Sera"

 

sinwar hamas gaza sinwar hamas gaza

Un controllo ferreo su Gaza, con mille occhi e antenne. Un’attività capillare per controllare il dissenso, soffocare voci, punire chi sgarra per ragioni politiche o persino per vicende «morali», come una relazione fuori dal matrimonio. A gestirle questa attività il Gss di Hamas, uno dei servizi di sicurezza del movimento guidato da Yahya Sinwar.

 

Proprio lui, prima di arrivare al vertice della fazione, si è costruito la fama di dirigente intransigente, duro, capace di usare la massima forza. Come fondatore di uno degli apparati segreti ha guidato la caccia alle spie, ai collaborazionisti, a chiunque abbia cercato di ostacolare anche dall’interno — semplicemente criticando — l’egemonia del partito.

 

Yahya Sinwar in fuga nei tunnel di hamas Yahya Sinwar in fuga nei tunnel di hamas

Nuovi documenti passati dagli israeliani al New York Times hanno aggiunto dettagli sulla morsa imposta a Gaza dai militanti in un lungo arco di tempo. Le carte esaminate si riferiscono al periodo 2016-2023: un quadro non cambiato di molto e svelato da una sessantina di schede compilate dai funzionari per essere mostrate al numero uno.

 

I quasi mille agenti del Gss hanno pedinato, fatto pressioni, probabilmente monitorato i contatti di molte persone ritenute «a rischio» perché non in sintonia, poco allineate con la forza dominante. Circa diecimila individui sono stati oggetto d’attenzione, dossier riempiti per ragioni diverse. Persone che hanno espresso riserve su Hamas, partecipato a rare manifestazioni in strada, condotto ricerche per i media oppure appartenenti a gruppi concorrenti, come alcuni guerriglieri della Jihad islamica. […]

 

Le fonti ufficiose israeliane citate dal quotidiano pongono al centro della macchina repressiva Sinwar. Il leader è sempre il cuore di numerose ricostruzioni perché tutto passa attraverso il suo ruolo e, allo stesso tempo, rappresenta un simbolo. Le ultime voci da Gaza dicono che sarebbe nascosto non a Rafah ma a Khan Younis, dove è nato nel 1962 ed ha il vantaggio di conoscerla alla perfezione.

 

bombardamenti su khan yunis striscia di gaza bombardamenti su khan yunis striscia di gaza

Molte in questi mesi le segnalazioni, compreso un suo avvistamento insieme ad alcuni ostaggi all’interno di un tunnel. Con l’intensificarsi degli scontri i racconti sono diventati più confusi. All’inizio di quest’anno fonti arabe hanno evidenziato che la fazione aveva perso i contatti a causa degli strike, per poi riprenderli superata la fase di difficoltà. […]

Yahya Sinwar Yahya Sinwar fotoreporter durante l attacco di hamas del 7 ottobre 2 fotoreporter durante l attacco di hamas del 7 ottobre 2 attacco israeliano sulla striscia di gaza attacco israeliano sulla striscia di gaza bombardamenti israeliani a gaza foto di motaz azaiza 15 bombardamenti israeliani a gaza foto di motaz azaiza 15 bombardamenti israeliani a gaza foto di motaz azaiza 9 bombardamenti israeliani a gaza foto di motaz azaiza 9 strage ospedale di gaza video esercito israeliano che accusa hamas strage ospedale di gaza video esercito israeliano che accusa hamas feriti all ospedale al alhi di gaza 3 feriti all ospedale al alhi di gaza 3 Yahya Sinwar Yahya Sinwar

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)