IL COUNTDOWN PER EVITARE LA CRISI – LA CACCIA AL GAS DI DRAGHI È UNA CORSA CONTRO IL TEMPO PER SCONGIURARE LE PESANTI CONSEGUENZE DELLA GUERRA. SORGI: “IL PREMIER SI SENTE OBBLIGATO A FARE QUEL CHE STA FACENDO: E NON SOLO IN FORZA DEL SUO ESEMPIO, “PACE O CONDIZIONATORI”, MA DEL RISCHIO, CHE L'ITALIA NON PUÒ CONSENTIRSI, DI UNA FASE DI RECESSIONE CONSEGUENZA DI UNA CRISI ENERGETICA CHE SFOCI IN CRISI ECONOMICA…”

-

Condividi questo articolo


Marcello Sorgi per “La Stampa”

mario draghi conferenza stampa algeri mario draghi conferenza stampa algeri

 

Congo e Angola il 20 e 21 aprile. Mozambico ai primi di maggio, forse il 7. Mario Draghi prosegue nella sua strategia di costruzione di un piano di approvvigionamento energetico alternativo a quello fin qui assicurato dalla Russia. In questo caso circa 5 miliardi di metri cubi di metano, da mettere nel piatto della bilancia che alla fine del lungo tour del presidente del consiglio dovrà compensare i quasi trenta miliardi provenienti da Mosca.

 

MEME SU DRAGHI E IL CONDIZIONATORE MEME SU DRAGHI E IL CONDIZIONATORE

Dopo le polemiche di questi giorni per l'accordo con l'Egitto, che da solo vale 3 miliardi di metri cubi, Draghi ha dalla sua solo la propria testardaggine. A chi glielo ha chiesto, il premier ha spiegato che anche in passato la politica energetica ha sempre portato con sé un certo tasso di contraddizioni e che l'Italia, essendo un Paese scarso di materia prima, deve fare i conti prima di tutto con questo aspetto della realtà, oltre che con gli errori e le superficialità del passato.

 

MEME SU DRAGHI E IL CONDIZIONATORE MEME SU DRAGHI E IL CONDIZIONATORE

In un certo senso il premier si sente obbligato a fare quel che sta facendo: e non solo in forza del suo - famoso ormai - esempio, «pace o condizionatori», ma del rischio, che l'Italia non può consentirsi, di una fase di recessione conseguenza di una crisi energetica che sfoci in crisi economica. È come se Draghi dicesse - ma non lo dice e si guarda bene dal dirlo -: i partiti giocano con le parole e non si rendono conto del pericolo a cui andrebbe incontro il Paese, di fronte a un non improbabile prolungamento strisciante della guerra.

 

MARIO DRAGHI 1 MARIO DRAGHI 1

Qualcosa che nessuno si augura, ma che il governo deve comunque mettere in conto. I dati sul primo lungo week-end di vacanza sono insieme confortanti e preoccupanti. Quindici milioni di italiani in movimento, sette milioni e mezzo di turisti stranieri, in maggioranza americani, in arrivo, testimoniano, sia la voglia di svago e consumi su cui si era basata la ripresa economica della seconda metà del 2021, sia la conferma che l'Italia resta una meta turistica ambita. Una ragione in più, per Palazzo Chigi, per tenere d'occhio le necessità delle imprese anche quando la buona stagione sarà finita.

MEME SU DRAGHI E IL CONDIZIONATORE MEME SU DRAGHI E IL CONDIZIONATORE MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI 1 MARIO DRAGHI 1 MARIO DRAGHI MARIO DRAGHI MEME SU DRAGHI E IL CONDIZIONATORE MEME SU DRAGHI E IL CONDIZIONATORE

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE