1. RETROSCENA: CHI E COSA HA FATTO CAMBIARE IDEA A LUIGI DI MAIO SUL GOVERNO CONTE-BIS? 
2. GIGGETTO VOLEVA RITORNARE CON SALVINI CHE GLI AVEVA OFFERTO LA POLTRONA DI PREMIER  
3. IL BIS-CONTE PROMETTE DI ESSERE ARBITRO E LEADER TRA M5S E PD (DOVE GIÀ SI FIDANO PIÙ DI LUI CHE DI RENZI) E DI NON PARLARE PIÙ CON DAVIDE CASALEGGIO: ORA È CONSIDERATO UN PRIVATO IMPRENDITORE CHE REMAVA, IN DUPLEX CON DI MAIO, CONTRO LA SUA RICONFERMA A PALAZZO CHIGI 
4.I DUE KINGMAKER DEL BIS-CONTE, FRANCESCHINI E SPADAFORA (DA GIGGETTO PASSATO CON CONTE)

Condividi questo articolo

DAGONEWS

 

giuseppe conte luigi di maio giuseppe conte luigi di maio

I primi passi del Conte bis: l'"avvocato del popolo" intende essere arbitro politico, non rinnegando il rapporto privilegiato coi 5 Stelle ma senza essere troppo legato a Di Maio. Nel Pd già lo adorano e lo considerano più leale e affidabile di Renzi. Non intende più parlare con Casaleggio, espressione di un'azienda privata che ha pure remato contro la nascita del suo secondo governo.

 

E Casalino? Conte ha notato che negli ultimi sei mesi l'atteggiamento di Rocco è cambiato: meno spaccone, meno straripante, soprattutto molto meno legato ai suoi danti causa grillini, cioè Di Maio e Casaleggio, non a caso contrari al Conte-bis e dunque al Casalino-bis. Ovviamente il suo potere, ora che è l'unico galletto di Palazzo Chigi, è aumentato.

 

salvini conte salvini conte

Deve vedersela con l'altro kingmaker di questo governo, ovvero Vincenzo Spadafora, colui che ha mandato avanti la trattativa con Franceschini affinché M5S e Pd dimenticassero anni di insulti e odio reciproco.

 

Se la delegazione ufficiale era composta da Paola De Micheli, Marcucci, Delrio e Orlando (che si incontravano con i grillini D'Uva, Patuanelli, Perilli e Silvestri), dietro le quinte lavoravano Su-Dario e Vincenzino, che aveva già portato a casa il voto su Ursula von der Leyen con la sponda di David Sassoli, presidente dell'Europarlamento eletto con il Pd (e che in cambio gli ha garantito una vicepresidenza grillina, Massimo Castaldo).

DARIO FRANCESCHINI PAOLA DE MICHELI DARIO FRANCESCHINI PAOLA DE MICHELI

 

Il nuovo compito di Spadafora, in quei giorni di trattative serrate, era convincere Di Maio della bontà dell'operazione. Luigino non ha gradito questo essere messo di lato, anche perché era ingolosito dall'offerta di Salvini: facciamo pace e ti do pure la presidenza del Consiglio. Parlando con un'alta carica dello Stato originaria delle sue parti, Di Maio aveva fatto capire che se Rousseau avesse bocciato l'alleanza col Pd, sarebbe tornata in campo l'ipotesi Lega, e con essa la poltrona di Palazzo Chigi.

luigi di maio vincenzo spadafora luigi di maio vincenzo spadafora

 

Ma il magistrato smagato gli ha detto chiaramente che in caso di bocciatura, Mattarella non gli avrebbe mai regalato la Presidenza del Consiglio per rimettere in piedi lo stesso governo appiccicaticcio che Salvini aveva fatto saltare dal Papeete. Avrebbe mandato tutti al voto e i 5 Stelle sarebbero stati obliterati, avendo pure tradito le origini del Movimento con il tentativo di alleanza piddina.

 

Per Di Maio sarebbe stata una doppia sconfitta: niente premiership e scoppola elettorale. È stato allora che si è convinto ad accettare il Conte-bis, rinunciando anche alla carica di vice.

 

giuseppe conte dario franceschini giuseppe conte dario franceschini ROCCO CASALINO GIUSEPPE CONTE BY LUGHINO ROCCO CASALINO GIUSEPPE CONTE BY LUGHINO LUIGI DI MAIO DAVIDE CASALEGGIO LUIGI DI MAIO DAVIDE CASALEGGIO davide casaleggio luigi di maio davide casaleggio luigi di maio giuseppe conte con rocco casalino alla conferenza stampa giuseppe conte con rocco casalino alla conferenza stampa

 

 

Condividi questo articolo

politica