COL FIATO SUL COLLE DELLA MELONI – UGO MAGRI: "MATTARELLA È CONVINTO CHE COMBATTERE GLI EVASORI RIMARRÀ UNA PRIORITÀ NAZIONALE. LE NUOVE REGOLE SUL CONTANTE PER BRUXELLES VANNO NELLA DIREZIONE SBAGLIATA. UNA RETROMARCIA DEL GOVERNO APPARE INEVITABILE. INSOMMA: SE QUALCOSA NON QUADRA CI SARÀ MODO DI METTERCI UNA PEZZA. MAGARI CON LA "MORAL SUASION" DEL QUIRINALE CHE RISULTA TANTO PIÙ EFFICACE QUANTO MENO SE NE VIENE A SAPERE…"

-

Condividi questo articolo


Ugo Magri per la Stampa

 

Sergio Mattarella è convinto che, nonostante il cambio di maggioranza e di governo, combattere gli evasori rimarrà una priorità nazionale. O perlomeno, più prudentemente, il capo dello Stato non ha notato cambiamenti di rotta al riguardo. Si tratta di una rassicurazione importante, visto che il Colle è un ottimo punto d'osservazione.

SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI

 

Bisogna considerare però dove e in quale circostanza Mattarella ne ha parlato: mentre si trova all'estero, nel mezzo della sua visita in Svizzera, durante una conferenza stampa a Berna con il presidente della Confederazione elvetica Ignazio Cassis.

 

Gli è stato domandato se l'Italia non correrà il rischio di diventare la maglia nera d'Europa, un paradiso dei furbi che rifiutano di pagare le tasse. Questa sintesi giornalistica a Mattarella non è piaciuta affatto. «Esorto alla cautela su queste formule, ad esempio "maglia nera", alle quali sono sempre stato refrattario perché spesso nascono da criteri difformi da Paese a Paese», è stata la sua cauta premessa. Ciò chiarito, «non c'è dubbio che il problema dell'evasione sia grave ovunque e lo sia in maniera importante per l'Italia; infatti nel Pnrr», ha fatto notare il presidente, «questo è un tema sottolineato con molte concrete indicazioni».

 

sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni

Riferimento chiarissimo, dal momento che l'Unione ci sta sostenendo finanziariamente in cambio di riforme; e il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza contiene impegni piuttosto precisi sul contrasto dell'evasione. Si tratta di un capitolo «già definito con l'Unione europea, né vi sono segnali che venga cambiato», assicura Mattarella senza entrare nel merito dei provvedimenti.

 

 Sbilanciarsi, del resto, sarebbe prematuro. Ci sarà un esame parlamentare, sono in corso «interlocuzioni» con la Commissione Ue che dovrà dare il via libera alla manovra di bilancio. Ad esempio, già lo sappiamo, le nuove regole sul contante per Bruxelles vanno nella direzione sbagliata. Una retromarcia del governo appare inevitabile. Insomma: se qualcosa non quadra ci sarà modo di metterci una pezza. Magari con la "moral suasion" del Quirinale che, ripetono lassù, risulta tanto più efficace quanto meno se ne viene a sapere.

sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...

FERMI TUTTI: IL PROGRESSISTA MICHELE SERRA È D’ACCORDO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI – “DAI TEMPI DI TANGENTOPOLI LA SINISTRA HA SPOSATO UNA SPECIE DI SCORCIATOIA GIUDIZIARIA. CIÒ CHE NON POTEVA ESSERE AFFRONTATO POLITICAMENTE TROVAVA UNA INSPERATA SOLUZIONE GIUDIZIARIA” – LA STOCCATA AI COLLEGHI GIORNALISTI ACCUSATI DI VOYEURISMO: “LE INTERCETTAZIONI SONO UNO STRUMENTO DI VIOLENZA MEDIATICA. SE IL COLPEVOLE FINISCE IN GALERA O SPUTTANATO SUI GIORNALI, PER LUI QUELLO È RISCHIO D'IMPRESA. MA SE SUCCEDE ALL'INNOCENTE, QUELLO È UN UOMO MORTO…”

COME MAI TUTTA ‘STA PREMURA PER L’ALGERIA? – IN UN ANNO CI SONO STATE BEN QUATTRO CERIMONIE IN ONORE DELL’AMICIZIA TRA L’ITALIA E IL PAESE AFRICANO: DRAGHI, MELONI E MATTARELLA SONO STATI BEN ATTENTI A INCENSARE IL PRESIDENTE TEBBOUNE. LA CONVENIENZA È RECIPROCA. NOI ABBIAMO UN DRAMMATICO BISOGNO DI GAS E LORO DI ARMI - DITE A MELONI & C. CHE LA GEOPOLITICA EUROPEA VUOLE CHE IL PRIMO ACCORDO DEBBA ESSERE FATTO CON LA FRANCIA E L'ALGERIA NON E' BEN VISTA DALLE PARTI DELL'ELISEO...