CONTE, CHE PAROLAIO! - CARLO COTTARELLI E QUELL’INCONTRO CON CONTE CHE GLI CHIESE DI FARE IL MINISTRO DELL’ECONOMIA PRIMA DEL VOTO DEL 2018: “MI COLPÌ LA SUA PROLISSITÀ. MI SEMBRAVA NON ARRIVASSE MAI AL PUNTO. NON RICORDO NULLA DI QUANTO MI DISSE...DECLINAI LA PROPOSTA DICENDO DI NON ESSERE D’ACCORDO CON LA LORO POLITICA DI BILANCIO” - IL SUPERTECNICO RACCONTA IN UN LIBRO GLI EVENTI CHE PORTARONO MATTARELLA A DARGLI L’INCARICO DI FORMARE UN GOVERNO DOPO LE ELEZIONI DEL 2018, MANDATO CHE POI LUI RIMISE – IL CAPO DELLO STATO GLI DISSE: “LA REPUBBLICA È IN DEBITO VERSO DI LEI”

-

Condividi questo articolo


Antonio Polito per il “Corriere della Sera” - Estratti

COTTARELLI COTTARELLI

 

Che strana la storia di Carlo Cottarelli. Un tecnico, anzi un super tecnico, che dal Fondo monetario ha messo il naso per 25 anni nei bilanci degli Stati di mezzo mondo; che è stato commissario alla spending review di un governo italiano, e poi fondatore di un Osservatorio sui conti pubblici; insomma un fustigatore della politica spendacciona.

 

Ma un tecnico che, proprio per questo, è stato a un passo dal diventare presidente del Consiglio, nell’ora più pericolosa per la Repubblica dai tempi della crisi finanziaria del 2011. E che, sempre da tecnico, capì però subito che sarebbe stato molto meglio per l’Italia se lui quel governo alla fine non l’avesse fatto.

 

Lo racconta in un libro autobiografico ( Dentro il Palazzo ): un lato A dedicato alla breve esperienza da senatore, mandato da cui si è dimesso; e nel lato B gli straordinari eventi che portarono il presidente Mattarella a dargli l’incarico di formare un governo dopo le elezioni del 2018, mandato che poi lui rimise.

CARLO COTTARELLI 22 CARLO COTTARELLI 22

Ma andiamo con ordine.

 

Innanzitutto, dovete sapere che il primo a proporgli di entrare in un governo fu Giuseppe Conte. Il che è davvero singolare, visto che fu poi Conte a prendere il suo posto e a fare davvero il governo. Inoltre fu il partito di Conte, allora guidato da Luigi Di Maio, a minacciare l’ impeachment contro Mattarella proprio perché gli aveva dato l’incarico.

 

Andò così: prima delle elezioni i Cinque Stelle, favoriti nei sondaggi, volevano presentare agli elettori un governo già bell’e pronto. Cottarelli riceve un giorno una telefonata da un signore che non conosce e che lo invita al Caffè Greco a Roma, dice che porta un messaggio di Di Maio: «Mi sembrava non arrivasse mai al punto», racconta Cottarelli di questo avvocato, «sinceramente non ricordo nulla di quanto mi disse... Non fui particolarmente colpito se non per la sua prolissità».

CARLO COTTARELLI A CHE TEMPO CHE FA CARLO COTTARELLI A CHE TEMPO CHE FA

 

Conte gli offre il posto di ministro dell’Economia nel prossimo governo. Lui ci riflette un po’ e risponde: «No grazie, non sono d’accordo con la vostra politica di bilancio» (poi ci provò anche Berlusconi, che addirittura annunciò in tv di aver arruolato Cottarelli, il quale però non ne sapeva niente, e niente ne volle sapere).

 

Arrivano le elezioni. I Cinque Stelle sono il primo partito. La Lega il terzo. I due populismi provano a mettersi insieme. E si scelgono come premier proprio quell’oscuro avvocato del Caffè Greco. Il quale si presenta da Mattarella con la lista dei ministri. C’è un solo problema: al Tesoro, dove avrebbero voluto Cottarelli, ora c’è Paolo Savona.

 

matteo salvini giuseppe conte matteo salvini giuseppe conte

Diciamo che, rispetto all’Europa, i due erano come il diavolo e l’acqua santa. Tanto europeista Cottarelli quanto euroscettico l’altro, che aveva addirittura partecipato alla stesura di un piano B per l’uscita dall’euro. Situazionismo politico. Mattarella, che per Costituzione ha il potere di nominare i ministri, non accetta Savona, e invita i gialloverdi a cambiare cavallo. Di Maio e Salvini rifiutano. Lo spread prende il volo. Caos totale. A quel punto il Quirinale fa la mossa del cavallo. Convoca Cottarelli e gli dice: guidi lei un governo tecnico, composto da personalità indipendenti che s’impegnino a non candidarsi alle prossime elezioni. Se avrà la fiducia va avanti fino a fine anno, per la legge di Bilancio, e poi si dimette. Se non l’avrà, sciolgo le Camere e lei gestirà le immediate elezioni.

 

cottarelli cottarelli

Cominciano così le «quattro giornate di Cottarelli», catapultato al vertice della politica romana con un trolley, un laptop e uno zainetto. A scegliere tredici ministri e un sottosegretario alla presidenza ci mette poco. 

 

(...)

 

Così, quando torna al Quirinale e Mattarella gli chiede che intenda fare, Cottarelli saggiamente risponde: un governo senza la fiducia non può gestire questa crisi, qui in un niente arriviamo a 1.000 di spread. È lui stesso che suggerisce di riprovare con i due dioscuri gialli e verdi: che cambino Savona al Tesoro e facciano un governo politico.

 

sergio mattarella cerimonia giorno della memoria sergio mattarella cerimonia giorno della memoria

Sappiamo tutti come è finita: esattamente così. La crisi del 2018 fu forse il punto più basso dell’impazzimento del sistema politico italiano. Se ne uscì grazie alla pazienza infinita del presidente, e al senso dello Stato di questo mancato Cincinnato. Uscendo dal Quirinale, dopo aver rimesso il mandato, Mattarella gli disse: «La Repubblica è in debito verso di lei». L’uomo provò un moto di orgoglio. L’economista pensò al debito pubblico, e rabbrividì.

carlo cottarelli foto di bacco (2) carlo cottarelli foto di bacco (2) carlo cottarelli carlo cottarelli carlo cottarelli foto di bacco (2) carlo cottarelli foto di bacco (2) CARLO COTTARELLI 22 CARLO COTTARELLI 22

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."