DAGONEWS - TUTTI I DIRIGENTI CHE LAVORAVANO CON COLAO ABBANDONANO LA NAVE. DA QUANDO BUTTI HA ASSUNTO COME CONSULENTE SAMUELE PASI SI SONO QUASI TUTTI AMMUTINATI. PASI, EX ARCELORMITTAL E JP MORGAN, TRATTA TUTTI CON SUFFICIENZA E SUPERIORITÀ, CRITICANDO TUTTO IL LAVORO SIN QUI FATTO. BUTTI INOLTRE, POCO CONSIDERATO DAI MAGGIORENTI DEL PARTITO DELLA MELONI, STA FACENDO INCURSIONI ASSAI POCO ETICHE NEL DOSSIER TIM…

-

Condividi questo articolo


SAMUELE PASI SAMUELE PASI

DAGONEWS

Tutti i dirigenti che lavoravano con Colao abbandonano la nave.

 

Da quando Butti ha assunto come consulente Samuele Pasi quasi tutti si sono ammutinati.

 

Pasi, oggi proprietario della Pasi & Co ma ex ArcelorMittal e ex JP Morgan tratta tutti con sufficienza  e superiorità, criticando tutto il lavoro son qui fatto.

 

Inoltre Butti, poco considerato dai maggiorenti del partito della Meloni, sta facendo incursioni assai poco etiche nel dossier TIM.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

VITTORIO COLAO A CERNOBBIO VITTORIO COLAO A CERNOBBIO

 

 

ALESSIO BUTTI ALESSIO BUTTI ALESSIO BUTTI GIORGIA MELONI ALESSIO BUTTI GIORGIA MELONI alessio butti alessio butti ALESSIO BUTTI GIORGIA MELONI ALESSIO BUTTI GIORGIA MELONI ALESSIO BUTTI GIORGIA MELONI ALESSIO BUTTI GIORGIA MELONI

 

 

VITTORIO COLAO A CERNOBBIO VITTORIO COLAO A CERNOBBIO vittorio colao vittorio colao

 

 

Condividi questo articolo

politica

“LETIZIA MORATTI? UNA RICCA SIGNORA, ANNOIATA E IN CERCA DI UNA POLTRONA, COSTRETTA A COMPORTARSI COME UNA QUALSIASI SCIACALLA – LICIA RONZULLI CHE TEME IL PREVISTO TONFO DI FORZA ITALIA ALLE REGIONALI LOMBARDE SIA L'INIZIO DELLA SUA FINE POLITICA E SPARA CANNONATE SU LADY MESTIZIA: “PROVO TRISTEZZA PER LA SIGNORA MORATTI. GALLINA CHE CANTA HA FATTO L'UOVO…” -  “KISS ME LICIA” SMENTISCE LA RICOSTRUZIONE DI “REPUBBLICA” SECONDO CUI BERLUSCONI AVREBBE PREFERITO APPOGGIARE LA CANDIDATA DEL TERZO POLO ALLE REGIONALI...

COME VOLEVASI DIMOSTRARE, IL MOTORE FRANCO-TEDESCO È RIPARTITO, E L’ITALIA STA A GUARDARE. È QUESTO IL VERO GUAIO DI GIORGIA MELONI (ALTRO CHE COSPITO E DONZELLI)  – I MINISTRI DELL’ECONOMIA DI PARIGI E BERLINO, LE MAIRE E HABECK, VOLANO A WASHINGTON PER “DIFENDERE” GLI INTERESSI DELL’UE IN RISPOSTA ALLE NORME SUGLI AIUTI DI STATO AMERICANI. I DUE PARLERANNO A NOME DI BRUXELLES DA UNA POSIZIONE DI FORZA, E LA MELONI, CHE AVEVA CHIESTO INUTILMENTE UN FONDO SOVRANO A URSULA E SCHOLZ, RESTA ALL’ANGOLO A RACCATTARE LE BRICIOLE… - IL DAGOREPORT