COMPLOTTONE AL CONCLAVE! PAPA FRANCESCO RIVELA IN UN LIBRO UN RETROSCENA SULL’ELEZIONE DI BENEDETTO XVI CHE NEANCHE IN “HOUSE OF CARDS” – "NEL 2005 BERGOGLIO VENNE USATO PER CERCARE DI NON ELEGGERE JOSEPH RATZINGER E POI NEGOZIARE UN TERZO CANDIDATO DIVERSO" – LE MOSSE DEL CARDINAL MARTINI CHE AVREBBE SPOSTATO I SUOI VOTI SU RATZINGER PER IMPEDIRE “GIOCHI SPORCHI” E IL MISTERO DEL NOME ITALIANO, “UNO DI CURIA, MOLTO STRISCIANTE” (CAMILLO RUINI?)

-

Condividi questo articolo


Fabrizio D’Esposito per “il Fatto quotidiano” - Estratti

 

PAPA BENEDETTO XVI PAPA FRANCESCO PAPA BENEDETTO XVI PAPA FRANCESCO

Il Conclave del 18 e 19 aprile del 2005 e Bergoglio che ammette di essere stato “usato” per fare blocco nelle prime votazioni contro i conservatori sostenitori di Ratzinger, allo scopo di far emergere un “terzo nome” italiano.

 

La rivelazione di Francesco, in un libro uscito in Spagna, aggiunge nuove incognite alle ricostruzioni fatte sinora del Conclave del post-Wojtyla, come annotato nel Chierico di una settimana fa.

 

Innanzitutto la versione bergogliana non fa alcun riferimento al cardinale guida dei progressisti, Carlo Maria Martini (morto nel 2012), al contrario di varie ricostruzioni apparse nel corso dei lustri.

 

papa francesco e benedetto 2 papa francesco e benedetto 2

 Lunedì scorso, dunque, ci siamo fermati al pranzo dei cardinali di martedì 19 aprile a Santa Marta, secondo giorno di scrutini nella Cappella Sistina. In mattinata, alla terza votazione, fu registrato il risultato al centro della rivelazione recente di Francesco: Ratzinger 72 (a cinque voti dal quorum dei due terzi) e Bergoglio 40.

 

Numeri riportati dallo scoop che il vaticanista Lucio Brunelli fece nel 2005 su Limes, grazie al diario segreto di un anonimo cardinale. Con questi dati, fino alla trentaquattresima votazione, in base alla Costituzione Universi Dominici Gregis del 1996, i progressisti avrebbero appunto bloccato l’elezione di Ratzinger.

 

papa francesco e benedetto 5 papa francesco e benedetto 5

Riferisce dunque il diario segreto affidato a Brunelli: “Sull ’altro fronte inizia a farsi strada un cautissimo ottimismo sulla possibilità di bloccare, a pochi metri dal traguardo, la corsa del cardinale bavarese. ‘Domani grandi novità’, sussurra il cardinale Martini con un sorriso sibillino a un suo collega, durante la pausa del pranzo.

 

Richiesto di un chiarimento Martini confida di prevedere un cambiamento di candidati la mattina del giorno seguente”. Invece nel pomeriggio Ratzinger arriva a 84 voti e viene eletto papa. Bergoglio però non cala del tutto, da 40 a 26 voti. Fin qui, allora, il Martini favorevole al terzo nome. Entrambi gesuiti, lui e Bergoglio al primo scrutinio avevano preso, rispettivamente, 9 e 10 voti (Brunelli).

papa francesco e benedetto 4 papa francesco e benedetto 4

 

(...) Martini avrebbe spostato i suoi voti su Ratzinger per impedire “giochi sporchi” che miravano a far eleggere “uno di Curia, molto strisciante, che non ci è riuscito”. Padre Silvani però anticipa il momento decisivo alla sera di lunedì: “Scoperto il trucco, Martini è andato la sera da Ratzinger e gli ha detto: accetta domani di diventare papa con i miei voti.

 

Gli aveva detto: accetta tu, che sei in Curia da trent’anni e sei intelligente e onesto: se riesci a riformare la Curia bene, se no te ne vai”. Come che sia, c’è qualcosa che non torna perché nella mattinata del 19 Bergoglio si assestò a quota 40, decisiva per bloccare Ratzinger. Non solo: la recente ammissione di Francesco fa riemergere il mistero del terzo nome, “non straniero”, quindi italiano, e “molto strisciante”.

 

CAMILLO RUINI 43 CAMILLO RUINI 43

Chi era? In un cablo americano preparato in vista del Conclave, e svelato da Wikileaks, c’è scritto che era Camillo Ruini: “Potrebbe attirare un seguito più ampio del tedesco non carismatico”. (2. fine).

PAPA FRANCESCO, EL SUCESOR - JAVIER MARTINEZ BROCAL PAPA FRANCESCO, EL SUCESOR - JAVIER MARTINEZ BROCAL

CARLO MARIA MARTINI CARLO MARIA MARTINI CARLO MARIA MARTINI E WOJTYLA CARLO MARIA MARTINI E WOJTYLA

papa francesco e benedetto 1 papa francesco e benedetto 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI