CONCORRENZA, MEGLIO SENZA – GIORGIA MELONI È TRA L’INCUDINE DELL’EUROPA E IL MARTELLO DELLE LOBBY DI TASSISTI, BALNEARI E AMBULANTI, CHE LE HA PORTATO UNA MAREA DI VOTI E ORA CHIEDE IN CAMBIO IL MANTENIMENTO DELLE CONCESSIONI, IN BARBA ALLE SENTENZE DEL CONSIGLIO DI STATO E ALLE NORME PIÙ BASILARI DELLA CONCORRENZA – LE CAUSE INTENTATE CONTRO I CONTINUI TIRA E MOLLA DELLE LEGGI, CANCELLATE E PROROGATE ALLA BISOGNA DAI GOVERNI SENZA ALCUN RISULTATO…

-

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI E DANIELA SANTANCHE GIORGIA MELONI E DANIELA SANTANCHE

Estratto dell’articolo di Aldo Fontanarosa per “la Repubblica – Affari & Finanza”

 

Ci sono il titolare di un lido, un tassista di Milano, un ambulante di Roma e un dirigente di un ministero. Può sembrare l'inizio di una barzelletta, ma non è così. Al contrario queste persone sono dentro una storia seria e complessa che segna una sconfitta per la nostra Pubblica Amministrazione.

 

Da anni, l'Ue, le autorità a tutela dei consumatori, singoli politici, giudici coraggiosi cercano di indirizzare il vento benefico della concorrenza verso questi tre settori: il commercio degli ambulanti, i taxi, le concessioni balneari (ben 12.166 in Italia).

 

BALNEARI, TAXI E AMBULANTI BALNEARI, TAXI E AMBULANTI

Ma la stratificazione abnorme di leggi e leggine, le sfide delle norme regionali ai dettami (corretti) della Corte Costituzionale, i possibili affronti del Parlamento al Consiglio di Stato: tutto questo ha impedito di migliorare le cose. E aggrava adesso la situazione - avverte la Corte dei conti - la montagna di cause che pendono nei Tribunali, firmatari proprio i balneari.

 

[…] Ora, per uno scherzo del destino, il pallone che scotta è sui piedi del governo Meloni. A intervenire sulla concorrenza sarà un esecutivo che raccoglie larghi consensi proprio tra le categorie cui dovrebbe far gol. E complica il suo lavoro l'ennesima buca che si apre in questa strada già così dissestata.

 

concessioni balneari concessioni balneari

La Corte dei conti si accorge che - dal 2012 - ha preso forma un enorme "contenzioso" ai danni della PA. Sono le cause civili che i balneari (ancora loro) hanno presentato nei Tribunali. Cause che spesso chiedono conto - ecco il dato nuovo - del continuo cambio delle leggi: un sistema di sabbie mobili che avrebbe leso, sostengono, la loro libertà d'impresa.

 

servizio delle iene sui tassisti a roma 3 servizio delle iene sui tassisti a roma 3

Le concessioni sono regolate dall'articolo 37 del Regio Decreto 327, la cui prima versione risale al 1942, con Mussolini ancora al potere. Qui, in era repubblicana, compare "il diritto di insistenza". A introdurlo è il Parlamento, nel 1993. Prevede che il titolare di una concessione - alla scadenza del permesso di usare il bene pubblico - goda di una prelazione.

 

protesta tassisti a roma 3 protesta tassisti a roma 3

[…] Quindici anni dopo, 2008, la Commissione Ue alza il primo cartellino giallo sotto il naso dell'Italia. Il "diritto di insistenza" - avverte - imbriglia la concorrenza ed è illegittimo. Parte così una procedura d'infrazione contro il nostro Paese, che si dà una mossa.

 

[…] Anzi: lo fa per metà. La legge Comunitaria (la 2017 del 2011) cancella il "diritto di insistenza" e incarica il governo di una riforma organica delle concessioni. La Commissione Ue allora fa un'apertura di credito all'Italia e - a febbraio 2012 - ritira la procedura.

 

salvini in spiaggia salvini in spiaggia

Otto mesi dopo, con un blitz, il Parlamento rinnova le concessioni fino al 2020. La riforma, quella non arriva più. Intanto migliaia di concessionari avviano delle cause. E i loro legali, in Tribunale, cominciano a lamentare il continuo mutare delle regole. Un diritto (la insistenza) è introdotto nel 1993, cancellato (nel 2011), reintrodotto di fatto (nel 2012) grazie alla proroga.

 

[…] La storia si ripete con la legge di Bilancio del 2018 che allunga le concessioni di ulteriori 15 anni, annunciando una riforma organica (che non arriverà). Forti dell'ennesima proroga, molti imprenditori del mare investono […]. Due anni dopo, è il nostro Consiglio di Stato a gelare i loro entusiasmi.

 

Le sentenze 17 e 18 del 2021 contestano la sanatoria di 15 anni perché contraria alla direttiva Bolkestein dell'Ue. Il Consiglio di Stato la limita così al primo gennaio 2024 nella maggioranza dei casi. Avanti e indietro. E nei Tribunali italiani piovono altre centinaia di cause.

 

protesta dei tassisti a roma 1 protesta dei tassisti a roma 1

[…] Il decreto Agosto - il 104 del 2020 - estende anche a loro la proroga di 15 anni. Motivazione, non illogica: c'è il Covid, la crisi morde. L'anno scorso, però, il governo Draghi avverte - con la sua legge sulla Concorrenza - che anche questo prolungamento è illegittimo.

 

[…] Anche i tassisti sono, in buona parte, grandi elettori di FdI, Forza Italia e Lega. Le speranze di una liberalizzazione profonda del settore sono remote […]. E il danno per le persone si rinnova in un Paese che - in media - ha la metà delle auto bianche di Spagna e Francia.

 

GLI AMBULANTI BLOCCANO IL GRA GLI AMBULANTI BLOCCANO IL GRA

D'altra parte, la violenta reazione degli autisti […] costrinse finanche Mario Draghi a tentennare. Servirà un po' di fantasia, allora. Almeno quella. Ne ha certamente il sindaco di Milano Giuseppe Sala che, in queste ore, ripesca un progetto accantonato nel 2019 causa Covid. Aumentare le corse dei taxi senza aumentare le licenze. Come? Permettendo al coniuge del tassista e ai parenti fino a terzo grado di guidare la sua vettura, così da prolungare fino a 16 ore i turni di lavoro della giornata.

 

LA DRAGHETTA - MEME MELONI DRAGHI LA DRAGHETTA - MEME MELONI DRAGHI

"Impenetrabili" alla concorrenza - dice l'Antitrust - sono infine le aree di sosta degli ambulanti su aree pubbliche. L'obbligo di metterle a gara è cancellato dalla legge di Bilancio del 2019. Le concessioni in scadenza sono prorogate al 2032 (dal Decreto Rilancio del 2020).

 

Ora, è vero: le concessioni sono poche. Le imprese ambulanti, fragili, aprono e chiudono determinando un ricambio. E gli ambulanti, tanti tassisti, alcuni balneari non sono certo odiosi milionari. Ma non è milionario neanche chi vorrebbe cercare denaro e fortuna nei loro settori. E ne viene escluso.

concessioni balneari concessioni balneari protesta tassisti a roma 4 protesta tassisti a roma 4 ambulanti in spiaggia ambulanti in spiaggia protesta dei tassisti a roma 4 protesta dei tassisti a roma 4 protesta dei tassisti a roma 5 protesta dei tassisti a roma 5 ambulanti ebrei contestano la raggi ambulanti ebrei contestano la raggi ambulanti ebrei contestano la raggi ambulanti ebrei contestano la raggi concessioni balneari 1 concessioni balneari 1 protesta dei tassisti davanti a palazzo chigi 4 protesta dei tassisti davanti a palazzo chigi 4 fiumicino i tassisti rifiutano clienti dei quartieri vicini 4 fiumicino i tassisti rifiutano clienti dei quartieri vicini 4 scopero tassisti contro il ddl concorrenza 12 scopero tassisti contro il ddl concorrenza 12 scopero tassisti contro il ddl concorrenza 7 scopero tassisti contro il ddl concorrenza 7 scopero tassisti contro il ddl concorrenza 8 scopero tassisti contro il ddl concorrenza 8 concessioni balneari concessioni balneari

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...