1. IL 18 LUGLIO, CON LA RIELEZIONE DI VON DER LEYEN ALLA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EU, LA VOLPE DELLA GARBATELLA FINIRÀ APPESA IN QUALCHE PELLICCERIA DI BRUXELLES
2. A DIGIUNO DI CULTURA DI POTERE, MELONI HA CURATO LA SUA MEDIOCRITÀ POLITICA CON COMPULSIVE OVERDOSE DI ARROGANZA. SCAMBIANDO BRUXELLES PER ROMA, LA DUCETTA PENSAVA DI PRENDER PER CULO GENTE CHE DA DECENNI MANGIA POTERE E AFFETTA MELONI
3. LA GIORGIA CHE DOMANI ATTERRERÀ A WASHINGTON PER IL SUMMIT DELLA NATO SARÀ UNA GIORGIA CHE SI RITROVERÀ NONNO BIDEN IN CARROZZINA E UN MACRON SULLA BIGA, RINGALLUZZITO DALL’INATTESA RESURREZIONE, SARA' PIÙ SPAVALDO CHE MAI NEI CONFRONTI DEL “CAMALEONTE” ITALIANO FINITO NEL CUL DE SAC DELL’IRRILEVANZA POLITICA EUROPEA

Condividi questo articolo


meloni biden meloni biden

DAGOREPORT

La Meloni che domani atterrerà a Washington per il summit della Nato – dal 9 all’11 luglio 2024 – sarà una Giorgia molto diversa dall’abituale Ducetta. Intanto si ritroverà davanti a un Biden talmente nel pallone (entro il fine settimana conoscerà il suo fatal destino) che di far il nonno picchiatello, mollando bacetti sulla testona bionda del premier italiano, sarà il suo pensiero più lontano.

 

A seguire, la Melona dovrà ingoiare il rospo ridiventato principe, Emmanuel Macron. Ringalluzzito dall’inattesa resurrezione del suo partito, sicuro di trovare una quadra con Mélenchon e Glucksmann del Fronte Popolare attraverso la mediazione di Hollande, il presidente francese sarà domani ancor più spavaldo nei confronti del “camaleonte” italiano finito nel cul de sac dell’irrilevanza politica europea.

 

giorgia meloni guarda in cagnesco emmanuel macron g7 2 giorgia meloni guarda in cagnesco emmanuel macron g7 2

In vista del voto segreto del 18 luglio per la sua rielezioni alla presidenza della Commissione europea, la scaltra Ursula von der Leyen ha infatti contratto una ottima polizza assicurativa contro i franchi tiratori, che si annidano numerosi nei Ppe, col Partito Verde Europeo (Pve) che conta 53 parlamentari.

 

Se Ursula, vincolata dall’accordo della triade del Consiglio Europeo che la supporta (popolari-socialisti-liberali), nel suo discorso programmatico al nuovo parlamento europeo non dirà nemmeno mezza parola per raccattare i voti dei Verdi, a loro volta i Verdi, che non sono scemi, dimenticheranno la fissa del detestatissimo Green Deal e non chiederanno niente a Ursula, che si ritroverà però con i 54 voti salva-vita. Poi, una volta fatta la festa, verrà gabbato il Santo.

ROBERTO VANNACCI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI - MEME BY EDOARDO BARALDI ROBERTO VANNACCI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI - MEME BY EDOARDO BARALDI

 

A quel punto, dal famoso “pacchetto” (Mes, Patto di Stabilità, Pnrr) alla Camaleonte della Garbatella è stato rifilato un cocente “pacco”. Adesso,  i voti dei Camerati d’Italia te li puoi mettere in quel posto, insieme a al tuo impresentabile vicepremier, Matteo Salvini. Che, tanto per farle saltare gli ultimi otoliti, ha issato il generale Vannacci tra i vice del Patrioti di Orban.

 

Il 18 luglio scenderà il sipario sulle ambizioni sbagliate della miracolata del Colle Oppio, issata a Palazzo Chigi del tutto a digiuno della cultura del potere, che ha curato la sua fragilità politica con overdose di arroganza ("Qui comando io!").

 

Se la formula del Marchese del Grillo riesce in qualche a funzionare a Roma, perché non provarci con Bruxelles? Essì, nella sua inadeguatezza, la poverina pensava così di poter prender per culo gente che da decenni mangia potere e affetta Meloni. Così, il 18 luglio, la volpe della Garbatella finirà in qualche pellicceria di Bruxelles.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)