COME SONO RIUSCITI I COMUNISTI A PRENDERE IL POTERE IN ITALIA SENZA NEMMENO FARE LA RIVOLUZIONE? COME E' STATA POSSIBILE LA MUTAZIONE DEL PIÙ BOLSCEVICO DEI PARTITI COMUNISTI IN UN PARTITO DEMOCRATICO OCCIDENTALE? LO RIVELA IL LIBRO DI SORGI E PENDINELLI SUI CENTO ANNI DEL PCI - FORSE NON È UN CASO CHE IL PARTITO COMUNISTA PIÙ GRANDE D’EUROPA SCOMPAIA LO STESSO ANNO DEL PCUS, NEL 1991

-

Condividi questo articolo

palmiro togliatti palmiro togliatti

Pasquale Chessa per “il Messaggero”

 

Come diceva il filosofo Blaise Pascal del naso di Cleopatra, che «se fosse stato più corto, sarebbe cambiata l' intera faccia della terra», quel vestito liso che Palmiro Togliatti indossava quando sbarcò a Napoli, rientrando da Mosca nella primavera del 1944, rappresenta uno di quei fatti «minimi e fortuiti» che danno una spinta decisiva alle svolte della storia.

 

Ne sono convinti Mario Pendinelli e Marcello Sorgi che sono riusciti a raccontare i cento anni del Pci, Quando c' erano i comunisti (Marsilio) sul filo di un perfetto equilibrio «tra cronaca e storia».

mario pendinelli e marcello sorgi quando c'erano i comunisti mario pendinelli e marcello sorgi quando c'erano i comunisti

 

Ben consapevole di prendere le misure a un mito dell' internazionalismo bolscevico, lo sconcerto del sarto napoletano, ovviamente comunista, di fronte alla modestia dell' abbigliamento di Ercoli, nome di battaglia di Togliatti detto il Migliore, è pari solo alla sorpresa della sua proposta politica: con un discorso di quattro ore, con indosso l' abito nuovo, un doppio petto «professorale» di lana blu, il Migliore lancia la proposta del «partito di tipo nuovo».

 

LA SVOLTA DI SALERNO

Passerà alla storia come la «svolta di Salerno»: Togliatti spiega che quel partito settario nato nel 1921 a Livorno per ordine di Lenin, ora per ordine di Stalin rinuncia alla rivoluzione in Italia per fare fronte comune con gli altri antifascisti e persino con il re e con Badoglio per governare il Sud già liberato e liberare il Nord ancora occupato dal nazifascismo.

PALMIRO TOGLIATTI ENRICO BERLINGUER PALMIRO TOGLIATTI ENRICO BERLINGUER

 

Non disdegnano, Pendinelli e Sorgi, le impervie sfide della ricerca storiografica convinti e confortati dalle parole di Marc Bloch, grande storico francese ucciso dai nazisti proprio nel 1944, secondo il quale «la storia non è la scienza del passato». Il futuro non sarà facile per il nuovo Pci.

 

palmiro togliatti in ospedale curato dalle suore palmiro togliatti in ospedale curato dalle suore

Tocca proprio a Togliatti misurarsi con «i crimini di Stalin» e con la «rivolta di Budapest», che nel 1956 gettano lo scompiglio fra i militanti comunisti provocando la rottura con gli intellettuali, i compagni di strada su cui il partito nuovo tanto ha contato per radicare le sue idee nel paese. Dalle critiche antisovietiche del Memoriale di Jalta, testamento politico di Togliatti ormai in rotta col Pcus, al Compromesso storico di Enrico Berlinguer, l' ipoteca ideale dell' Urss ha pesato come un macigno sui destini del Pci.

 

funerali berlinguer 1 funerali berlinguer 1

Come nell' apologo di Immanuel Kant sulla colomba, che sebbene l' aria le resista senza aria non potrebbe nemmeno volare, capita al comunismo italiano di non essere mai riuscito a fare a meno del mito sovietico. E forse non sarà un caso, un evento fortuito della storia che sia il Pci che il Pcus scompaiono nello stesso anno, il 1991.

 

Dopo la caduta del Muro di Berlino, fallito il tentativo di Gorbacev, il Pcus implode a Mosca e il Pci viene cancellato a Rimini dal suo stesso segretario, Achille Occhetto. Diventa Pds, poi... Eppure quando Massimo D' Alema, successore di Occhetto, diventa primo ministro, e qualche anno dopo Giorgio Napolitano presidente della Repubblica, diffusa è l' impressione che i comunisti, anche senza il Pci, siano riusciti a prendere il potere senza nemmeno dover fare la Rivoluzione.

ACHILLE OCCHETTO ENRICO BERLINGUER jpeg ACHILLE OCCHETTO ENRICO BERLINGUER jpeg

 

Ecco perché, per capire come sia stata possibile la mutazione del più bolscevico dei partiti comunisti in un partito democratico occidentale, la lettura di Pendinelli e Sorgi è di grande aiuto. Anzi, indispensabile!

Palmiro Togliatti, Giorgio Amendola e Pietro Ingrao Palmiro Togliatti, Giorgio Amendola e Pietro Ingrao ACHILLE OCCHETTO ACHILLE OCCHETTO sandro pertini funerale berlinguer sandro pertini funerale berlinguer palmiro togliatti palmiro togliatti PALMIRO TOGLIATTI jpeg PALMIRO TOGLIATTI jpeg Palmiro Togliatti Palmiro Togliatti palmiro togliatti palmiro togliatti nilde iotti e l'ultimo saluto a palmiro togliatti nilde iotti e l'ultimo saluto a palmiro togliatti

 

Condividi questo articolo

politica

CONTE, LA CONTA NON TORNA - SE TUTTO VA BENE IL VOLPINO DI PALAZZO CHIGI ARRIVERÀ A 155-156 VOTI AL SENATO, E AVRÀ LA MAGGIORANZA SOLO GRAZIE ALL’ASTENSIONE DI “ITALIA VIVA” - UN GOVERNICCHIO CON QUESTI NUMERI NON PUÒ REGGERE SUL LUNGO PERIODO, SENZA CONSIDERARE CHE TRASCINARE PER SETTIMANE LE TRATTATIVE CON I TRANSFUGHI RISCHIA DI FAR INCAZZARE ANCORA DI PIÙ I CITTADINI. ALLARGARE LA MAGGIORANZA SENZA RENZI È COMPLICATO, ANCHE PERCHÉ L’UNICA STRADA ACCETTATA DAL PREMIER AL MOMENTO È UN CONTE-TER SENZA DIMISSIONI (SE LE RASSEGNASSE, RISCHIEREBBE DI FINIRE SUBITO IN PELLICCERIA)